Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 9602
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Platone: la Diade

La descrizione di ciò che sta all'origine della realtà secondo Platone.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
La Diade Tutto il "Timeo" è incentrato sulla necessità di spiegare il mondo fisico e la sua compartecipazione alle idee:le idee sono perfette , le cose no:da un lato si predica il bene (le cose tendono alla perfezione ideale)dall'altro il male (non riescono ad imitare perfettamente): si crea così una sorta di ambiguità;si può accettare la frase non platonica "viviamo nel migliore dei mondi possibili" in quanto il nostro mondo si avvicina più che può a quello intelligibile.Finora per quel che riguarda l'imperfezione del mondo sensibile ce l'eravamo cavata dicendo che un'imitazione , per definizione , non è mai perfetta:ma perché il mondo non sarà mai perfetto ? Qual è l'ostacolo ? Platone era del parere che il nostro fosse un mondo buono,ma tuttavia era consapevole della sua imperfezione.Alla domanda che ci siamo appena posti Platone rispose così : per lui ciò che impedisce al mondo sensibile di essere perfetto è la materia; perché il mondo empirico si realizzi e si plasmi occorre che si realizzi in qualcosa privo di forma : è come un metallo che deve essere lavorato : se avesse già una sua forma immutabile non lo si potrebbe lavorare.Quindi la caratteristica della materia è non avere caratteristiche. Platone dice che il ragionamento che ci porta a conoscere la materia è "bastardo",impuro , scorretto perché se ad esempio guardiamo un cavallo , in realtà conosciamo l'idea : la materia la conosco come ciò che non è idea:si arriva alla conclusione in modo negativo perché il ragionamento coglie solo una caratteristica : la materia non ha forma.Non potrebbe essere "ricettacolo delle forme" se avesse una forma definita (è come la cera sulla quale si deve attaccare un sigillo:deve essere molle e senza forma per poter così prendere quella del sigillo).Se affermiamo che la materia per ricevere le forme non deve avere forme cogliamo simultaneamente un aspetto positivo e uno negativo : è di fondamentale importanza ma soffrirà sempre di una deficienza.Consente alla materia di avere forme,ma le riceverà sempre imperfettamente perché è priva di forme , disordinata : le si darà una forma , ma manterrà sempre una componente priva di forma:è proprio questa componente a rendere il mondo sensibile imperfetto.Quindi la materia è contemporaneamente un aiuto perché fa calare le idee nel mondo sensibile ed un ostacolo perché , per inclinazione naturale , mantiene una componente di disordine.Tra gli "agrafa dogma" (le dottrine non scritte) di Platone troviamo la diade indefinita , alla quale abbiamo già accennato. Platone è all'ultima fase della sua riflessione e risulta particolarmente influenzato dai pitagorici ;al vertice della realtà si trova il principio bipolare,in cui vi sono due poli come in un magnete:e come un magnete esiste solo quando ci sono un polo negativo e uno positivo che risultano essere indivisibili. L'uno è il vertice unitario , il due quello molteplice , diade indeterminata del piccolo e del grande. Platone ha spiegato che in fondo il mondo è uno , di parvenza molteplice:non è una dispersione di cose. Ma perché , pur essendo uno , pare essere molteplice ? Come mai l'uno si moltiplica ? Vi sono due risposte : a) c'è di mezzo la materia , che genera scompiglio ed indeterminatezza , b) c'è la diade , che genera indeterminazione : se si ha della materia alla quale dare una forma , la forma stessa determina che essa sia nei suoi limiti , né più grande né più piccola di ciò che è : piccolo e grande sono una coppia di concetti simmetrici e polari , entrambe indeterminati (c'è sempre qualcosa di più grande e qualcosa di più piccolo) : ricorda molto il gioco del limite e dell'illimitato dei pitagorici .La parziale differenza è che più che essere due principi , sono un principio solo bipolare , altrimenti se il mondo si moltiplicasse significherebbe che i due principi (uno-diade) devono essere impliciti nella realtà.Nel p (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file