Filosofia Antica

  • Materia: Filosofia Antica
  • Visto: 2645
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita e filosofia di Democrito.

Approfondimento sulla vita e filosofia di Democrito.

Democrito nacque intorno il 460 a.c. ad Abdera, dove era nato anche Protagora. Egli fu atomista, ovvero seguì quelle dottrine che per un verso presuppongono l'indagine naturale dei primi pensatori e la riflessione degli eleati, ma per l'altro anche i dibattiti sui rapporti tra natura (fusiV) e legge convenzionale (nomoV). Democrito, a differenza degli altri pensatori e a somiglianza dei suoi contemporanei sofisti, scrisse una miriade di opere: tramite un catalogo stilato da Trasillo nel primo secolo d.C., sappiamo che dovevano aggirarsi intorno alla cinquantina. Purtroppo ci sono pervenuti solo pochi frammenti di esse. Anche Democrito dovette recarsi una volta ad Atene, ma per il resto del tempo pare che abbia vissuto nella sua città  natale, dove sarebbe morto tra il 400 e il 380 a.C. Le indagini degli atomisti presuppongono da un lato l'interesse per i problemi posti dall'osservazione dei fenomeni naturali e, dall'altro, la riflessione degli eleati, ma al tempo stesso anche l'attenzione per la pluralità  dei mondi e delle culture. Le opere di Democrito trattavano argomenti di vario genere, si passava dalla matematica alla riflessione morale, dallo studio del linguaggio e dei poeti alla medicina e allo studio degli animali, ma alla base di tutta la sua ricerca egli poneva l'obiettivo di trovare una spiegazione causale unitaria di questa molteplicità  di manifestazioni e aspetti del mondo fisico e umano. Anche l’atomismo si configura come teoria "pluralistica" che si propone di spiegare il cosmo senza trasgredire le prescrizioni parmenidee: l’iniziatore della corrente atomistica sembra essere stato Leucippo, figura che per noi non ò che un nome, visto la scarsissima quantità  di materiale sul suo conto che possediamo; ben di più sappiamo sul suo collega Democrito di Abdera, il quale scrisse – come i Sofisti – una miriade di opere sui più svariati argomenti, benchè di esse non ci siano giunti che frammenti. Anche Democrito, come già  Anassagora, assume come struttura della realtà  invisibile ad occhio nudo un’infinità  di principi, ancorchè questi non siano infinitamente divisibili: se infatti tutto fosse divisibile all’infinito, allora il mondo avrebbe dovuto cessare di essere già  da tempo. I principi primi della realtà  come li intende Democrito debbono essere pieni e privi di parti: tali sono quelli che egli definisce atoma swmata, ovvero – letteralmente - "corpi non ulteriormente tagliabili", costituenti la struttura profonda del reale. Questi "atomi", per potersi muovere e per consentire la generazione e la corruzione dei composti, devono avere uno spazio entro cui muoversi ed ò per questa ragione che Democrito introduce come secondo principio il vuoto (to kenon), condizione imprescindibile del moto atomico. Gli stessi aggregati non sono che unioni di atomi e vuoto: il che ò provato dal fatto che, consumandosi, i corpi cedono atomi e, perchè ciò possa avvenire, dev’esserci il vuoto. Con terminologia eleatica, Democrito chiama gli atomi e il vuoto rispettivamente "essere" e "non essere"; egli asserisce poi – riprendendo l’antitesi sofistica - che la conoscenza intellettuale (avente come oggetto gli atomi e il vuoto) ò kata fusin (secondo natura), mentre quella degli aggregati ò kata nomon (secondo convenzione). Sicchò secondo natura conosciamo gli atomi e il vuoto, secondo convenzione il bianco, il profumato, ecc. Le cose che costantemente esperiamo non sono dunque la verità , ma mera parvenza. Essendo gli atomi infiniti, infiniti saranno anche i mondi che dalla loro aggregazione trarranno origine, cosicchè Democrito può relativizzare la vita che conduciamo sul nostro e può inoltre evitare di far ricorso a cause extra-materiali. Incarnando in sè l’essere parmenideo (ed essendo dunque immutabili, eterni, incorruttibili), gli atomi come si distinguono fra loro? Per Empedocle e Anassagora, i principi si differenziano qualitativamente, il che tra l’altro spiega perchè i corpi composti presentino qualità ; per Democrito invece – stando a quel che