Filosofia del 1600

  • Materia: Filosofia del 1600
  • Visto: 10804
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Confronto tra Galileo e Aristotele

Confronto tra i Galileo Galilei e Aristotele

E' senz' altro vero che Galileo si contrappone agli aristotelici prediligendo lo studio della natura alla lettura di libri, ma non è vero che si contrappone all' aristotelismo in generale. Lo studio della scienza all' epoca era sostanzialmente studio di libri, senza verifiche e confronti sulla natura: ad esempio prima di Galileo l' anatomia dell' uomo la si studiava sui libri e non dissezionando i corpi, effettuando cioò l' autopsia; ci si limitava a leggere i libri del medico Galeno, di età  romana: si dava più importanza a ciò che si vedeva scritto che non a quello che si vedeva di persona: già  Leonardo da Vinci notò come ai suoi tempi ( siamo prima di Galileo ) si preferisse il richiamo all' autorevolezza degli scrittori importanti alla constatazione empirica personale. E' curioso come nel " Dialogo sopra i massimi sistemi del mondo, tolemaico e copernicano " ad un certo punto compaia un aristotelico di nome Simplicio al quale il personaggio portavoce della teoria copernicana fa notare razionalmente tramite una serie di passaggi come l' eliocentrismo funzioni perfettamente; Simplicio risponde che sono affermazioni bellissime e non esiterebbe ad accettarle se Aristotele non avesse detto il contrario. E' evidente come Galileo voglia qui sottolineare, tra l' altro, come ai suoi tempi ad opporsi all' eliocentrismo non fosse solo la Chiesa, ma anche la tradizione aristotelica ( oltre al senso comune: pare infatti ovvio a tutti noi che viviamo sulla Terra di essere al centro dell' universo e che la Terra stia ferma ). Però la polemica galileiana è rivolta non ad Aristotele ( come invece aveva fatto Giordano Bruno ), ma agli aristotelici della sua epoca, che stimano " il filosofare non tendere ad altro che al non si lasciar persuader mai altra opinione che quella d' Aristotile " ( vedi Simplicio ); d' altronde Galileo è pienamente consapevole di come gli aristotelici del 1600 siano altra cosa rispetto al maestro Aristotele: sa benissimo che a differenza degli aristotelici del 1600, che badano solo ai libri cartacei, Aristotele è interessatissimo all' esperienza: " Aristotele deride quelli che lasciano l' esperienze sensate, per seguire un discorso che può essere fallacissimo ". Sarà  invece Bacone a non fare differenza tra Aristotele ed aristotelici. Galileo invece afferma in risposta agli aristotelici che lo accusano di non prestar fede ai libri di Aristotele che se Aristotele potesse rivivere sceglierebbe senz' altro lui come suo discepolo e non tutti loro, eccessivamente legati ad una cultura " libresca ": "... ma gli ingegni vulgari timidi e servili, che altrettano confidano, sopra l' autorità  di un altro, quando vilmente diffidan del proprio discorso, pensando potersi di quella fare scudo, nò più oltre credon che si estenda l' obbligo loro, che a interpretare, essendo uomini, i detti di un altr' uomo, rivolgendo notte e giorno gli occhi intorno ad un mondo dipinto sopra certe carte, senza mai sollevargli a quello vero e reale, che, fabbricato dalle proprie mani di Dio, ci sta, per nostro insegnamento, sempre aperto innanzi ". In effetti Aristotele era molto più vicino a Galileo che non agli aristotelici del 1600 come modo di operare questi ultimi, invece di avvalersi dell' esperienza sensibile e della ragione ( che secondo Galileo ha " podestà  assoluta " ), si affaticano solo " per salvar il testo d' Aristotile, come che il filosofare altro non sia che il solo procurar d' intender questo libro e sottilizzar per difenderlo dalle sensate e manifeste esperienze e ragioni in contrario ". In effetti Aristotele era un grandissimo e attentissimo esaminatore della natura e ne sono prova le sue opere biologiche e " se a questi secoli fosse vivo, cangerebbe molte sue opinioni "; anzi, non è scorretto affermare che Aristotele seguisse l' esperienza ancora di più di quanto fa Galileo.