Manzoni e I Promessi Sposi - Approfondimenti

Capitolo 31 dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

Approfondimento/Riassunto su: Capitolo 31 dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

RIASSUNTO CAPITOLO 31 PROMESSI SPOSI

Riassunto breve del Capitolo 31 dei Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

Nel capitolo 31 Manzoni mette in evidenza il comportamento di una popolazione spaventata.
La peste agisce generalmente in poche ore, a volte di più, ma comunque in tempi brevi, portando rapidamente alla morte dei contagiati. In pochi casi si guarisce e allora si è immuni.

RIASSUNTO PROMESSI SPOSI CAPITOLO 31 BREVE: LA PESTE

La peste provoca la degenerazione delle ghiandole linfatiche in bubboni (da qui il nome, peste bubbonica). Vengono organizzate riunioni all’ aperto per pregare insieme Dio che faccia scomparire questa terribile malattia, il che, invece di fermare la diffusione di questa malattia, la accelera, perché la gente sana stando a contatto con quella malata, veniva contagiata facilmente.
Gli abitanti iniziano addirittura a pensare che ci sia qualcuno che di proposito diffonde la malattia, gli untori. In realtà gli untori non esistono, ma si sono verificati casi in cui il popolo, spinto dalla disperazione, ha deciso di uccidere qualcuno sospettato di aver diffuso intenzionalmente la peste. Un esempio è il vecchio che fu ucciso perché in Duomo, prima di sedersi, aveva spazzolato la panca sporca con il cappello, ed era stato accusato di star spargendo la malattia.

RIASSUNTO PROMESSI SPOSI DI ALESSANDRO MANZONI: LE FONTI

Ecco tutto quello che ti occorre per studiare al meglio i Promessi Sposi:

Hai bisogno di altri riassunti o temi svolti? Rivolgiti a noi! iscriviti al gruppo Sos Compiti: riassunti e temi svolti