Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 4662
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Chateaubriand

Pensiero e vita.

Chateaubriand, nato a Saint-Malo nel 1768, ò diventato uno dei più celebri scrittori della letteratura francese. Discendente di una nobile famiglia bretone, venne avviato fin da giovane alla carriera militare e, a Parigi, fu testimone dei primi eventi rivoluzionari. Sono fermenti sociali che lo vedono inizialmente partecipare in modo distaccato e scettico, in osservanza del già  pronunciato conservatorismo che lo scrittore ostentava. Nel 1791 compie un viaggio nel Nordamerica, utile per aprirgli la mente e stimolarlo ad un confronto fertile tra altre culture, altri luoghi e la madrepatria. Tornato in Francia, comincia ad assumere un atteggiamento decisamente più attivo nei confronti della politica, tanto da unirsi alle forze controrivoluzionarie, in difesa dello status quo e della dell'organizzazione monarchica della società . Ma la Rivoluzione Francese ò un evento inarrestabile che tutto trascina, un moto della storia violento e febbrile, facente leva delle ondate progressiste scatenate dai difensori della ragione e del progresso sociale. I conservatori come lui si ritrovano quindi ben presto in cattive acque. Lo scrittore ò quindi costretto a riparare in Inghilterra, dove visse in pratica da esule per ben sette anni (dal 1793 al 1800). Il ritiro londinese ò foriero di nuove ispirazioni e di alacre lavoro letterario. Nel 1797 pubblica il "Saggio storico sulle rivoluzioni", intriso malgrado tutto dello spirito illuminista che permeava il settecento (non a caso si pone l'accento sulla storia), ma non senza tracce di un'inquietudine religiosa che poco tempo dopo, nei giorni della crisi spirituale seguita alla morte della madre e della sorella, lo condusse a riabbracciare la perduta fede dell'infanzia. L'opera successiva "Il genio del cristianesimo", iniziata nell'ultimo anno d'esilio e completata dopo il ritorno a Parigi, riflette il proposito di Chauteaubriand di porre il talento letterario al servizio della fede cristiana, difendendola dagli attacchi del voltairianesimo e illustrandone le bellezze poetiche e morali. Partecipano di tale disegno più letterario che filosofico i due brevi romanzi che Chateaubriand incluse nell'opera "Atala", che narra la vicenda d'amore di due indiani della Louisiana con l'intento di mostrare le armonie della religione con le scene della natura e le passioni del cuore umano, e "Renò", che attraverso il racconto velatamente autobiografico dei giovani anni del protagonista condanna le passioni indeterminate e le sterili fantasticherie che hanno condotto Renò a un'esistenza di tedio e di solitudine. "Il genio del cristianesimo" ottenne il plauso dell'opinione francese che ritornava in quegli anni alla fede tradizionale dopo la bufera rivoluzionaria, mentre nei tratti del melanconico Renò amarono riconoscersi le prime generazioni romantiche. A dimostrare la superiorità  del "meraviglioso cristiano" sul "meraviglioso pagano" Chateaubriand scrisse quindi l'epopea in prosa "I martiri" (1809), dopo essersi recato in Grecia e in Terra Santa per meglio documentarsi sui luoghi della narrazione, ambientata al tempo delle persecuzioni di Diocleziano. Le note e impressioni di viaggio, raccolte nell' "Itinerario da Parigi a Gernsalemme", riuscirono uno scritto vivace e non aggravato da intenti epici e apologetici; esso prendeva re mosse, del resto, da una fitta tradizione di relazioni letterarie sull'Oriente. Ricche di suggestioni esotiche e primitivistiche sono anche tre opere composte anni prima: "Le avventure dell'ultima Abencerage", "I Natchez" (pubblicate entrambe nel 1826), e il "Viaggio in America" pubblicato l'anno dopo. Nominato pari di Francia dopo il ritorno del Barboni, Chateaubriand prese parte attiva alla vita politica della Restaurazione, ricoprendo anche importanti incarichi diplomatici e di governo, ma si dimise dalla camera nel 1830, con l'avvento della monarchia di Luglio. Ritiratosi a vita privata, si dedicò all'elaborazione delle "Memorie d'oltretomba" (composte negli ultimi anni di vita), appassionata rievocazione della sua vita nel quadro d'una tormentata epoca storica. Nell'operosa maturità , confortata dall'amicizia di Mme Recamier, attese anche a minori opere storiche e a una "Vita di Rancè" dove Chauteabriand, tracciando la vita di un religioso del Seicento, ritrova la propria immagine, le proprie illusioni e amarezze. Dotato di una penna elegante e fortemente suggestiva, guidata da un senso molto forte dell'idea di bellezza, Chauteabriand esercitò una forte influenza sulla letteratura dell'Ottocento, annunciando tendenze e motivi destinati a grande fortuna nel secolo romantico. Si spense a