Letteratura - Approfondimenti

Giovan Battista Marino

Approfondimento/Riassunto su: Giovan Battista Marino

La vita


Giovan Battista Marino nacque a Napoli nel 1569 e fu avviato dal padre agli studi legali, che però abbandonò a 20 anni per dedicarsi interamente all’attività letteraria. La pubblicazione nel 1602 a Venezia delle “Rime”, opera che ottenne vasti consensi e consacrò il talento eccezionale dell’autore,  gli valse un impiego, dal 1604, presso il cardinale Aldobrandini: visse al seguito di questi a Ravenna, soggiornandovi due anni e entrando in contatto con gli ambienti letterari e artistici bolognesi. Passò quindi nel 1608 a Torino, presso la corte di Vittorio Emanuele I, per poi trasferirsi nel 1615 a Parigi da Maria de’ Medici e ottenere una lauta pensione che non comportava alcun obbligo cortigiano e gli dava la possibilità di dedicarsi alla revisione e pubblicazione delle numerose opere completate negli anni precedenti. Tornato a Napoli negli ultimi anni, condusse uno stile di vita dispendioso, socialmente animato e brillante: morì nel 1625 ricchissimo, osannato come poeta eccezionale e trattato da pari dalla nobiltà.

I punti di forza


La vita artistica di Marino ha dello straordinario: nell’arco di pochissimi anni il poeta fu infatti capace di passare dalla condizione di artista valido ma provinciale, all’esponente più ammirato, commentato e celebre della nuova scuola barocca italiana.
Ciò fu dovuto a diversi fattori.
Marino era anzitutto un maestro dell’ autopromozione: la sagace amministrazione delle proprie capacità, le profonde relazioni con gli intellettuali del tempo, la ricerca di consensi e di protezioni da parte di personaggi potenti gli permisero di attirare su di sé la polemica o il sostegno della classe dirigente del tempo.
Egli fu inoltre in grado di rispondere con raro tempismo alle esigenze della civiltà che il nuovo secolo andava maturando: Marino percepì le modificazioni in atto, la crisi di ideali e di certezze, il senso di sfiducia e le spinte innovative che si stavano affermando e le fece proprie.

Le opere e i temi


Nell’opera “Lira” Marino racchiude numerose poesie amorose, encomiastiche e sacre, suddividendole per tema, metro ed argomento: questa catalogazione del reale è una modalità operativa inventata dallo stesso letterato con l’obiettivo di categorizzare, ordinare e meglio interpretare una realtà caotica e in costante evoluzione, che tende a sfuggire dalla comprensione della gente. Attraverso tale espediente è possibile per Marino ristabilire un rapporto tra le cose e capirle in profondità. I dodici “ Idilli mitologici e pastorali della Sampogna” hanno per oggetto altrettante esperienze erotiche tramandate dal mito e dalla letteratura. La “ Galeria” raccoglie una serie di componimenti poetici dedicati alla descrizione di quadri e sculture e si distingue per il carattere intellettualistico, raffinato ed elitario dei versi.
L’opera più importante di Giovan Battista Marino è senza dubbio l’ “Adone”, un poema di più di 40.000 versi che tratta della favola mitologica degli amori di Venere e Adone, di cui già Ovidio aveva parlato nelle “ Metamorfosi” in soli 73 versi. L’opera si propone come una sorta di enciclopedia che esaurisce tutto il conoscibile, categorizzandolo e commentandolo: la voce del poeta vi emerge come parola amante della bellezza, dell’esotismo, della raffinatezza, della ricerca di opportunità che possano stimolare il piacere dei sensi. Ciò su cui si sofferma l’autore è la creazione e la fruizione della sensazione, fine a se stessa ed esaltata nella sua capacità di creare piacere.

Altri appunti sul Giovan Battista Marino

Se non hai trovato quello che cercavi, clicca qui. Su StudentVille.it non c'è mai una sola risorsa!