Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 8871
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Sartre: il marxismo

La visione del marxismo di Sartre.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Il marxismo L'essere e il nulla fu oggetto di critica da parte dei marxisti e dei cattolici: i cattolici vi scorsero una filosofia atea e materialistica, mentre i marxisti lo imputarono di idealismo e di pessimismo. Nel saggio L'esistenzialismo é un umanismo (1946), Sartre si difese da queste accuse, rifiutando le interpretazioni del suo esistenzialismo in chiave pessimistica e individualistica. L'esistenzialismo é una filosofia dell'uomo libero, legato da rapporti costitutivi con gli altri uomini e dalla responsabilità nei loro confronti. Egli ha dunque la sua fondamentale componente morale nell' impegno verso sè e verso gli altri, al fine di rendere più umano il mondo. In L'esistenzialismo é un umanismo Sartre cerca di smorzare il pessimismo delle sue tesi precedenti. Anzi si dichiara apertamente per l'esistenzialismo e lo considera una dottrina dell'impegno e della responsabilità. L'esistenzialismo viene da lui definito come quella dottrina per la quale "l'esistenza precede l'essenza", nel senso che l'uomo, in primo luogo esiste, cioè si trova nel mondo, e dopo si definisce per quello che è o vuole essere. Se dunque l'esistenza precede l'essenza, non sarà mai possibile spiegarla in riferimento ad una natura umana data e immodificabile. In altre parole, non c'è determinismo, l'uomo è libero, l'uomo è libertà. E se l'uomo è libero, è anche responsabile di quello che fa. Così, dice Sartre, il primo passo dell'esistenzialismo è di mettere ogni uomo in possesso di quello che egli è e di far cadere su di lui la responsabilità totale della sua esistenza. E quando l'uomo sceglie, sceglie anche per tutti gli uomini. Così la nostra responsabilità è molto più grande di quello che potremmo supporre, poiché essa obbliga l'umanità intera. ' Se Dio non esiste, non troviamo davanti a noi dei valori o degli ordini in grado di legittimare la nostra condotta. Così non abbiamo delle giustificazioni o delle scuse. Siamo soli, senza scuse. E' ciò che esprimerò con le parole che l'uomo è condannato ad essere libero. Condannato perché non si è creato da se stesso, e pur tuttavia libero, perché, una volta gettato nel mondo, è responsabile di tutto ciò che fa ' . In conclusione, l'esistenzialismo è una dottrina ottimistica perché afferma che il destino dell'uomo è nelle mani dell'uomo stesso e che l'uomo non può nutrire speranza se non nell'azione. E' questo il presupposto che guida la costante denuncia sartreiana delle forme di oppressione: in questo egli ripone il compito dell'intellettuale come latore di valori universali e difensore della libertà. In Che cos'é la letteratura? (1946-1947) Sartre delinea la figura dello scrittore impegnato e una concezione della letteratura come azione, guidata dal progetto di distanziarsi dall'esistente, mostrando la realtà quale é e conducendo all'assunzione di responsabilità nei confronti di essa. Il marxismo per Sartre, in questa fase rappresenta una teoria dell'azione rivoluzionaria, ma coniugata con una filosofia errata, materialistica e deterministica, la quale porta al settarismo e all'eliminazione della soggettività. Fedele ad una costante anarchica del suo pensiero, sebbene si schieri con gli oppressi, Sartre si sente alieno all'apparato organizzativo del partito comunista francese, subordinato all'egemonia sovietica. Ma a partire dall'opera teatrale Il diavolo e il buon Dio (1951) egli mette in luce la vanità dell'opposizione e della rivolta meramente individuale e la necessità di operare in collegamento con la classe oppressa, organizzata in partito. I fatti di Ungheria e il disgelo dopo il 1956 portano al centro del dibattito marxista in Francia, grazie anche alla riscoperta del giovane Lukàcs, i temi dell'alienazione e della reificazione. In questi anni, Sartre perviene alla conclusione, illustrata nelle Questioni di metodo (1957), che ' il marxismo é l'insuperabile filosofia del nostro tempo ', dal momento che fornisce gli strumenti concettuali che permettono di comprenderlo e di trasformarlo. I (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file