Parigi il 4 luglio 1848. Fu Napoleone in persona a ordinare che venisse recensita positivamente l'opera "Genio del cristianesimo", pubblicata da Franà§ois-Renè de Chateaubriand esattamente il 14 aprile 1802 o, come si diceva allora in ossequio ai dettami della moda rivoluzionaria, il 24 germinale dell'anno X. Per la verità  l'autore, che era nato a Saint-Malo nel 1768 e che morirà  a Parigi nel 1848, dopo un'iniziale adesione alle idee illuministiche, si era spostato su posizioni decisamente controrivoluzionarie, facendo coincidere tale spostamento con la conversione al cattolicesimo, di cui il Genio ò la testimonianza più viva e interessante. Chateaubriand, che con Louis de Bonald e Joseph de Maistre ò considerato uno dei maitre à  penser della controrivoluzione filosofica francese, ritenne che i fatti del 1789 e tutti i mali che ne erano seguiti fossero la diretta conseguenza delle dottrine elaborate nel XVIII secolo dai Voltaire e dai Diderot, i quali non avevano esitato a porre al centro delle loro riflessioni e delle loro polemiche il rifiuto e la condanna della fede religiosa, in particolare di quella cristiana, di cui avevano criticato e persino ridicolizzato i dogmi e le verità  principali. Dunque, per Chateaubriand la sconfessione delle tesi rivoluzionarie e la difesa del cristianesimo sono due facce della stessa medaglia, il compito che gli si impone ò allora quello di dimostrare che il messaggio di Gesù Cristo non soltanto non ha prodotto gli effetti negativi denunciati dagli illuministi ma, al contrario, ò stato il più potente alleato della cecità  occidentale e del progresso della cultura: «Non si trattava - si legge a questo riguardo nel Genio del cristianesimo - di riconciliare con la religione i sofisti, bensì la gente da essi traviata. L'avevano ingannata col dire che il cristianesimo era un culto nato in seno alla barbarie, assurdo nei dogmi, ridicolo nelle sue cerimonie, nemico delle arti e delle lettere, della ragione e della bellezza; un culto che aveva continuamente versato il sangue, incatenato gli uomini e ritardato la felicità  e i lumi del genere umano; si doveva dimostrare che, al contrario di tutte le religioni mai esistite, la religione cristiana ò la più poetica, la più umana, la più favorevole alla libertà , alle arti, alle lettere; che il mondo moderno le deve tutto, dall'agricoltura alle scienze astratte; dagli ospizi per gli infelici fino ai templi costruiti da Michelangelo e decorati da Raffaello». Gettandosi in un dibattito antico e, come ò noto, ancor oggi di grande attualità , Chateaubriand manifesta la certezza che la civiltà  cristiana sia superiore a tutte le altre. E per suffragare questa tesi fa appello a motivi estetici e sentimentali piuttosto che ad argomentazioni strettamente razionali e logiche: egli - ò stato detto - «non spiega, non ragiona, ma contempla e ammira». E ammirando, si convince che niente ò più sublime della religione cristiana, a proposito della quale, sempre nel Genio, afferma: «Si doveva dimostrare come niente sia più divino della sua morale, niente più bello e solenne dei suoi dogmi, della sua dottrina e del suo culto; occorreva dire come essa favorisca il genio, purifichi il gusto, sviluppi le passioni virtuose, dia vigore al pensiero, offra nobili forme allo scrittore e perfetti stampi agli artisti; che non bisogna vergognarsi di credere con Newton e Bossuet, Pascal e Racine». A questo punto, agli occhi di Chateaubriand, ò evidente che coloro che hanno pensato di poter fare a meno del cristianesimo avrebbero condotto l'uomo e la società  allo sfacelo, perchè esso rappresenta quella tradizione aurea fuori o contro la quale non ò possibile edificare niente di buono: «E' qualcosa di generalmente riconosciuto - si legge ancora nel Genio del cristianesimo - che l'Europa deve alla Santa Sede la propria civiltà , una parte delle sue leggi migliori e quasi tutte le sue scienze e le sue arti». «Avvocato poetico» del cattolicesimo, come lo definì Sainte-Beuve, e fors'anche «cristiano dilettante», secondo il giudizio che ne dette Pierre Moreau, Chateaubriand non appare teologo e filosofo capace di speculazioni profonde; la sua stessa religiosità  risulta a volte vaga e troppo legata alle emozioni e condizionata dai sentimenti. Tuttavia, questo intellettuale dalla vita inquieta - ebbe una carriera politico-diplomatica contrastata ancorchè di buon successo, e celebre resta il suo fascino di grande amatore - fu capace di riattirare sulla Chiesa il favore e la simpatia della gente e degli stessi uomini di cultura, dopo l'ubriacatura anticristiana che aveva stordito per lungo tempo la Francia e che era figlia di quel materialismo rivoluzionario che egli definì «il patibolo sostituito alla legge e obbedito in nome dell'umanità Â».