Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 3877
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Léon Ollé-Laprune

Pensiero e vita.

Breve introduzione Tra i tanti studenti di Lèon Ollè-Laprune presso l’Ecole Normal Supèrieure ci furono i primi leader Socialisti, il sociologo Jean Jaurès, Emil Durkheim, per non parlare di Henri Bergson e Maurice Blondel, due dei più grandi filosofi francesi del XX secolo. Cattolico convinto, inspirato dall’impegno sociale di Frèdèric Ozanam e dei democratici cattolici del 1848, Ollè-Laprune difese una filosofia rinnovata che cercava di andare oltre l’ approvata scolastica del tempo. Per questa ragione, e anche perchè egli scelse di insegnare nel sistema universitario statale di cui l’Ecole Normale Supèrieure faceva parte, Ollè-Laprune a volte si trovò emarginato da alcuni gruppi cattolici conservatori. D’altro canto, la sua fede proclamata pubblicamente ha fatto sì che la sua filosofia ne risentisse a causa delle forze anticlericali che guadagnavano un’ascendenza nella vita francese del tardo XIX secolo. Ollè-Laprune non ha mai cercato di fornire conforto a nessuna delle sue teorie e ciò, assieme alla sua morte prematura nel 1898 avvenuta all’apice della sua carriera, può spiegare l’oscurità  nella quale la filosofia di Ollè-Laprune ò ingiustamente caduta. Insieme alla sua ispirazione filosofica, Alphonse Graty, Lèon Ollè-Laprune cercava di porre le fondamenta di una nuova filosofia capace di rispondere alle sfide del mondo moderno, il quale ò emerso come risultato delle rivoluzioni democratica e industriale del XVII e XIX secolo. E’ una sfida che sta ancora di fronte a noi all’alba del XXI secolo. Biografia Alcune date nella vita di Lèon Ollè-Laprune 25/02/1839 Nasce a Parigi 1858: Entra a l’Ecole Normale Supèrieure al primo posto 1861: Diplomato in Arte al primo posto 1862: Professore di filosofia a Nizza 1862: Inizia un piano di studi privato di scienza e teologia propostogli dal professor Graty 1864: Professore a Douai 1868: Professore al liceo Henri IV di Parigi 1869: Si sposa con Mademoiselle Saint-Renè Taillandier 1875: Lettore presso l’Ecole Normale Supèrieure 1880: Proteste contro l’ espulsione di congregazioni religiose da parte del governo francese, seguite da un anno di sospensione dal suo posto di insegnamento; lettere di solidarietà  da parte degli studenti, firmate in cima da Jean Jaurès fondatore del Partito Socialista. 1893-97: Presiede la cerimonia della premiazioni al Collegio Stanislas 13/02/1898: Muore a Parigi Il pensiero Ollè-Laprune, Lèon, filosofo cattolico francese, nato a Parigi nel 1839 e colà  morto nel 1898, sotto l’ influenza del filosofo Caro e del libro di Padre Graty "Les Sources" ["Le Fonti"], Ollè-Laprune, dopo studi eccezionalmente brillanti presso l’Ecole Normale Supèrieure (dal 1858 al 1861), si ò consacrato alla filosofia. Trascorse la sua vita insegnando una filosofia illuminata dalla luce della fede cattolica, prima nei licei e poi presso l’Ecole Normale Supèrieure a partire dal 1875. Come Ozanam ò stato un professore cattolico di storia e letteratura straniera nell’università , lo scopo di Ollè-Laprune era di essere un professore cattolico di filosofia là . Pòre de Rògnon, il teologo Gesuita, gli scrisse: "Sono lieto di pensare che Dio voglia nel nostro tempo riportare in auge l’apostolato laico, come ai tempi di Giustino e Atenagoras; sei tu che specialmente mi fai venire questi pensieri. " Il Governo della Terza Repubblica era adesso pressato da parte di alcune sezioni della stampa di punire il "clericalismo" di Ollè-Laprune, ma la reputazione del suo insegnamento filosofico lo protesse. Solo per un anno (1881-82), dopo aver organizzato una manifestazione in favore delle congregazioni espulse, fu sospeso dal suo posto