riferisce Aristotele – gli atomi si differenziano fra loro per caratteristiche quantitative. Per far luce su questo punto della dottrina democritea, Aristotele esemplifica servendosi delle lettere dell’alfabeto, che egli chiama stoiceia: e stoiceia sono anche gli "elementi", con la conseguenza che gli atomi sono un po’ come le lettere dell’alfabeto e il mondo che ne risulta si presenta come una sorta di libro le cui lettere sono gli atomi. Per forma (rusmoV) gli atomi si distinguono fra loro come la A si distingue dalla N; per ordine (diaqigh) come AN da NA; per posizione (troph) come Z da N. Si tratta evidentemente di differenze puramente geometriche, con caratteristiche misurabili. Tuttavia Democrito si spingeva oltre: pare infatti che, poste queste tre differenze di base, egli asserisse che gli atomi sono dotati di un numero incalcolabile di differenze, a tal punto che egli finisce col riconoscere – il che gli costerà  la derisione da parte dei suoi avversari – l’esistenza di atomi di forma uncinata. Il problema cui Democrito ò chiamato a rispondere ò che, se gli atomi sono quantitativamente connotati, come si spiega che poi noi percepiamo qualitativamente i composti? Perchè se la rosa non ò che un aggregato di quantità  noi la percepiamo rossa, profumata, ecc? Per render conto di ciò, Democrito spiega le qualità  come epifenomeni delle quantità , cosicchè il bianco deriverebbe da un assetto casuale dato dall’unione di atomi: la rosa non ò che un aggregato di atomi quantitativamente connotati che però, colpendo i nostri organi di senso, generano impressioni qualitative (il profumo, il colore rosso, ecc). Un altro problema su cui Democrito deve affaticarsi riguarda la natura stessa degli atomi: se essi sono corpi invisibili e indivisibili, allora non avranno parti e saranno come enti geometrici; ma allora come ò possibile ch’essi, privi di parti, si aggreghino e formino corpi divisibili costituiti da parti? Come possono muoversi? Democrito sostiene che gli atomi sono ab aeterno dotati di moto (il che implica il vuoto in eterno) e, più precisamente, si muovono in qualunque direzione senza tregua, con la conseguenza che possono casualmente incontrarsi e aggregarsi (ciò nel caso in cui le forme siano compatibili, come ad esempio quando si incontrano atomi ad uncino e atomi ad anello). A regolare il moto degli atomi non ò una forza esterna o una divinità : l’unica legge (se in questo caso di legge si può parlare) regolante il loro movimento ò il caso, non già  nel senso ch’essi si muovano senza causa, bensì nel senso che il loro ò un moto spontaneo, scevro di finalità  e non extra-naturale: ò un moto che tiene conto della legge per cui il simile attira il simile. Tutto risponde ad una ragione e ad una ferrea necessità . Oltre a negare la causa finale, l’atomismo nega quella efficiente – nota Aristotele -, giacchò per Democrito essa non ò se non una proprietà  della materia. Per Democrito nulla avviene a caso, tutto avviene secondo una ragione. Questa osservazione può essere provata: a questo scopo non basta accontentarsi dell'osservazione della molteplicità  dei fenomeni, ma occorre risalire mediante un procedimento intellettuale alla conoscenza di ciò che non ò visibile. Gli oggetti che noi percepiamo ci appaiono caldi o freddi, amari o dolci, ma queste qualità  appartengono alla sfera di quello che la cultura del v secolo a.C. raggruppava sotto la categoria del nomoV, ossia di ciò che ò variabile, convenzionale, instabile, contrapposto al piano stabile e immutevole della natura. La vera conoscenza ò quella che consente di accedere al piano nascosto che sfugge ai sensi. Qui essa trova i costituenti di tutte le cose: gli atomi (atoma swmata) e il vuoto (to kenon). La parola atomo deriva dal Greco e significa indivisibile (a+temnw = che non si può tagliare). Gli atomi sono quindi particelle indivisibili talmente piccole che non possono essere singolarmente percepite da alcun organo di senso. Gli atomisti ritengono - sulle orme di Parmenide - che siano ingenerati ed indistruttibili. Sono dunque i costituenti ultimi della realtà . Sebbene con i pluralisti nasca la causa efficiente (ciò che mette in movimento la materia: per Empedocle Amore e Odio, per