Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 11413
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Confronto tra Kierkegaard e Hegel.

Confronto tra la filosofia di Kierkegaard e di Hegel.

La verità  soggettiva Da Hegel lo differenzia il concetto di soggettività  della verità , da intendersi non nel senso di soggettivismo, ma come valenza esistenziale del vero: la filosofia non deve rimanere fredda e astratta sintesi sistematica, ma deve illuminare l'esistenza. "la via della riflessione oggettiva trasforma il soggetto in qualcosa di accidentale, e quindi riduce l'esistenza in qualcosa di indifferente, di evanescente", "porta dunque al pensiero astratto". "Al suo culmine la soggettività  ò svanita". "la passione ò precisamente il culmine dell'esistenza (.. ). Se ci si dimentica di essere un soggetto esistente, la passione se ne va (.. ), ma il soggetto (.. ) diviene un'entità  fantastica. " (Postilla ) "succede alla maggior parte dei filosofi sistematici, riguardo ai loro sistemi, come di chi si costruisse un castello, e poi se ne andasse a vivere in un fienile: per conto loro essi non vivono in quell'enorme costruzione sistematica. " (Diario ) Invece la verità  che interessa K. ò quella che fa "comprendere se stesso nell'esistenza" (Postilla ) "se stesso": a) singolo irriducibile all'organismo storico-statale, irriducibile a momento dello sviluppo dialettico dello Spirito; e b) chiamato a scegliere (aut-aut), per il quale dunque la verità  non ò scindibile dal bene personalmente voluto e attuato (a differenza di Socrate); K. interpreta anche la celebre definizione tomista di verità  come adaequatio intellectus ad rem: l'intellectus, che si "adegua" alla realtà , non ò nò la Ragione trascendentale, nò un Ragione astratta, ma il "pensiero soggettivo" del concreto esistente; a cui preme non l'essere-in-sè, un essere astratto, conosciuto sistematicamente, ma la propria esistenza (a cui ò "infinitamente interessato", Postilla), fatta di eventi contingenti, non deducibili dalla necessità  dell'Idea, dunque drammatica. In ciò polemizza tanto contro la tranquillità  della coscienza hegeliana, per la quale tutto ò necessario e razionale, quanto contro la Cristianità  stabilita, che non coglie il carattere drammatico della vita). Palando del Giudizio Universale K. immagina che su quattro che si presenteranno al Supremo Giudice, tre non cristiani, ma con sofferente ricerca, e uno cristiano, anzi professore universitario, ma animato dalla presuntuosa convinzione di aver spiegato il Cristianesimo, sarà  proprio quest'ultimo ad essere nella situazione peggiore. La dialettica Hegel, con la sua dialettica dell'et-et, sintetizzava gli opposti: per lui non c'ò antitesi che non possa essere riassorbita e riconciliata in una sintesi. Parallelamente tutto il cammino della vita umana, personale e collettiva, si snoda secondo una logica necessaria: senza che vi sia responsabilità  della libertà  personale. Kierkegaard invece sottolinea con forza appunto una prospettiva incentrata sulla persona, che si caratterizza per la possibilità  di scelta libera, e di scelta tra alternative inconciliabili. Non un et-et, che dispensa dalla scelta un singolo visto come trascinato dall'inesorabile flusso della collettività  storica, ma un aut-aut, che impegna la persona nella sua indelegabile, indemandabile libertà  personale, in un dramma assolutamente personale, in cui ne va del proprio destino eterno. Gli "stadi" dell'esistenza (in aut-aut) La filosofia deve interessarsi essenzialmente dell'esistenza, e l'esistenza può, in ultima analisi, avere tre forme, o stadi: estetico, etico e religioso. La tripartizione kierkegaardiana può trovare delle analogie, oltre che con il ritmo ternario che Hegel aveva ripreso da una tradizione medioevale, con la teoria dei tre ordini di Pascal: la materia (estetica), lo spirito(etica), la carità  (religiosità ). Tra uno stadio e l'altro il passaggio non ò necessario automatismo, ma salto, effettuabile solo dalla libertà  del singolo. 1. estetico [tesi / pura particolarità  /sensibilità  ] L'uomo che vive in questa forma, l'esteta, rifiuta tutto ciò che ò impegnativo, ripetitivo, serio: "chi vive esteticamente vive sempre solo nel momento" L'esteta ricerca sensazioni sempre nuove, idolatrando l'istante fuggevole che non affondi radici nel passato e non costruisca impegnativamente il futuro. Per questo "la sua vita si disfa in una serie incoerente di episodi" senza senso ultimo; analogamente egli rifiuta ogni legame stabile, tanto a livello affettivo, quanto a livello sociale. Figura-simbolo della vita estetica ò il Don Giovanni, il seduttore, che non si lega mai ad una donna, ma passa senza sosta da una donna all'altra, nessuna amando mai veramente, senza vera storia e senza prospettiva. L'esteta in tal modo fugge continuamente da sè stesso, distraendosi nell'esteriorità  (in una esteriorità  alienante, si potrebbe dire), ed ò contrassegnato dalla noia (come dice Kierkegaard in Aut-aut), ed ò in fondo, lo sappia o no, disperato. 