da Jules Ferry, e la prima firma della protesta indirizzata al ministro in favore del loro professore fu del futuro deputato socialista Jean Jaurès, allora studente all’Ecole Normale Supèrieure. La prima opera importante di Ollè-Laprune fu "La filosofia di Malebranche" (1870), che già  ben rivelava le sue tendenze in sede filosofica. Dieci anni dopo, per ottenere il dottorato, difese davanti la Sorbonne una tesi sulla certezza morale. Come oppositore alle esagerazioni del razionalismo cartesiano e del determinismo positivista studiò il ruolo della volontà  e del cuore nel fenomeno della convinzione. Quest’opera riassume sotto molti aspetti la "Grammatica dell’assenso" di Newman; ma Ollò-Laprune non deve, più che cardinale Inglese, essere considerato responsabile della successiva tendenza che ha cercato di diminuire il margine di intelligenza nell’atto di fede e di separare completamente il campo della credenza da quello della conoscenza. Nel suo "Saggio sulla morale di Aristotele" (1881) Ollè-Laprune ha difeso l’"edonismo" del filosofo greco contro le teorie kantiane; e ne "La filosofia e il tempo presente" (1890) ha rivendicato, contro lo spiritualismo deista, il diritto del pensatore cristiano di andare oltre il dato della "religione naturale" e illuminare la filosofia con i dati della religione rivelata. Una delle sue più influenti opere ò stato il "Premio della vita" (1894), in cui mostra perchè vale la pena di vivere la vita. Il parere dato da Leone XII ai Cattolici di Francia ha trovato in Ollè-Laprune un attivo difensore. Il suo opuscolo "Ciò che si va a cercare a Roma" (1895) fu uno dei migliori commentari sulla politica papale. L’Accademia delle Scienze Politiche e Morali lo elesse membro della sezione filosofica nel 1879 per succedere a Vacherot. I suoi articoli e conferenze attestano la sua crescente influenza nei circoli cattolici. Egli divenne leader dell’attività  cristiana, consultato e ascoltato da tutti fino alla sua morte prematura quando era sul punto di terminare il suo libro su Jouffroy (Parigi, 1899). Molti dei suoi articoli sono stati raccolti da Goyau sotto il titolo "La vitalità  cristiana" (1901). Qui sono anche state trovate una serie di inedite meditazioni, che da una notevole coincidenza nacque il futuro motto di Pio X, "Omnia instaurare in Cristo". Il professore Delbos dell’Università  di Parigi pubblicava nel 1907 il corso che Ollè-Laprune ha dato sulla ragione e il razionalismo (la ragione e il razionalismo). Alcuni mesi dopo la sua morte Mr. Willim P. Coyne lo ha chiamato con giustizia "il più grande cattolico laico che sia apparso in Francia da Ozanam" ("Nuova Rivista Irlandese", Giugno, 1899, p. 195). John Henry Newman (1801-1890) aveva distinto – nel suo "Saggio sulla grammatica dell’assenso" (1870) – tra l’assenso nozionale (che ò di tipo intellettuale e si configura come adesione teoretica ad una proposizione assertiva) e l’assenso reale (dato invece dalla volontà  e tale da investire la sfera pratica dell’agire), riconoscendo la netta superiorità  del secondo: ora, Ollè-Laprune riprende questa concezione, e la espone in diversi suoi scritti ("La certezza morale", 1880; "Il valore della vita", 1894). In "La certezza morale", egli distingue infatti tra la certezza astratta (o scientifica) e la certezza reale (o pratica): la prima concerne esclusivamente proposizioni teoriche senza riferimento alla loro realtà  (la matematica ne segna il vertice), mentre la seconda riguarda le cose concrete. Solamente la certezza reale può originare l’atteggiamento del credere, che ò indispensabile per la vita pratica. Dal credere scaturisce anche la fede, che per sua stessa natura non può risolversi in una mera conoscenza teorica, bensì deve svilupparsi in una concreta volontà  d’azione.