Anassagora il NouV), Democrito non la accetta: secondo lui vi ò un grande vuoto con atomi sparsi qua e là  dotati di movimenti pulviscolari (per capire che cosa intendesse Democrito, si può guardare la polvere contro luce): essi vagano casualmente finchò non si urtano gli uni contro gli altri e, quando si scontrano, avviene un qualcosa di simile al biliardo; gli atomi si scontrano e assumono nuovi movimenti. E' una concezione materialistica e deterministica (dato un fatto A, se ne verifica necessariamente uno B) e meccanicistica (vi ò l'idea che il mondo sia un macchinario dove tutto avviene per contatto: viene così confutata la tesi dei fenomeni che avvengono a distanza, come il magnete di cui parlava Talete). Tutto avviene secondo una necessità  inevitabile. Gli atomi si distinguono tra di loro non perchò alcuni sono caldi e altri freddi o perchò alcuni sono amari e altri dolci: in altre parole, non si distinguono per caratteristiche qualitative, ma quantitative. Le loro differenze sono simili a quelle che intercorrono tra le lettere dell'alfabeto. L'insieme delle differenze atomiche (posizione, ordine, forma) ò dunque il tipo geometrico, ovvero riguarda la forma e la disposizione nello spazio. Ma bisogna ricordare che la quantità  di forme atomiche ò innumerevole, non ò ristretta al solo tipo delle grandezze geometriche regolari. Com'ò possibile che da queste particelle invisibili ed indivisibili si formino gli oggetti che si possono percepire con gli organi di senso? Come abbiamo detto prerogativa degli atomi ò il loro continuo movimento "pulviscolare" che non avviene in una direzione privilegiata ed unica. In questi movimenti possono incontrarsi, come le palle sul tavolo del biliardo: se sono incompatibili si respingono, ma se non lo sono si aggregano. Un criterio fondamentale di aggregazione ò dato dal principio che il simile si aggrega con il simile. Ma non vi ò un agente esterno (una causa efficiente) che fa avvenire le aggregazioni, come era invece per Anassagora e per Empedocle. Fondamentale per il movimento ò il vuoto (che fa le veci della tavola da biliardo): gli atomisti possono dire che il vuoto ò "non essere" (gli atomi sono invece l’essere in senso parmenideo, ingenerati e incorruttibili), in quanto esso non ò dotato di forma individuale, di limitazione e di movimento, come invece ò per gli atomi, che possono quindi identificarsi con l'essere. Nel vuoto infinito si formano e si distruggono infiniti mondi, anche diversi da quello in cui viviamo (tale attenzione per la diversità  ò sintomatica del periodo in cui Democrito vive: il V secolo). Mediante le nozioni di atomo e di vuoto diventa possibile spiegare non solo la costituzione dei mondi e degli oggetti che ciascuno di essi contiene, bensì anche fenomeni biologici come la riproduzione o la respirazione. L'anima ò per Democrito una prerogativa degli esseri viventi. La vita ò contrassegnata dal calore. A spiegare questo fatto interviene la forma propria degli atomi costitutivi dell'anima: essi sono di forma sferica, la quale ò suscettibile della massima mobilità . E la massima mobilità  genera il calore. In questa prospettiva, la respirazione ò interpretata come una funzione vitale essenziale perchò consente la continua reintegrazione degli atomi di anima che incessantemente si perdono anche per la loro costante mobilità . Quando questa reintegrazione cessa arriva la morte, caratterizzata appunto dall'immobilità  e dalla freddezza. Allo stesso modo la riproduzione umana ò determinata dal seme costituito da atomi provenienti da tutte le parti del corpo. Ciò permette di spiegare la trasmissione di somiglianze dai genitori ai figli. Gli stessi processi percettivi possono essere chiariti mediante il modello di spiegazione atomistica. Ogni soggetto, anche se a noi sembra immobile, ò costituito di atomi intervallati dal vuoto, i quali si muovono incessantemente. Da ciascun oggetto si staccano in continuazione quelli che gli atomisti chiamano eidwla (immagini): si tratta di emissioni atomiche che conservano la figurazione degli oggetti dai quali provengono. Se il medio che queste emissioni attraversano, ossia l'aria, non ò disturbato ed esse pervengono ai pori, vale a dire i condotti