2. etico [antitesi / pura universalità  /ragione ] àˆ caratterizzato da stabilità , fedeltà , ripetitività : figura-simbolo ne ò il matrimonio; in questo stadio l'uomo si sottopone a una forma, a una regola, a un impegno costante nel tempo, sceglie insomma l'universale. Ma non si tratta ancora dello stadio che vede la realizzazione piena dell'umano. Un uomo che voglia essere davvero serio, e non rigoristicamente e farisaicamente serioso, deve infatti riconoscere che nella sua vita c'ò il peccato e ci sono quella angosce e quella disperazione che la semplice razionalità  e l'osservanza pur meticolosa di regole universali non bastano a sanare; anzi in questo stadio l'uomo non riesce a guardare in faccia davvero la Medusa terribile del suo proprio male. Per raggiungere la verità  di sè e della propria vita bisogna andare oltre: solo se amato da un Altro, che sia Infinita Misericordia l'uomo può guardare davvero a sè come a un "io". Perciò il passo ultimo della vita etica ò il pentimento, il porsi di fronte al Dio personale che si rivela in Cristo, ma questo lo spinge a trapassare nello stadio religioso. c. religioso [sintesi / di universale e particolare/ fede ] In questo stadio soltanto l'uomo affronta fino in fondo sè stesso, quell'io di cui finora aveva censurato quegli aspetti che non riusciva a capire e a risolvere, ossia l'angoscia e la disperazione. Tali aspetti non sono, per Kierkegaard, stati d'animo eccezionali e propri di certi temperamenti al limite della patologia, ma sono intrinseci strutturalmente al modo con cui ogni soggetto umano guarda a sè e al mondo. a. ex parte obiecti l'angoscia (trattato ne Il concetto dell'angoscia) L'angoscia ò strutturale in ogni essere umano, in quanto radicata nella sospensione della conoscenza umana (riferita essenzialmente al futuro) tra il sapere del puro immediato (tipicamente animale) e il sapere della totalità  concreta (angelico-divino): non ò angosciato chi del futuro sa tutto (Dio) o chi non ne sa nulla (l'animale, che vive esaurientemente nell'istante presente). Il suo oggetto ò l'indeterminatezza del futuro, il futuro in quanto indeterminato, e in tal senso l'angoscia, il cui oggetto ò appunto l'indeterminato, differisce dalla paura, che ò sempre paura di un determinato. b. ex parte subiecti la disperazione (trattato ne La malattia mortale) Se l'angoscia ò relativa a ciò che potrebbe accadere, e di cui sappiamo/non-sappiamo, nell'ambito della oggettività  dei rapporti intersoggettivi, la disperazione ò riferita alla nostra stessa soggettività . Essa significa che l'uomo non riesce ad accettare sè stesso: dispera di essere sè stesso. Essere sè stesso infatti non ò automatico, dato che la nostra natura ò complessa, ò sintesi di fattori tra loro in dialettica, la finitezza e l'infinitezza, la necessità  e la possibilità . Normalmente gli uomini soni disperati, perchè rinunciano ad essere integralmente sè stessi, rinunciano al loro vero io, e puntano solo su quel fattore del proprio io che meglio riescono a controllare: chi punta sulla finitezza (/necessità ) e chi sulla infinitezza (/possibilità ), gli uni buttandosi nella sola materialità , gli altri in uno spiritualismo disincarnato e puramente intellettuale/sentimentale. La sua vera soluzione ò solo il Cristianesimo, che permette all'uomo di guardare alla verità , complessa, di sè. Esso ci si presenta come ineludibile problema: quell'Uomo, Cristo, pretende di essere la mia felicità , la risposta al mio bisogno più urgente e fondamentale: non posso ignorarlo, devo sapere se dice il vero o no. Kierkegaard insiste nel presentare la fede come scandalo e paradosso: ò un salto reale oltre la semplice razionalità . Si cresce nella verità , e nella verifica della fede, rischiando per essa, non pretendendo di conservarla per così dire in freezer, come pensava l'intellettualismo socratico. "Nella specie animale – dice Kierkegaard – vale sempre il principio: il singolo ò inferiore al genere. Il genere umano ha la caratteristica, appunto perchè ogni singolo ò creato ad immagine di Dio, che il Singolo ò più alto del genere". Hegel ha invece fatto dell’uomo un genere animale, giacchè solo negli animali il genere ò superiore al Singolo. L’esistenza – sostiene Kierkegaard – corrisponde alla realtà  singolare, al Singolo; e non coincide mai con il concetto: un uomo singolo, concreto, determinato non ha certo un’esistenza puramente concettuale. Invece la filosofia hegeliana pare solo interessata ai concetti: essa non si preoccupa di quell’esistente concreto che siamo io o tu. Il sistema hegeliano ha inoltre la pretesa di spiegare tutto e di dimostrare la necessità  di ogni evento. Ma l’esistenza non può essere ingabbiata in un sistema. Ed ò sempre la singola esistenza che tiene in scacco tutte le forme di immanentismo e di panteismo, con cui si tenta di ridurre, annullare o riassorbire l’individuo singolo nell’universale. Ad Hegel che sosteneva l’identità  di interno ed esterno, esprimendo così il principio dell’appartenenza inseparabile che i contrari hanno nel concetto, e grazie a cui ò possibile la dialettica, il movimento, il progresso, Kierkegaard afferma l’opposto: quanto minore sarà  l’esteriorità , tanto maggiore sarà  l’interiorità  (si pensi alle figure di Socrate e di Cristo: esteriormente erano persone comuni, Socrate era anche piuttosto bruttino; ma interiormente …). Di qui anche la contestazione del passaggio hegeliano dalla quantità  alla qualità , che ò per Kierkegaard una "superstizione", in quanto si crede che, con l’aumentare delle determinazioni quantitative, venga fuori una qualità  nuova, mentre la quantità  ò strutturalmente diversa dalla qualità . Infine, all’identità  hegeliana di soggetto e oggetto, essere e pensiero ecc., Kierkegaard risponde che la vita intera ò basata sulla contraddizione, sul paradosso e non vi ò superamento di contrari bensì alternative impegnative che si escludono a vicenda: non vi ò nessun et et ma solo un aut aut: o questo o quello, la vita ò una scelta continua.