Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 9711
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Diogene di Sinope

La filosofia di Diogene.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Diogene di Sinope Accanto alle scuole filosofiche esistono individui che praticano la filosofia senza risiedere in luoghi stabili oppure senza raccogliere intorno a sé gruppi permanenti e discepoli . Un esempio di questo tipo di filosofo é Diogene di Sinope ( 400-325 a.C. circa ) che visse ad Atene e divenne ben presto l'esempio del sapiente cinico , che mira alla completa autosufficienza rispetto ai bisogni indotti dalla vita in società . Nessuno dei suoi scritti ci é pervenuto , ma intorno alla sua figura si costruì una vasta letteratura annedottica , dalla quale é possibile inferire i tratti dominanti del suo insegnamento . Riprendendo la distinzione tra natura e leggi o convenzione , Diogene individua i modelli di vita naturale nel comportamento degli animali , dei mendicanti e dei bambini . Con Diogene emerge , forse per la prima volta nel mondo greco , l' idea che il bambino rappresenti una natura buona non ancora corrotta dai bisogni artificiali prodotti dalla vita associata , in contrapposizione all' ideale corrente che vedeva nell' uomo maturo l' esemplare del vero uomo . Partendo da questi presupposti , Diogene rifiuta drasticamente , non senza esibizionismo , le convenzioni e i tabù sessuali e alimentari ( per esempio , cibarsi di carni non cotte ) , oltre che i valori correnti come la ricchezza , il potere , la gloria . Il cinico si addestra a ciò con un duro esercizio ( Diogene per casa aveva una botte ) e non attraverso indagini teoriche , che egli svalutava completamente . In tal modo , egli mira a porsi in una situazione al tempo stesso di eccezionalità e di marginalità rispetto alla vita del cittadino integrato nella polis , ma senza pretendere di costruire forme alternative di organizzazione politica . Il filosofo cinico non é radicato in una città , anche se vive itinerando per le città , dove presenta se stesso come modello di vita . La libertà di parola ( in greco parrhesia ) , che negli aneddoti sulla sua vita Diogene rivendica anche di fronte ad Alessandro Magno , é nel parlare francamente senza timore ai potenti , non nel diritto di esprimersi in organismi dove si prendono decisioni politiche . Un' ampia sezione del libro delle Vite di Diogene Laerzio é dedicata a Diogene il cinico . Essa dà un' idea del modo in cui era costruita la biografia esemplare di un filosofo destinata alla lettura da parte di un pubblico che non fosse formato di soli filosofi . Ingredienti di essa sono , più che dottrine o ragionamenti articolati , osservazioni di fatti della vita di Diogene , per esempio l' influenza che i comportamenti degli animali o dei bambini hanno rispetto alle scelte decisive della vita , in primo luogo a proposito della necessità di limitare drasticamente i bisogni . Il modo di vita del cinico , nel modo di vestire , nel tipo di abitazione e così via . Inoltre , egli impartisce i suoi insegnamenti , più che attraverso lunghi discorsi o complicati ragionamenti , mediante battute rapide e incisive ( dette apoftegmi ) o addirittura attraverso i gesti , come mettendosi a camminare per rispondere a colui che , come diodoro Crono , appartenente al filone megarico , negava la realtà del movimento . Riportiamo qui alcuni passi che descrivano Diogene : " giunto in Atene si imbattè in Antistene . Poiché costui , che non voleva accogliere nessuno come alunno , lo respingeva , egli , assiduamente perseverando , riuscì a spuntarla . Ed una volta che Antistene allungò il bastone contro di lui , Diogene gli porse la testa aggiungendo : " Colpisci pure , che non troverai un legno così duro che possa farmi desistere dall' ottenere che tu mi dica qualcosa , come a me pare che tu debba " . Da allora divenne suo uditore , ed esule qual era si dedicò ad un moderato tenore di vita ( ... ) . Una volta vide un topo correre qua e là , senza mèta ( non cercava un luogo per dormire nè aveva paura delle tenebre nè desiderava alcunché di ciò che si ritiene desiderabile ) e così escogitò il rimedio alle sue difficoltà . Sec (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file