vuoti, presenti sulla superficie del nostro corpo, e attraverso di essi ai nostri organi di senso, si hanno le varie sensazioni della vista, dell'udito e così via. Ogni sensazione ò quindi ricondotta a una forma di contatto degli eidwla con il nostro corpo. Prendiamo ad esempio l'olfatto: arrivano al nostro naso atomi di un fiore e noi lo sentiamo profumato non per il fatto che gli atomi abbiano già  di per sò quell'odore, ma perchò con la loro forma mi stimolano il naso in modo tale da fiutare quell'odore. Gli odori, i sapori, i colori, esistono in me che li provo, ma non nella realtà . Ogni sensazione ci fornisce quindi informazioni sulla configurazione e sui caratteri dell'oggetto corrispondente. Pure i sogni possono avere un contenuto informativo e trasmettere addirittura pensieri e sentimenti propri dell'individuo dal quale proviene il flusso di eidwla. Restano comunque inaccessibili ai sensi, sia nello stato di veglia, sia durante il sonno, i principi costitutivi del tutto, ossia gli atomi, nella loro singolarità , ed il vuoto. Alla conoscenza di essi si può pervenire soltanto andando oltre alla sensazione, ossia cercando la verità  nel profondo, come dice Democrito, mediante l'intelletto. Solo questa ò la conoscenza genuina. Secondo natura sono solo gli atomi e il vuoto; per convenzione invece sono il bianco, il rosso, il profumato, ecc. Dante (Inferno, IV) definisce Democrito come "colui che il mondo a caso pone" perchò – in sintonia con Aristotele – dà  gran peso a quella causa finale che Democrito ignora: ò come se per lui le cose andassero a caso, senza uno scopo. Nell’ottica democritea, non c’ò differenza di livelli di conoscenza, tutto ò percezione (persino gli oggetti del pensiero): dal cielo alla terra non ci sono che corpi costituiti da atomi e contenenti il vuoto e che (proprio perchè contenenti il vuoto) emanano gli eidwla, le "immagini" delle cose; tali eidwla altro non sono se non atomi che si staccano continuamente dai corpi (Epicuro parla di pulsazione dei corpi stessi) e si rendono così a noi percepibili. Anche il corpo del soggetto percipiente, infatti, ò un aggregato atomico dotato di vuoto o, meglio, di canali vuoti: gli eidwla si incuneano in questi canali vuoti e rispecchiano l’immagine dell’oggetto rendendolo percepibile: si ha dunque una conoscenza per contatto. Ricapitolando, la conoscenza avviene per percezione (sensismo gnoseologico) e quest’ultima avviene per contatto attraverso i cinque sensi e, se non ci fosse il vuoto, la percezione sarebbe dolorosa perchè gli eidwla colpirebbero i nostri atomi anzichè infilarsi nei canali vuoti. Tuttavia, se i corpi continuano a cedere materia (gli eidwla che si staccano), allora ne consegue che essi sussistono fin tanto che la materia ceduta ò bilanciata da quella ricevuta: e la mancanza di respiro, ovvero la fine del ricambio di atomi, ò la prova della fine dell’ esistenza del corpo. La legge che vige nel mondo degli atomisti ò il caso, nel senso che non vi ò alcuna causa extranaturale capace di governare il movimento degli atomi: essi si aggregano in maniera puramente casuale (ed ò anche per questo che Dante rinfaccia, nel IV canto dell’Inferno, a Democrito di porre il mondo a caso). Naturalmente sorge spontaneo un quesito: che cosa mi garantisce che gli eidwla mi riportino tale e quale la forma dell’oggetto a cui provengono? Non potrebbe essere che, nello spazio che percorrono per giungere a me, subiscono una modificazione? Qui le posizioni degli atomisti divergono: Epicuro pensa che gli eidwla ci raggiungano con velocità  pari a quella del pensiero, cosicchò non vi ò possibilità  di errore. Per Democrito, invece, tutto cambia: "nulla conosciamo secondo verità  perchè la verità  ò nel profondo", egli afferma; sembra quasi una professione di scetticismo, ma in realtà  non lo ò affatto. Infatti, Democrito vuol semplicemente dire che la verità  sono gli atomi e il vuoto e che tutto il resto (il dolce, l’amaro, il caldo, il freddo, ecc) ò opinione che, in quanto tale, ò suscettibile di essere vera o di essere falsa e che varia da individuo a individuo. Democrito si accosta dunque al motto di Anassagora "oyiV twn adelwn ta fainomena": il mondo che mi appare ò opinione, e