Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 4035
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

L'anticristo

Commento dell'opera.

L'Anticristo è il testo con cui Nietzsche si scaglia apertamente contro il Cristianesimo, colpevole di rendere e mantenere ignoranti le persone e di aver causato nella storia milioni di vittime. All' Anticristo spetta la funzione di chiudere i conti con il Cristianesimo, oggetto sempre più ossessivo delle analisi e degli attacchi dell'ultimo Nietzsche. Il tono è ultimativo, da manifesto, preludio a un'azione che doveva essere un attacco radicale a tutta la nostra civiltà . Ma, al tempo stesso, Nietzsche si mostra qui ancora una volta di una sottigliezza psicologica prodigiosa, come dimostrano le parole bellissime, e profondamente amiche sulla figura di Cristo. Mentre la condanna del Cristianesimo e della morale convogliano in sò quella, più generale, contro tutte le forze nemiche della vita e capaci di camuffarsi dietro le potenze della religione e della cultura. Contro di esse Nietzsche scende definitivamente in guerra, giungendo a siglare, alla fine, la sua "legge contro il Cristianesimo" col nome terribile dell'Anticristo, in quanto "trasvalutatore di tutti i valori". E' un libro che si conviene ai pochissimi, dice Nietzsche stesso nella prefazione: forse di questi non ne vive ancora uno. Nietzsche era profondamente convinto che il cristianesimo fosse nato e fosse morto anche se la sua agonia è durata 2000 anni, quando i discepoli di Gesù non hanno perdonato i suoi nemici. L'argomentazione di questa tesi, prende le mosse dalla convinzione che per il cristianesimo: "E' in sò completamente indifferente il fatto che una cosa sia vera o no, ma è estremamente importante, invece, fino a che punto sia creduta. Così ad esempio, se è insita una felicità  nei credenti redenti dal peccato, come premesse di ciò, non è necessario che l'uomo sia peccatore, ma che si senta peccatore. " In questo modo il cristianesimo ha sostituito la verità  con la fede che qualcosa sia vero. Anzi alla ricerca della verità  ha posto un "divieto", e ha sostituito questa, che è la più autentica delle virtù, con le virtù teologali: fede, speranza e carità , che sono 3 "accorgimenti" a cui il cristianesimo è ricorso per distogliere l'uomo dalla ricerca della verità , e poterlo così "signoreggiare, addomesticare, dominare". A che scopo i Greci? A che scopo i Romani? L'intero lavoro del mondo antico per nulla: non trovo parole per esprimere il mio sentimento davanti a qualcosa di così mostruoso. - E in considerazione del fatto che il suo era lavoro preparatorio, che quella gettata con granitica presunzione era appunto solo l'infrastruttura di un lavoro millenario, l'intero senso del mondo antico fu vano!... A che scopo i Greci? A che scopo i Romani? - Tutte le premesse per una civiltà  colta, tutti i metodi scientifici erano già  là , si era già  affermata la grande, l'incomparabile arte di ben leggere - questo presupposto per la tradizione della cultura, per l'unità  della scienza; la scienza della natura, unita con la matematica e la meccanica, era sulla migliore delle strade - il senso dei fatti, l'ultimo e più prezioso di tutti i sensi, aveva le sue scuole, la sua tradizione vecchia ormai di secoli! Ci rendiamo conto di ciò? Tutto l'essenziale era trovato, per potersi accingere al lavoro: i metodi, si deve dirlo dieci volte, sono l'essenziale, anche la cosa più difficile, anche quella che ha più a lungo contro di sè abitudini e pigrizie. Ciò che noi oggi, con assoluto autodominio, - poichè noi tutti abbiamo ancora in qualche modo nel nostro sangue i cattivi istinti, quelli cristiani - ci siamo riconquistati, lo sguardo aperto alla realtà , la mano prudente, la pazienza e la serietà  nelle più piccole cose, l'intera rettitudine della conoscenza - esisteva già ! già  più di duemila anni fa! E per di più il tatto e il gusto buono e fine! Non come addestramento mentale! Non come educazione "tedesca", con maniere da villani! Ma come corpo, come gesto, come istinto - in una parola, come realtà ... Tutto invano Nel giro di una notte, nulla più che un ricordo! - Greci! Romani! La nobiltà  dell'istinto, il gusto, la ricerca metodica, il genio dell'organizzazione e dell'amministrazione, la