Alimenti e Alimentazione

  • Materia: Alimenti e Alimentazione
  • Visto: 181
  • Data: 05/04/2016
  • Di: Angela Ardizzone

La malnutrizione

La malnutrizione: cos'è e cosa comporta non assumere tutte le sostanze utili all'organismo o assumerle in eccesso.

LA MALNUTRIZIONE. Lo stato di nutrizione è la condizione biologica ottenuta dal rapporto tra il fabbisogno di nutrienti e la loro assunzione e utilizzo. Se vi è equilibrio, si parla di eunutrizione(buona nutrizione); se l’equilibrio è alterato, si hanno le malnutrizioni.

Le malnutrizioni possono essere:
● per difetto ossia iponutrizione,che può essere globale o di vitamine e minerali
● per eccesso o ipernutrizione globale

In base alla causa si differenziano in:
● malnutrizioni primarie, provocate dalla disponibilità e assunzione di cibo (carestie, povertà, cattive abitudini)
● malnutrizioni secondarie, causate da particolari condizioni fisiologiche (gravidanza, allattamento, febbre ecc.) o da patologie che compromettono la digestione e l’assorbimento dei nutrienti

Lo stato di nutrizione è determinato da tre variabili:
● il bilancio energetico che può risultare in equilibrio, positivo, negativo
● la composizione corporea, in particolare la quantità di massa grassa e magra
● la funzionalità corporea

I metodi per rilevare lo stato di nutrizione possono essere:
● diretti: attraverso la misura di altezza, peso, circonferenza del braccio (indici antropometrici), attraverso analisi del sangue e delle urine (indici biochimici), valutando la capacità di produrre anticorpi (indici immunologici)
● indiretti: attraverso la raccolta di dati sui consumi alimentari, sui bilanci alimentari nazionali ecc.

TIPI DI MALNUTRIZIONE. Le malnutrizioni vitaminiche sono piuttosto diffuse in alcune aree del mondo; si definisce avitaminosi la carenza totale di vitamine; ipovitaminosi, la carenza parziale con sintomi palesi o non manifesti.
Le malnutrizioni vitaminiche per eccesso, molto rare, interessano solo quelle liposolubili, che, a differenza delle idrosolubili, si possono accumulare nei tessuti, causando intossicazioni anche gravi.

COSA COMPORTA LA MALNUTRIZIONE. I sali minerali sono sostanze essenziali e devono quindi essere introdotti con gli alimenti; una dieta varia ed equilibrata ne soddisfa il fabbisogno. Le eventuali carenze possono essere dovute ad un ridotto assorbimento (come per il calcio e il ferro) o perché alcune aree geografiche ne sono prive (iodio e selenio). Eventuali malnutrizioni per eccesso sono dovute ad una prolungata assunzione di integratori e solo raramente a cause alimentari.

La carenza o l’eccesso di uno o più nutrienti, possono diventare un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari o certe forme di cancro.

Tra le malattie cardiovascolari (MCV), l’infarto, la prima causa di morte in Italia, è dato dalla morte dei tessuti della parete del cuore, causata dal ridotto afflusso di sangue per l’occlusione di un’arteria coronaria. L’ictus è invece un infarto o una emorragia cerebrale provocati dall’occlusione o dalla rottura di un’arteria. Tra i fattori di rischio per l’infarto vi sono, oltre alla predisposizione familiare, il fumo, il soprappeso, l’ipercolesterolemia e l’ipertensione, che è anche il principale fattore di rischio per l’ictus.
Tra le principali cause di tumori, vi è un’alimentazione scorretta: l’eccesso di alcuni nutrienti (grassi e proteine), la carenza di vitamine antiossidanti (A, C, E) o minerali (selenio e
zinco) possono incrementare il rischio del cancro. Inoltre, negli alimenti si possono trovare
sostanze cancerogene naturali o formate durante la cottura o prodotte da microrganismi.