anche le opinioni si formano in base alla percezione, anche se si fermano alla superficialità , alle qualità  esterne del corpo (caldo, freddo, ecc). In quanto frutto di sensazioni, anche le opinioni hanno un fondo di verità , anche se l’unica verità  degna di essere definita tale ò quella che si conosce quando si conoscono il vuoto e gli atomi. "Non conosciamo nulla che sia invariabile, ma solo aspetti mutevoli", dice Democrito: e ne deduce l’esistenza di due forme di conoscenza, una genuina ("legittima", secondo il linguaggio giuridico), l’ altra oscura ("illegittima"): la conoscenza sensibile ò oscura, mentre gli oggetti di quella genuina sono nascosti. Democrito affronta anche il problema della formazione delle società  umane e dei tratti che le caratterizzano. Alla base di questa formazione ò quello stesso principio di aggregazione del simile con il simile, che valeva per gli atomi. Un elemento di distinzione tra animali e uomo, un po’ come i sofisti, Democrito lo ravvisa nel processo delle tecniche. Ma Democrito fa leva ancora una volta sul principio della somiglianza per spiegare la genesi delle stesse tecniche: esse si costituiscono infatti a partire dall'imitazione delle attività  animali. Per questo aspetto, esiste dunque una certa continuità  tra il piano della natura e quello della cultura e delle istituzioni umane. L'imposizione dei nomi alle cose ò un'imposizione convenzionale. Così la religione sembra essere un'invenzione umana, ma in questo caso dovuta all'iniziativa di pochi uomini sapienti. Non ò difficile scorgere la parentela tra queste affermazioni e quelle sofistiche, anch'esse incentrate sul binomio nomoV/fusiV. E' difficile a causa dei pochi suoi frammenti pervenutici comprendere profondamente la sua indagine etico-politica. Per un verso egli continua la tradizione dell'antica saggezza, compendiata in massime che devono dirigere il proprio comportamento verso se stessi e verso gli altri. Queste massime vertono anche sui mali e sui pericoli che affliggono la società , la discordia e la stasiV, il conflitto civile. La legge secondo Democrito dovrebbe salvaguardare da questi mali. Egli mostra una decisa preferenza per la forma di governo democratica, contrapposta alla tirannide, come la libertà  lo ò alla schiavitù. Ma per un altro verso l'obiettivo della vita ò riposto nella tranquillità  dell'animo (euqumia), immune da passioni eccessive; il che comporta la necessità  di non farsi coinvolgere troppo non solo nelle questioni private, ma neppure in quelle pubbliche. L'esercizio della virtù non ò più legato in maniera determinante alla dimensione della politica: l'etica di Democrito sembra premiare lo studioso, colui che vive al di fuori della politica (un po’ come sarà  per Aristotele). Per Democrito non vi ò un luogo privilegiato in cui si debba svolgere l'attività  di studioso. FRAMMENTI Fr. A 65 (Aristotele, Fisica, 252a, 32) àˆ del tutto erroneo il supporre di dare un principio sufficiente col dire che ò sempre o accade sempre cosà­: che ò la concezione a cui Democrito riconduce le cause della natura, in base alla considerazione che i fenomeni del passato si sono prodotti nello stesso modo di ora; e la causa dell’eterno, poi, non ritiene di dover ricercare. Fr A 66 (Cicerone, De fato, 17, 39; Aristotele, Della generazione degli animali, 789b, 2; Aezio, I, 26, 2 e I, 25, 3) 1 Tutte le cose derivano dal fato sà­ che il fato attribuisce loro una piena necessità : tale fu l’opinione di Democrito, Eraclito, Empedocle, Aristotele. 2 Democrito, lasciate da parte le cause finali, riconduce alla necessità  [meccanica] tutte le operazioni della natura. 3 Democrito dice che consiste nella impenetrabilità , nel movimento, e nell’urto della materia. 