fede, la volontà  d'avvenire umano, il grande sì a tutte le cose visibile nella forma di imperiimi romanum, visibile a tutti i sensi, lo stile grande non più solo arte, ma diventato realtà , verità , vita... E non seppellito nel giro di una notte per un evento naturale! Non calpestato da Germani e altri plantigradi! Devastato invece da astuti, occulti, invisibili, anemici vampiri! Non vinto - solo dissanguato!... La nascosta sete di vendetta, l'invidia piccina diventa padrona! Tutto ciò che ò miserevole, che soffre di sè, che ò travagliato da cattivi senti¬menti, l'intero mondo da ghetto dell'anima, d'un colpo portato in alto. - Non v'ò che da leggere un qualsiasi agitatore cristiano, sant'Agostino per esempio, per capire, per fiutare che razza di immondi compari sono in tal modo venuti a galla. C'inganneremmo in tutto e per tutto se si presumesse nei capi del movimento cristiano un qualche difetto d'intelletto: sono avveduti, oh se sono avveduti fino alla santità , i signori Padri della Chiesa! Ciò che manca loro ò ben altro. La natura li ha trascurati - essa dimenticò di donar loro una dote modesta di istinti rispettabili, decenti, puliti... Detto in confidenza, questi non sono nemmeno dei maschi... Quando l'Islam disprezza il cristianesimo, ha mille volte ragione di farlo: l'Islam ha dei maschi per presupposto... Purtroppo non ò solo il discorso di uno psicopatico... Presento un paio di saggi di ciò che questa gentucola si ò messa in testa, di quello che ha messo in bocca al proprio maestro: semplici professioni di fede di "anime belle". "E se taluni non vi vogliono ricevere ne ascoltare, allontanatevi da loro e scuotete la polvere dai vostri piedi, per fare testimonianza contro di loro. Io vi dico: in verita Sodoma e Gomorra nel giudizio finale saranno trattate meno dura-mente di una simile citta" (Marco 6, 11). - Com'e evangelico!... "E se taluno scandalizzerà  uno dei piccoli che credono in me, sarebbe meglio per lui che gli fosse appesa al collo una macina e fosse scagliato in mare" (Marco 9, 42). - Com'e evangelico!... "Se il tuo occhio ti dà  scandalo, strappalo; e meglio per te entrare, con un occhio solo, nel regno di Dio, che avere due occhi ed essere gettato nel fuoco dell'inferno; dove il verme non muore e il fuoco non si spegne mai" (Marco 9, 47). - Non ò precisamente all'occhio che si allude... "In verità  vi dico, qui ci sono alcuni che non gusteranno la morte prima di vedere il regno di Dio giungere con forza" (Marco 9, 1). - Si mente bene, leone... "Chi mi vuol seguire, rinneghi se stesso e prenda la sua croce sopra di sè e mi segua. Perchè... " (Nota di uno psicologo. La morale cristiana ò confutata dai suoi perchè: i suoi "motivi" confutano, - questo ò cristiano), (Marco 8, 34). "Non giudicate, affinchè non siate giudicati. Con la misura con cui voi giudicherete, si farà  giudizio di voi" (Matteo 7, 1). - Che concezione della giustizia, di un giudice "giusto"!... "Se voi amate coloro che vi amano, quale ricompensa riceverete per questo! Non fanno lo stesso anche i pubblicani? E se vi comportate da amici coi vostri fratelli, che cosa fate di strano? Non fanno così anche i pubblicani? " (Matteo 5, 46). - Principio dell'"amore cristiano": in fin dei conti vuol essere pagato bene... "Ma se voi non perdonate agli uomini le loro colpe, anche vostro Padre non perdonerà  a voi" (Matteo 6, 15). - Molto compromettente per il detto "padre"... "Cercate in primo luogo il regno di Dio e la sua giustizia, e tutto il resto vi sara dato" (Matteo 6, 33). - Tutto ciò: cioò cibo, vestiario, tutto quanto e più necessario nella vita. Un errore, a dir poco... Subito dopo Dio appare in qualita di sarto, perlomeno in certi casi... "Rallegratevi allora e saltate: perchè ecco, il vostro premio in cielo e grande. Lo stesso fecero i vostri padri ai profeti" (Luca 6, 23). Branco di svergognati! Già  si paragonano ai profeti... "Non sapete che voi siete il tempio di Dio, e che lo spirito di Dio abita in voi? Se taluno guasterà  il tempio di Dio, Dio guasterà  lui, poichè il tempio di Dio, che voi stessi siete, ò santo" (Paolo, I Corinzi 3, 16). - Non si disprezzerà  mai abbastanza roba del genere... "Non sapete voi che i santi giudicheranno il mondo? E se il mondo deve essere giudicato da voi, non siete voi idonei abbastanza a giudicare cose minori? " (Paolo, I Corinzi 6, 2). Purtroppo non ò solo il discorso di uno psicopatico... Questo spaventoso impostore prosegue testualmente: "Non sapete, che noi giudicheremo gli angeli? Quanto piu dunque giudicheremo dei beni temporali!"