Costruzioni

  • Materia: Costruzioni
  • Visto: 673
  • Data: 29/04/2014
  • Di: Redazione StudentVille.it

Appalti

Cosa sono gli appalti e le loro caratteristiche principali.

Gli obblighi a carico del committente dell’appalto o del cantiere temporaneo sono:

1) La verifica dell’idoneità tecnico professionale dell’impresa o del lavoratore autonomo cui viene affidato l’appalto;

2) L’informazione sui rischi presenti negli ambienti di lavoro;

3) L’individuazione e la valutazione dei rischi di interferenze derivanti dalla presenza di una o più attività in appalto;

4) La suddivisione delle attività in fasi in modo da ridurre i rischi di interferenze;

5) L’individuazione delle misure di prevenzione e protezione per ridurre i rischi;

6) La stesura della documentazione di sicurezze contenente la valutazione dei rischi, le fasi e le misure individuate (DUVRI negli appalti interi, PSC nei cantieri temporanei) ;

7) Il coordinamento delle attività nel corso dello svolgimento dei lavori;

8) L’aggiornamento della documentazione della sicurezza.

Gli obblighi a carico dell’appaltatore sono:

1) Valutazione dei rischi specifica per l’attività da svolgere in appalto

2) L’impiego ad osservare quanto previsto nel DUVRI per gli appalti interni o nel PSC per i cantieri temporanei;

3) L’individuazione delle figure incaricate di attuare le misure di prevenzione e protezione individuate dal committente per ridurre interferenze;

4) L’attuazione delle misure individuate;

5) La cooperazione con le altre imprese o lavoratori autonomi nelle attività di coordinamento nel corso dello svolgimento dei lavori.

L’obbligo di verifica dell’idoneità tecnico professionale a carico del committente, si assolve:

- Per gli appalti interni acquisendo:

• Il certificato di iscrizione alla CCIAA dell’impresa appaltatrice;

• L’autocertificazione dell’appaltatore del possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale;

- Per i cantieri temporanei e mobili acquisendo la documentazione prevista nell’allegato XVII che consiste in:

• Certificato di iscrizione alla CCIAA;

• Documento di valutazione dei rischi di conformità delle attrezzature e delle opere provvisionali, dei dpi utilizzati e della formazione e idoneità sanitaria per i lavoratori autonomi;

• Documento unico di regolarità contributiva, disciplinato con il decreto ministeriale 24 ottobre 2007, “documento unico di regolarità contributiva” , e che è previsto per attestare la regolarità delle corresponsioni contributive aziendali per le imprese che operano in appalto, definendo le modalità, i soggetti tenuti al rilascio del DURC, le eventuali cause ostative al suo rilascio;

• Dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti sospensivi o interdittivi.