Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 8003
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Leibniz: la logica

L'importanza che ha la logica nella filosofia di Leibniz.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
La logica Gli interessi di Leibniz per la logica si manifestano a partire e soprattutto negli anni della giovinezza ; la sua metafisica stessa giustifica la concettualizzazione o pensabilità dell' infinito e perciò dà il primo posto alla logica dell' infinito stesso . La sua prima organica e pressochè definitiva esposizione della sua teoria logica , ossia la Dissertatio de arte combinatoria , risale infatti al 1666 ( anno dell' incendio di Londra ) , quando egli aveva solo 20 anni . Il grande e ambizioso obiettivo di Leibniz é trovare un metodo logico che matematizzi il pensiero , eliminando da esso ciò che vi é di soggettivo e riconducendo le operazioni mentali ad una sorta di calcolus ratiocinator , un po' come aveva sostenuto Hobbes , di cui peraltro Leibniz ammette di sentire l' influenza nel suo pensiero . In questo modo , per risolvere una controversia teorica , dovrebbe essere sufficiente sedersi a tavolino e dirsi a vicenda " calcoliamo " . Attraverso questa riconduzione alla matematica , tipica del 1600 , la logica deve svolgere una duplice mansione : da un lato deve dimostrare gli enunciati con assoluta certezza , e in questo si riprende e si sviluppa la funzione della logica sillogistica di Aristotele , dall' altro lato deve permettere di inventare nuovo sapere attraverso la combinazione delle conoscenze già acquisite , e in questo si riprende il progetto dell' ars combinatoria esposto dal filosofo medioevale Raimondo Lullo . Per conseguire questi scopi occorre procedere nel seguente modo : in primis , l' intero contenuto del pensiero deve essere ridotto a un numero definito di concetti semplici , da cui possano derivare tutti i concetti composti : si tratta di scoprire una specie di alfabeto dei concetti che costituisca per il pensiero l' analogo di ciò che l' alfabeto letterale rappresenta per la lingua e la scrittura . In verità Leibniz non riuscì mai a determinare quali fossero i concetti semplici , ed é proprio in questo che consiste la debolezza della sua proposta , tuttavia egli pensava alla possibilità di una loro catalogazione generale , alla quale avrebbero dovuto concorrere studiosi di diverse discipline e di diversi paesi . In secondo luogo Leibniz vuole assegnare a ciascun concetto un carattere , ossia un simbolo , che lo rappresenti , in modo da poter operare su simboli anzichè sui concetti ; simultaneamente é necessario ordinare i caratteri in modo che le loro relazioni corrispondano effettivamente a quelle dei pensieri . Si tratta dunque di determinare la characteristica universalis , cioè la lingua del pensiero con la sua struttura , grammaticale e sintattica . Ed é proprio per questo che si tende a considerare Leibniz lo scopritore della moderna logica formale : pur essendo sempre arduo ricercare tali paternità , é comunque indiscutibile che egli abbia esercitato una profonda influenza sul pensiero logico di gran parte dell' Ottocento . In base a questa logica la verità sta nel fatto che la combinazione dei concetti avvenga senza comportare alcuna contraddizione : per esempio , se parlo del quadrato triangolo dico una falsità perchè accosto due concetti che si contraddicono l' un l' altro . Con ciò é già adombrato l' assunto fondamentale delle più mature riflessioni logiche di Leibniz : la verità si fonda sul principio di identità . Una proposizione é identica , e quindi vera , se in essa il predicato é già contenuto nel soggetto : quando dico che un triangolo ha la somma degli angoli interni di 180 gradi , affermo un predicato ( l' avere la somma uguale a 180 ) che é già implicito nel soggetto , in quanto é una proprietà che entra nella definizione del concetto di triangolo . Al principio di identità ( A = A ) é riconducibile anche il principio di contraddizione come sua variante in negativo ( A non é = non A ). Le verità fondate (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file