Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 11113
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Nietzsche: Ecce Homo

Descrizione dell'opera.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Ecce homo come si diviene ciò che si é "Ecce homo" é la grande biografia di Federico Nietzsche, il testo con cui egli si presenta una volta per tutte al suo popolo di lettori: nell'inoltrarsi dell'autunno del 1888, egli decide di dar vita in una sola settimana al libro conclusivo della sua opera, con cui fornisce una spiegazione anche degli altri testi. Ne parla agli amici, a Gast, a Overbeck come di un preludio alla grande opera della trasvalutazione di tutti i valori e annuncia con tono apocalittico che fra un paio di anni il mondo sarà in convulsioni. La previsione della crisi era esatta, sebbene il tempo ne fosse anticipato, poichè si può veramente dire che la crisi iniziata nel 1914 é la stessa che Nietzsche si attendeva. E in "Ecce homo" Nietzsche riprende tutte le sue teorie classiche, dall'eterno ritorno all'attacco al cristianesimo; ma quest'opera é un qualcosa di più che una semplice autobiografia, é più un'interpretazione della propria vita e della propria opera; la ragione dello scritto la enuncia Nietzsche stesso nelle sue lettere indirizzate agli amici: riteneva necessario di presentarsi e di precisare il suo essere prima di compiere l'atto della trasmutazione di tutti i valori. E così scrive appunto nella prefazione di "Ecce homo": "Poichè prevedo che fra breve dovrò presentarmi all'umanità col più grave problema che le sia mai stato posto, mi pare indispensabile dire chi sono. [...] Io non sono affatto un orco, un mostro di immoralità: sono il contrario di quella specie d'uomo che finora é stata onorata come virtuosa.[...] Sono un discepolo del filosofo Dioniso, preferirei essere un satiro piuttosto che un santo. [...] L'ultima cosa che io mi sognerei di promettere sarebbe di migliorare l'umanità. Io non innalzo nuovi idoli; gli antichi forse potrebbero imparare da me che cosa significhi avere i piedi d'argilla. Rovesciare gli idoli- così io chiamo gli ideali- ecco il mio compito.[...] Chi sa respirare l'aria che circola nei miei scritti, sa che é l'aria delle grandi altezze, che é un'aria fine. [...] La filosofia nel senso in cui finora l'ho interpretata e vissuta io, é libera vita tra i ghiacci, in alta montagna, é la ricerca di tutto ciò che vi é di strano e di enigmatico nell'esistenza, di tutto ciò che finora era inibito dalla morale" . E così si avvia la riflessione nietzscheana sulla propria esistenza, che talvolta si estende ad indagare sull'esistenza del genere umano in generale; e il resoconto della propria vita, viene da Nietzsche intrecciato abilmente alle opere, che sono quel che dureranno anche dopo la sua morte. Particolare amore e predilizione Nietzsche dimostra per lo Zarathustra, il suo libro sa sempre più venerato, in cui affiorano tutte le sue teorie: la critica della morale, del cristianesimo, l'eterno ritorno, il superuomo... un libro che, purtroppo, non sempre é stato compreso, e d'altronde il suo sottotitolo ("un libro per tutti e per nessuno") lo lasciava intendere. Nietzsche con "Ecce homo" dimostra di nutrire grande amore nella vita e nella sua stessa personalità: e così per tutta l'opera egli proverà a spiegare al lettore "perchè sono tanto saggio", "perchè sono tanto accorto" e "perchè scrivo così buoni libri"; la prima parte dell'opera é dedicata alla vita di Nietzsche, la vita movimentata, i numerosi soggiorni in Italia e, soprattutto a Torino, città di cui era come non mai entusiasta ("la migliore cucina é la piemontese!", egli sostiene) ; dopo di che egli passa ad un'introspezione, cimentandosi nell'analizzare il suo carattere: "io sono per natura battagliero", dice, e riassume in quattro proposizioni la sua tattica di guerra: 1) attaccare solo le cose vittoriose o aspettare finchè non diventino tali; 2) attaccare solo le cose in cui si é certi di non trovare compagni che supportino: occorre agire da soli; 3) non attaccare mai le persone, bensì servirsi di esse per rendere visibile qualche male comune, ma difficile a essere colto; 4) attaccare solo cose da cui é escl (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file