Educazione Fisica

  • Materia: Educazione Fisica
  • Visto: 229
  • Data: 03/02/2016
  • Di: Angela Ardizzone

Calcio a cinque: schemi e regole

Calcio a cinque. Gli schemi e le regole di gioco del calcio a cinque o calcetto.

CALCIO A CINQUE: REGOLE E SCHEMI. Il gioco del calcio a cinque nasce da un numero ridotto di giocatori rispetto al gioco del calcio, si gioca in spazi limitati e c’è la possibilità di giocare al chiuso. Riprende le regole geometriche calcistiche, ma con più velocità; ci sono più scatti brevi e ripetuti con il pallone sempre a terra; il portiere partecipa alle azioni. Il gioco viene svolto su un terreno rettangolare di m 42x22 delimitato dalle linee laterali, linee di porta e linea mediana; il cerchio centrale ha un raggio di tre metri, alle due estremità del campo con una distanza di m3 e da m 6 dalla linea di porta c’è l’area di rigore , che presenta una forma di due archi di cerchi partendo dai pali con un raggio di m6 ed uniti da una linea di m 3. La zona delle sostituzioni è tracciata su una linea laterale con due linee lunghe cm 80 e distanti m3 dalla linea mediana. La porta deve essere alta due metri e larga tre. Il pallone di cuoio presenta una circonferenza che va da cm 62 a cm 66.

CALCIO A CINQUE: SCHEMI. I giocatori sono cinque compreso il portiere. Il portiere spesso para con i piedi, il libero del calcio posto davanti al portiere svolge il ruolo di difensore; la fascia laterale è occupata dagli da due esterni giocando sia in difesa che in attacco raccordando il gioco e promuovendo le triangolazioni che portano al tiro in porta. Più avanti di tutti è posizionato il Primo, privot che compie le azioni offensive, in difesa applicando pressing sul portatore di palla, si tratta di una funzione faticosa per cui viene sostituito spesso.

CALCIO A CINQUE: LE REGOLE DEL GIOCO. Durante lo svolgimento del gioco possono è  permesso un numero illimitato di sostituzioni dove un giocatore può a sua volta sostituire un altro giocatore, i giocatori sostituiti devono lasciare il campo dalla zona chiamata area delle sostituzioni; il portiere può essere sostituito da qualsiasi giocatore. L’arbitro svolge la funzione di cronometrista, ha il compito di espellere,ammonire e richiamare i giocatori, interrompere la gara. La gara si svolge in due tempi da 30 minuti ciascuno con un intervallo di 10 minuti. I giocatori devono avere un perfetto controllo della palla con entrambi i piedi,avere un tiro secco e preciso in porta, eseguire finte e dribbling. La squadra in difesa può disporsi a rombo: un giocatore posizionato davanti al portiere, due posizionati per le fasce laterali e un attaccante per fare la” sponda”; e a quadrato: dove l’ultimo giocatore si affianca ad uno dei laterali e l’altro laterale di allinea con l’attaccante.