Filosofia

  • Materia: Filosofia
  • Visto: 6808
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tertulliano

Il pensiero del filosofo cristiano che più rifiuta la filosofia.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Tertulliano Nell' ambito del Cristianesimo vi fu anche chi rifiutò radicalmente la filosofia e il rappresentante più significativo in questa direzione é Tertulliano . Nato a Cartagine tra il 150 e il 160 , dotato di ampia cultura retorica e giuridica , esercitò forse l' avvocatura in Roma . Verso il 195 si convertì al cristianesimo , tornò in Africa , ove compose numerosi scritti in lingua latina in difesa della Chiesa contro pagani ed eretici . Tra questi sono particolarmente importanti l' Ad nationes , contro i pagani, e l' Apologetico , composti entrambi nel 197 , e il De praescriptione haereticorum , di poco successivo . Più tardi , verso il 207 , aderì al montanismo , eresia introdotta da Montano , fondata sulla credenza nella fine imminente del mondo e sulla necessità di prepararsi ad essa con rigoroso ascetismo . Con vari scritti , Tertulliano intervenne anche su questioni etiche , come l' immoralità dell' assistere agli spettacoli teatrali e circensi o delle acconciature femminili . Morì a Cartagine dopo il 220 . Profondamente intriso di cultura classica , anche filosofica e medica , Tertulliano attinge anch' egli a dottrine filosofiche . Esempio significativo di questo atteggiamento é dato dal suo scritto Sull' anima , ove egli si fa sostenitore di una forma di materialismo . Riallacciandosi allo stoicismo , egli sostiene che tutto ciò che esiste é corpo e , dunque , é corpo anche l' anima . Ne scaturisce il cosiddetto traducianismo , secondo cui l' anima é un derivato dell' anima dei genitori e di conseguenza attraverso di essa viene trasmessa la macchia del peccato originale , commesso dal primo uomo , cioè Adamo . Tertulliano ammette la possibilità di somiglianze tra la verità rivelata e determinate dottrine , per esempio etiche , dei filosofi pagani ; egli giunse addirittura a definire Seneca " saepe noster " ( spesso nostro ) , in quanto sostenitore di dottrine affini a quelle cristiane . Ma si tratta di somiglianze casuali : anche nelle tempeste , egli afferma , é talvolta possibile giungere per caso in porto . Di fatto , la sua condanna dei filosofi pagani é inesorabile . Il filosofo e il cristiano , i discepoli della Grecia e quelli del cielo , non hanno ai suoi occhi nulla in comune : " Che cosa hanno in comune " egli chiede nel De praescriptione " Atene e Gerusalemme , l' Accademia e la Chiesa , gli eretici e i Cristiani ? " . Egli sottolinea la presenza nella vita dei filosofi dell' arroganza , dell' impudicizia , della slealtà , ma soprattutto della curiosità , il loro peccato capitale : dopo Cristo e il Vangelo , curiosità e ricerca non hanno più ragione di essere . In questa prospettiva egli giunge ad affermare che é meglio non sapere quanto Dio non ha rivelato , che imparare da congetture umane . La verità rivelata da Dio ha messo completamente fuori gioco le presunzioni dei filosofi di pervenire alla verità con forze proprie : l' intera tradizione filosofica diventa la tradizione dell' errore . Alle filosofie si oppone la tradizione unanime e concorde delle Scritture , dei profeti e degli apostoli , e questa tradizione contiene verità che possono apparire assurde nell' ottica delle filosofie . certezza e fede hanno il loro fondamento nella verità della rivelazione . A Tertulliano é stata erroneamente attribuita l' affermazione " credo quia absurdum " ( credo perchè é assurdo ) , ma nello scritto intitolato De carne Christi , egli dichiara espressamente che la crocifissione e morte di Cristo é " credibile perchè inconcepibile " e la sua resurrezione é " certa , perchè impossibile " . La presunzione di attingere una verità fuori dalla rivelazione fa invece della filosofia la causa delle eresie , in particolare delle eresie gnostiche , che sorgono nel seno stesso del cristianesimo , allontanandosi dalla tradizione unitaria delle Scritture e della Chiesa . La radicalità dell' attacco di Tertu (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file