Alimenti e Alimentazione

  • Materia: Alimenti e Alimentazione
  • Visto: 191
  • Data: 04/03/2016
  • Di: Angela Ardizzone

La dieta macrobiotica: ricette ed esempio di menu

Dieta Macrobiotica. In cosa consiste la dieta macrobiotica ed esempio di menu.

LA DIETA MACROBIOTICA: RICETTE ED ESEMPIO DI MENU. La dieta macrobiotica fu ideata nei primi anni del ‘900 dal giapponese George Oshawa, ma si è diffusa solo nel dopoguerra. L’ideatore l’ha ripresa dai monaci Zen; l’obiettivo è cercare un equilibrio tra individuo e natura. La filosofia macrobiotica divide gli alimenti in due categorie principali gli alimenti: i cibi YANG ed i cibi vegetali YIN. All’interno di ogni categoria poi i singoli alimenti sono classificabili in più o meno yin e più o meno yang. I cibi yin caratterizzati da forza centrifuga tendono a rilassarci e a dispiegarci mentalmente, mentre i cibi yang, caratterizzati da forza centripeta, tendono a renderci contratti e attivi. Questi due principi si attraggono e si respingono continuamente; tutti i cibi sono classificati in ordine alla predominanza di yin o yang.

DIETA MACROBIOTICA ESEMPIO: I CIBI YANG E YIN. I cibi yang contengono più sodio, hanno sapore salato, poco dolce o piccante e maggiore alcalinità. Quelli yin contengono più potassio, hanno sapore acido, amaro, molto dolce o aromatico e un più alto tasso di acidità. Nelle stagioni e regioni calde (yang) è bene consumare più vegetali, soprattutto quelli di qualità yin; viceversa nelle stagioni e nelle regioni più fredde (yin) sarà consigliabile consumare vegetali di qualità prevalentemente yang. La cottura è un procedimento che aumenta il fattore yang degli alimenti, soprattutto se viene eseguito con sistema a pressione. In primavera e d’estate sarà bene diminuire progressivamente i tempi di cottura; in autunno e maggiormente in inverno si consiglia invece di aumentarli.
 

DIETA MACROBIOTICA: INGREDIENTI BASE DELLA CUCINA MACROBIOTICA. Ecco gli ingredenti che si utilizzano in un menu macrobiotico:

  • CEREALI: appartengono alla famiglia delle graminacee. Rappresentano il fulcro del nutrimento umano per la loro capacità di saziare rapidamente, perché si conservano facilmente e perché possono essere coltivati in diverse fasce climatiche, fino a 3-4000 m. di altitudine.
  • LEGUMI: sono la principale fonte di proteine e alla loro carenza di aminoacidi essenziali si può ovviare, accompagnandoli ai cereali. Dovrebbero rappresentare dal 5% al 10% di un pasto ben bilanciato. Per facilitarne la digestione devono essere ben cotti.
  • VERDURE: sono un’importantissima fonte di Sali minerali, vitamine e, in minor misura proteine, zuccheri e grassi. Sono più yang le verdure che crescono sotto terra, più yin quelle che crescono sopra il livello del suolo. E’ importante mangiare verdure di stagione provenienti da coltivazioni biologiche ed il più fresche possibile affinché conservino una maggiore energia vitale e tutti i loro principi alimentari. Sono da evitare pomodori, melanzane, patate e peperoni perché contengono sostanze tossiche per nostro organismo.
  • ALGHE: rappresentano un cibo prezioso per chi è abituato ad un’alimentazione eccessiva, perché la loro abbondanza di minerali ha un effetto alcalinizzante sul sangue, che viene così purificato dagli effetti acidificanti della dieta moderna. Alcune contengono più proteine del latte e sono quasi tutte prive di calorie; contengono inoltre molte vitamine, anche se in minor quantità che nelle verdure di terra. Le alghe aiutano anche a dissolvere i grassi e i depositi di muco che si formano nell’organismo a causa dell’eccessivo consumo di carne, prodotti caseari e cibi ricchi.
     

DIETA MACROBOTICA: LE REGOLE DI GEORGE OSHAWA. Le dieci regole per alimentarsi convenientemente: 

  1. Non prendete cibi né bevande forniti dall’industria
  2. Cucinate i vostri alimenti conformemente ai princìpi macrobiotici, cioè con l’olio vegetale o acqua. Salate con sale marino non raffinato e non arricchito
  3. Man mano che la vostra condizione fisica e morale migliorerà e comprenderete meglio il principio Yin-Yang, tenterete dei regimi più bassi sulla tabella, ma con grande prudenza
  4. Non mangiate né frutta né legumi coltivati con concimi chimici, o che sono stati protetti con insetticidi
  5. Non prendete alimenti provenienti dai paesi lontani da dove vivete
  6. Non mangiate alcun legume fuori stagione
  7. Evitate il più possibile gli ortaggi più yin, come le patate ed i pomodori
  8. Non usate spezie né ingredienti chimici, ad eccezione del sale naturale, delle salse macrobiotiche e del miso
  9. Il caffè è proibito, non bevete tè che contenga coloranti cancerogeni
  10. Quasi tutti gli alimenti di origine animale sono stati trattati chimicamente, mentre la maggior parte degli animali selvatici ne sono esenti.