Economia Aziendale

  • Materia: Economia Aziendale
  • Visto: 2588
  • Data: 25/10/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Beni, bisogni e attività economica

Caratteristiche dei beni e dei bisogni; cos'è l'attività economica.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Come ben sappiamo l’attività economica è intesa come qualsiasi attività che si indirizzi a rendere disponibili all’uomo dei beni economici.


I bisogni

Il bisogno è una sensazione di insoddisfazione per la mancanza di qualche cosa che
scompare o diminuisce attraverso l’utilizzo o il consumo di una mezzo idoneo, il bene.

Caratteristiche dei bisogni:

  • Illimitatezza = i bisogni sono molteplici e tendono ad aumentare con il miglioramento del tenore di vita (compri un PC che in seguito avrà bisogno di manutenzione)
  • Saziabilità = i bisogni diminuiscono man mano che si procede alla loro parziale soddisfazione (farsi una bella dormita)
  • Risorgenza = una volta soddisfatti i bisogni tendono, nel tempo, a riproporsi nuovamente (bisogno di mangiare)
  • Soggettività = i bisogni variano da individuo ad individuo (il bisogno di andare a visitare un museo può esser il bisogno di una persona, ma non di un’altra)
  • Complementarietà = sono bisogni che devono esser abbinati ad altri (per viaggiare necessitano i mezzi di trasporto)
  • Variabilità = sono quei bisogni che cambiano in base all’epoca storica, al clima (gli antichi non avevano il bisogno di andare al cinema)


Classificazione dei bisogni

Per importanza:

  • Bisogni primari, la cui soddisfazione è indispensabile per la sopravvivenza dell’uomo (mangiare, dormire, lavarsi)
  • Bisogni secondari, sono collegati allo sviluppo economico e al progresso civile e nascono solo dopo che i beni primari sono stati soddisfatti (nei paesi economicamente arretrati dove non si riesce a nutrirsi non si avrà bisogno ad esempio di un’auto)
  • Bisogni spontanei, sono quelli che nascono spontaneamente da una persona (mangiare e bere)
  • Bisogni indotti, sono originati ad esempio dalla pubblicità;

Secondo la causa che li origina:

  • Bisogni individuali,sono avvertiti dall’individuo in quanto tale (leggere un libro)
  • Bisogni collettivi/pubblici, avvertiti dall’individuo in quanto membro di una comunità (bisogno d’istruzione)

Secondo la collocazione temporale:

  • Bisogni presenti, vengono avvertiti nel momento attuale e in contemporanea sono soddisfatti (se fa freddo mi riparo con il giubbotto)
  • Bisogni futuri, saranno soddisfatti in un momento successivo (prevedo che mi servirà un giubbotto perché in inverno farà freddo)
     

I beni

Il bene è qualsiasi mezzo idoneo a soddisfare un bisogno.

I beni si classificano innanzi tutto in:

  • Beni economici, beni atti a soddisfare i bisogni, sono in quantità limitata (scarsi), devono essere reperibili e comportano un costo per ottenerli (prezzo).
  • Beni non economici, sono beni che soddisfano bisogni vitali dell’uomo, sonopresenti in quantità illimitata e sono disponibili in natura senza alcun costo. (acqua, aria, luce).

Caratteristiche dei beni economici:

  • Limitatezza = i beni sono in quantità inferiore rispetto ai bisogni (l’acqua diventa un bene economico nel deserto)
  • Utilità = idoneità del bene a soddisfare un bisogno (il cappotto è utile quando fa freddo ma nelle zone più calde del mondo non ha utilità)
  • Onerosità = il bene può esser ottenuto sopportando un costo
  • Accessibilità = il bene deve esser raggiungibile.


Classificazione dei beni economici

Secondo la materialità:

  • Beni materiali, sono quei beni che possiamo vedere e toccare (vestiti, mobili, gioielli)
  • Beni immateriali, pur non avendo una consistenza fisica hanno quella giuridica (brevetti, concessioni, marchi); essi comprendono i servizi (trasporti, assicurazioni);

Secondo la destinazione:

  • Beni di consumo, beni che direttamente soddisfano un bisogno (un auto, un panino)
  • Beni di produzione, beni che devono esser trasformati o impiegati nella trasformazione di altri beni (grano, stoffa, il combustibile)

Secondo la collocazione temporale:

  • Beni durevoli, beni che vengono utilizzati più volte e soddisfano il bisogno ad ogni utilizzo (lavatrice)
  • Beni non durevoli, beni che vengono distrutti appena si soddisfa il bisogno (una bottiglia di tè, la benzina)

Secondo le relazioni tra essi:

  • Beni semplici, beni usati singolarmente per soddisfare un bisogno (bicicletta)
  • Beni complementari, beni che devono esser usati insieme (zucchero e caffè, auto e benzina)
  • Beni succedanei, beni che possono esser utilizzati in alternanza e soddisfano lo stesso bisogno (burro o margarina)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file