4 Parmenide e Democrito affermano che tutto avviene per necessità : e che essa ò fato e giustizia e provvidenza e produttrice del mondo. Fr A 67 (Simplicio, Fisica, 327, 24) Ma anche Democrito, là  dove dice "dal tutto si distaccò un vortice di forme d’ogni genere" (ma non dice come nè per qual causa), sembra significare che il vortice si produce spontaneamente e casualmente. Fr. A 68 (Aristotele, Fisica, 195b, 36; Simplicio, Fisica, 330, 14) 1 Alcuni dubitano anche se [il caso] esista o no: dicono infatti che nulla vien prodotto dal caso, ma che esiste una causa determinata di tutte le cose che noi diciamo prodursi spontaneamente o per caso. 2 La frase "come quell’antica dottrina che negava il caso" sembra detta in rapporto a Democrito; questi infatti, benchè nella sua cosmogonia paresse valersi del caso, nei problemi particolari invece afferma che il caso non ò causa di nulla e ricorre ad altre cause: cosà­ per esempio, della scoperta di un tesoro ò causa lo scavare oppure il piantare un ulivo, e cosà­ della frattura del cranio del calvo ò causa l’aquila che getta la tartaruga affinchè il guscio di essa si rompa. Cosà­ riferisce Eudemo. Fr. A 69 (Aristotele, Fisica, 196a, 24) Vi sono poi di quelli che attribuiscono al caso la causa dell’esistenza di questo nostro cielo e di tutti i mondi: dal caso deriva il vortice e il movimento che separò gli elementi e ordinò nella sua forma presente l’universo <...>. E quel che fa veramente meraviglia ò che, mentre dicono che gli animali e le piante nè esistono nè nascono fortuitamente, sibbene hanno una causa, sia poi questa la materia o la mente o qualcosa di simile (giacchè da ogni singolo seme non viene fuori ciò che capita, ma da questo qui viene l’olivo, da quell’altro l’uomo ecc.), affermano per contro che il cielo e tutto quanto vi ò di piຠdivino tra i fenomeni derivano dal caso e che non vi ò punto per essi una causa analoga a quella che c’ò per gli animali e per le piante. Fr. A 70 (Aristotele, Fisica, 196b, 5; Aezio, I, 29, 7; Lattanzio, Institutiones divinae, I, 2) 1 Vi sono alcuni che considerano come causa il caso, il quale ò impenetrabile alla ragione umana, essendo qualcosa quasi di divino e di straordinario. 2 Anassagora e Democrito e gli Stoici introdussero una causa impenetrabile all’umano ragionamento: dissero infatti che vi ò ciò che dipende dalla necessità , ciò che dipende dal fato, ciò che dipende da deliberazione, ciò che dipende dal caso. 3 <...> cominciare da quella questione che sembra essere per natura la prima, se vi sia una provvidenza che a tutte le cose provvede o se tutto nel mondo sia stato prodotto e si svolga per opera del caso, opinione questa che ebbe il suo primo assertore in Democrito ed ebbe un propugnatore in Epicuro. Fr. B 9 (Sesto Empirico, Contro i matematici, VII, 135) 1 Democrito talora rifiuta le apparenze sensibili e dice che nulla in esse ci appare conforme a verità , ma solo conforme a opinione, e che il vero negli oggetti consiste in ciò ch’essi sono atomi e vuoto. Infatti egli dice: 2 "Opinione il dolce, opinione l’amaro, opinione il caldo, opinione il freddo, opinione il colore; verità  gli atomi e il vuoto" [...]. Fr. B 11 (Sesto Empirico, Contro i matematici, VII, 138, 139) 1 Nei Canoni afferma che vi sono due modi di conoscenza, cioò mediante i sensi e mediante l’intelletto: e chiama genuina la conoscenza mediante l’ intelletto, riconoscendo ad essa la credibilità  nel giudicare il vero, mentre all’altra dà  il nome di oscura, negandole la sicurezza nel conoscere il vero. Dice testualmente: 2 "Vi sono due forme di conoscenza, l’una genuina e l’altra oscura; e a quella oscura appartengono tutti quanti questi oggetti: vista, udito, odorato, gusto e tatto. L’altra forma ò la genuina, e gli oggetti di questa sono nascosti [alla conoscenza sensibile od oscura]". 3 Poscia, mostrando la superiorità  della conoscenza genuina su quella oscura, prosegue dicendo: 4 "Quando la conoscenza oscura non può piຠspingersi ad oggetto piຠpiccolo nè col vedere nè coll’udire nè coll’odorato nè col gusto nè con la sensazione del tatto, ma a ciò che ò ancor piຠsottile, . [...] Fr. B 41 (Massime di Democrito, Natorp 45) Astienti dalle colpe non per paura ma perchè si deve. Fr. B 171 (Massime di Democrito, Natorp 10-11) La felicità  non consiste negli armenti e neppure nell’oro; l’anima ò la dimora della nostra sorte. Fr. B 234 (Massime di Democrito, Natorp 21) Gli uomini invocano la salute dagli dòi con le preghiere, e non sanno ch’essa ò in loro potere; ma siccome per intemperanza operano contro di essa, sono essi stessi che tradiscono la propria salute a causa delle passioni. (I Presocratici, Laterza, Bari, 19904, pagg. 694-695, 748, 749, 763, 784, 795)