Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 7529
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La Mettrie

il pensiero del filosofo.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Julien Offray de La Mettrie Nel periodo illuministico , accanto alle posizioni deistiche , troviamo anche alcuni strenui difensori dell' ateismo e del materialismo : essi entreranno in contrasto non solo con i sostenitori della tradizione filosofica e religiosa , ma anche con i philosophes più moderati . Il caso più interessante é senz' altro quello di Julien Offray de La Mettrie ( 1709 - 1751 ) , il quale studiò medicina prima a Parigi poi a Leida , in Olanda , dove fu allievo di Hermann Boerhaave , medico spinoziano sostenitore di un radicale meccanicismo fisiologico che avrebbe molto influito sul giovane La Mettrie ; grande nemico della Chiesa cattolica e della sua intolleranza universale , i suoi dogmi inaccettabili per la ragione , il suo appoggio ai regimi tirannici , il suo ruolo di divulgazione dell' ignoranza e la sua superstizione più profonda , La Mettrie contribuì alla diffusione in Francia del pensiero scientifico di Boerhaave , con traduzioni dei suoi scritti e relative introduzioni . La Mettrie non tardò ad approdare a tesi fortemente materialistiche che trovarono una prima organica esposizione nella Storia naturale dell' anima , del 1745 , e successivamente nella sua opera più famosa , l' Uomo - macchina , del 1748 . Questo libro suscitò grande scalpore tanto che fu pubblicamente bruciato sul rogo e La Mettrie dovette fuggire in Prussia , accettando la protezione del sovrano imbevuto di razionalismo , Federico II , per evitare di fare la fine toccata a Giordano Bruno un secolo prima . Questo dimostra come in Francia non vi fosse ancora quella libertà di pensiero che invece si era gradualmente affermata in Inghilterra per culminare nell' abolizione della censura . Il filosofo cui La Mettrie maggiormente si ispira , naturalmente , é l' edonista Epicuro tant' é che tra i suoi scritti , oltre a quelli già citati e a L' uomo - pianta e L' arte di godere , egli scrisse anche Il sistema di Epicuro , in cui si riallacciava alle tesi propugnate al grande filosofo greco . Nella Storia naturale dell' anima La Mettrie parte dal presupposto dell' infondatezza della distinzione effettuata da Cartesio un secolo prima circa tra res extensa ( la materia ) e res cogitans ( la spiritualità ) : se la materia é solo materia ( res extensa ) e l' anima é solo anima ( res cogitans ) e materia e anima sono inconciliabili ( come dice Cartesio ) , che rapporto c' é tra corpo e anima ? In altre parole , se sono due realtà tra loro così radicalmente distinte , come fa il corpo ad agire sull' anima e l' anima ad agire sul corpo ? Che agiscano l' uno sull' altro non si discute : quando con l' anima decido di alzare il braccio e poi col corpo lo alzo é l' anima che agisce sul corpo ; viceversa , quando metto la mano su una superficie calda , provo con l' anima una scottatura . Ecco che allora Cartesio si trova di fronte ad un problema non da poco : due sostanze eterogenee , tra loro opposte , che nell' uomo agiscono l' una sull' altra . Le realtà fisiche , poi , per Cartesio si comportano secondo schemi meccanici e deterministici , mentre invece l' anima é libera di scegliere , gode del libero arbitrio ( l' errore consiste proprio nella volontà ) : anche qui Cartesio deve far fronte a un grande problema che se non risolto può far vacillare l' intero suo edificio del sapere . Cartesio deve far quindi incontrare il mondo fisico , meccanicistico e privo di libertà d' azione con quello spirituale libero e immateriale . Diventa poi (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file