... "Non ha Dio cambiato in follia la saggezza di questo mondo? Poichè, non avendo il mondo con la sua saggezza riconosciuto Dio nella sua saggezza, e piaciuto a Dio di rendere beati, con una folle predicazione, coloro che credono in lui... Non sono eletti molti saggi secondo la carne, nè molti potenti, ne molti nobili. Ma ciò che ò folle agli occhi del mondo, fu eletto da Dio, per svergognare i saggi; e chi ò debole agli occhi del mondo fu eletto da Dio per svergognare chi ò forte. E chi agli occhi del mondo e ignobile e disprezzato fu eletto da Dio, e chi non ò niente, per rendere niente chi ò qualche cosa. Affinchè al suo cospetto nessuna came si vantasse" (Paolo, i Corinzi 1, 20 ss. ). - Per intendere questo passo, testimonianza di primissimo ordine sulla psicologia di ogni morale da Ciandala, si legga la prima dissertazione nella mia Genealogia della Morale: in essa, per la prima volta, veniva messa in luce la contrapposizione tra una morale nobile e una morale da Ciandala nata sul risentimento e sulla sterile vendetta. Paolo fu il maggiore fra tutti gli apostoli della vendetta... Per preti e dòi ò finita quando l'uomo diventa scientifico Abbiamo veramente capito la famosa storia che sta all'inizio della Bibbia, - a proposito della dannata paura di Dio di fronte alla scienza? Non l'abbiamo capita. Questo libro di preti par excellence ha inizio, come si conviene, con la grande difficoltà  interiore del prete: per lui c'ò solamente un grande pericolo, di conseguenza per "Dio" c'ò solamente un grande pericolo. II vecchio Dio, tutto "spirito", tutto sommo sacerdote, tutto perfezione, va a spasso nel suo giardino: solo che si annoia. Contro la noia lottano invano perfino gli dòi. Che cosa fa lui? Inventa l'uomo, l'uomo ò divertente... Ma, guarda un po', anche l'uomo s'annoia. La pietà  di Dio per l'unica miseria che tutti i paradisi comportano, ò sconfinata: tosto egli creò anche altri animali. Primo passo falso di Dio: l'uomo non trovò divertenti gli animali - dominava su di loro, non voleva essere neppure "animale". - Allora Dio creò la donna. E in effetti a quel punto con la noia fu finita, - ma anche con qualcos'altro! La donna fu il secondo passo falso di Dio. - "La femmina ò per sua natura serpente: Eva" - ogni prete lo sa; "ogni malanno al mondo viene dalla femmina" - anche questo sa ogni prete. "Da essa viene quindi anche la scienza"... Solo attraverso la donna l'uomo apprese ad assaggiare i frutti dell'albero della conoscenza. - Che cosa era successo? Il vecchio Dio fu preso da una dannata paura. L'uomo stesso era divenuto il suo più grande passo falso, egli si era creato un rivale, la scienza rende simili a Dio, - per preti e dòi ò finita quando l'uomo diventa scientifico! - Morale: la scienza ò il proibito in sè, - essa sola ò proibita. La scienza ò il primo peccato, il seme di tutti i peccati, il peccato originale. La morale ò soltanto questo. - "Tu non devi conoscere": - il resto consegue da ciò. - La dannata Paura non impedì a Dio di essere furbo. Come ci si difende dalla scienza? Per lungo tempo questo divenne il suo primo problema. Risposta: fuori l'uomo dal paradiso! La felicità , l'ozio inducono a pensare - tutti i pensieri sono cattivi pensieri... L'uomo non deve pensare. - E il "prete in sè" inventa il bisogno, la morte, il pericolo mortale della gravidanza, ogni sorta di miseria, vecchiaia, fatica, la malattia soprattutto - nient'altro che strumenti della lotta contro la scienza! Il bisogno non consente all'uomo di pensare... E a onta di ciò, che orrore! L'opera della conoscenza s'innalza torreggiante, invadendo il ciclo, oscurando gli dòi - che fare? - II vecchio Dio inventa la guerra, divide i popoli, fa sì che gli uomini si annientino a vicenda ( - i preti hanno sempre avuto bisogno della guerra... ). La guerra - grande guastafeste della scienza, tra l'altro! Incredibile! La conoscenza, l'emancipazione dal prete, avanza perfino a dispetto delle guerre. - E al vecchio Dio si presenta una