Educazione Fisica

  • Materia: Educazione Fisica
  • Visto: 226
  • Data: 03/02/2016
  • Di: Angela Ardizzone

Rugby: le regole e ruoli

Rugby: le regole del gioco e quali sono i ruoli n una squadra di rugby.

RUGBY: LE REGOLE E I RUOLI. Il gioco del rugby si svolge non solo su un terreno erboso, ma anche su terra battuta. Il campo, diviso al centro in due parti uguali, è lungo 95-100 m e largo 66-70,dalla parte della lunghezza viene chiuso dalle rimesse laterali dette anche “ linee di touche”, mentre dal lato della larghezza dalle “ linee di méta”. il campo è segnato da diverse linee continue o tratteggiate che indicano limiti o zone da cui effettuare tiri, rimesse e così via. Sulla linea di méta ci sono due pali che distano tra di loro 5,64 metri, altri non più di 4 metri e uniti tra di loro a 3 metri di altezza andato così  a formare la lettera H. La partita di rugby si svolge in 40 minuti con una pausa di 5 minuti; lo scopo del gioco è quello di portare la palla al di là della linea di méta degli avversari trasportandola con le mani e facendola passare tra i pali della porta, si aggiudica la vittoria la squadra che totalizza più punteggi. Il pallone presenta una forma ovale ed è di gomma o di cuoio sempre resistente all’acqua, il peso è di circa 400 grammi.

RUGBY: I RUOLI NELLA SQUADRA. I giocatori che scendono in campo sono 15 ciascuno con ruoli diversi; in avanti ci sono due piloni destro e sinistro, un tallonatore, due in seconda linea destra e sinistra, due in terza linea ala destra e sinistra, e l’8 avanti; sulla linea arretrata ci sono due mediani di mischia e di apertura, quattro trequarti posti all’ala destra, sinistra,centro destra e centro sinistra, ed uno all’estremo.  Il passaggio della palla viene effettuato lateralmente, all’indietro o sulla stessa linea rispetto alla mèta. Per guadagnare il terreno, il giocatore effettua il calcio che però spesso può commettere il fuorigioco.

LE REGOLE DI GIOCO DEL RUGBY. All’inizio del gioco le squadre sono al centro del campo, schierate l’uno di fronte all’altro ad una distanza minima di 10 metri, ed un giocatore della squadra sorteggiata calcia la palla oltre la linea dei 10 metri. Le azioni più importanti sono: le “mischie” dove è composta da 8 giocatori di una squadra e 8 dell’altra, durante quest’azione si spingono e si stringono tra loro per ottenere la rimessa in gioco dal “ mediano di mischie”; “l’azione alla mano” consiste nell’avanzare verso la linea di méta eseguendo passaggi e azioni offensive. La partita deve essere diretta da un arbitro e due giudici di linea.