Costruzioni

  • Materia: Costruzioni
  • Visto: 794
  • Data: 10/12/2013
  • Di: Redazione StudentVille.it

Solai

Come sono strutturati i vari tipi di solai.

Si ricorda che la normativa italiana raccomanda di eseguire solai efficacemente collegati con le murature e planimetricamente rigidi.
Fanno parte di queste caratteristiche i solai di legno, legno e laterizio, in profilati d’acciaio, in acciaio e in cemento armato, mentre i solai in laterizio armato e quelli in latero-cemento non rispondono di queste caratteristiche, essendo eseguiti a getto rasato.
I solai in laterizio armato sono quindi strutture leggere, adatte a soffitti o a vani non agibili; infatti si trovano in edifici esistenti e quindi il loro studio risulta di notevole interesse per il recupero e riuso degli stessi.


CORDOLI

Si ricorda che tutti i solai devono essere vincolati alle strutture murarie verticali mediante cordoli in cemento armato.

Si definiscono inoltre cordoli gli elementi strutturali orizzontali di ripartizione del carico, con funzione di legatura o di irrigidimento delle murature e dei solai.

Avranno:

- altezza pari a quella del solaio e non meno di metà della larghezza delle murature;

- larghezza non inferiore a 12 cm e comunque non meno dei 2/3 dello spessore del muro.
Inoltre saranno armati con almeno quattro tondini longitudinali e staffe Ø 6 a distanza non superiore a 30 cm.

 

INCATENAMENTI

Indipendentemente dai cordoli che hanno lo scopo di formare l’ancoraggio dei solai delle murature, si dovranno prevedere degli incatenamenti  che assolvono la funzione di collegamento fra i muri, pertanto essi assumono particolare importanza nei casi di coperture a volta.
Gli incatenamenti sono realizzati con barre d’acciaio, adeguatamente inserite nei getti di calcestruzzo, disposte trasversalmente all’orditura dei solai.