decisione estrema: "l'uomo ò divenuto scientifico, - non c'ò altro da fare, bisogna annegarlo. "... La psicologia del prete: il prete domina grazie all'invenzione del peccato Mi avete capito. L'inizio della Bibbia contiene l'intera psicologia del prete. - II prete conosce solo un grande pericolo: la scienza - la sana nozione di causa ed effetto. Ma la scienza prospera totalmente solo in condizioni fortunate - bisogna aver tempo, bisogna avere spirito in eccedenza, per "conoscere"... "Dunque bisogna rendere l'uomo infelice" - questa, in ogni tempo, fu la logica del prete. - Già  si indovina che cosa, innanzitutto, coerentemente a questa logica, ò venuto con ciò al mondo: il "peccato"... àˆ l'invenzione del concetto di colpa e punizione, dell'intero "ordine morale del mondo" a porsi contro la scienza - contro l'affrancamento dell'uomo dal prete... Non fuori, ma dentro di sè deve guardare l'uomo; non deve, come il discente, guardare con sagacia e prudenza nelle cose; non deve in generale guardare per nulla: deve soffrire... e deve soffrire in guisa tale da aver sempre bisogno del prete. - Basta coi medici! Un salvatore ci vuole. - II concetto di colpa e di castigo, ivi compresa la dottrina della "grazia", della "redenzione", del "perdono" - menzogne da cima a fondo e senza alcuna realtà  psicologica - sono inventate apposta per distruggere il senso di causalità  dell'uomo: sono l'attentato contro il concetto di causa ed effetto! - E non un attentato col pugno, col coltello, con sincerità  nell'odio e nell'amore! Ma partendo dagli istinti più vili, più subdoli, più bassi! Un attentato da preti! Un attentato da parassiti! Un vampirismo di livide sanguisughe del sottosuolo!... Quando le naturali conseguenze di un'azione non sono più "naturali", ma vengono attribuite dal pensiero agli spettri concettuali della superstizione, a "Dio", agli "spiriti", alle "anime", come conseguenze puramente "morali", come premio, castigo, avvertimento, mezzi educativi, allora la premessa della conoscenza ò distrutta - allora si ò commesso il più grande crimine contro l'umanità . - Il peccato, ripeto, questa forma autolesionista, par excellence dell'uomo, ò inventato per rendere scienza, cultura, ogni innalzamento e nobiltà  dell'uomo, impossibili; il prete domina grazie all'invenzione del peccato. Essa creò miserie per perpetuare se stessa... Con ciò sono alla conclusione e pronuncio il mio giudizio. Condanno il cristianesimo, levo contro la Chiesa cristiana l'accusa più spaventosa che mai sia uscita dalla bocca di un accusatore. Essa ò per me, la suprema tra tutte le corruttele immaginabili, essa ha avuto la volontà  della estrema possibile corruttela. La Chiesa cristiana, con la sua depravazione, non lasciò nulla d'intatto, essa ha fatto d'ogni valore un non- valore, di ogni verità  una menzogna, d'ogni rettitudine un'infamia dell'anima. Che osino parlarmi ancora delle sue benemerenze "umanitarie"! Il sopprimere una qualsiasi miseria andava contro la sua più profonda utilità : essa visse di miserie, essa creò miserie per perpetuare se stessa... Il verme del peccato, per esempio: solo la Chiesa ha arricchito l'umanità  con questa miseria! - L'eguaglianza delle anime davanti a Dio", questa falsità , questo pretesto per le rancunes d'ogni anima vile, questo esplosivo concettuale, il quale alla fine si ò fatto rivoluzione, idea moderna e principio di decadimento per l'intero ordine sociale - ò dinamite cristiana... Benemerenze "umanitarie" del cristianesimo! Far crescere dalla humanitas un'autocontraddizione, un'arte dell'autolesionismo, una volontà  di menzogna ad ogni costo, una avversione, un disprezzo per tutti i buoni e retti istinti! - Queste sarebbero le benedizioni del cristianesimo, per me! - II parassitismo come unica prassi della Chiesa; che col suo ideale anemico di "santità " beve fino all'ultima goccia ogni sangue, ogni amore, ogni speranza di vivere: l'ai di là  come volontà  di negazione d'ogni realtà ; la croce quale segno di riconoscimento per la più sotterranea congiura mai esistita - contro salute, bellezza, costituzione bennata, coraggio, spirito, bontà  dell'anima, contro la vita medesima... Questa eterna accusa al cristianesimo io voglio scrivere su tutti i muri ovunque siano muri - possiedo caratteri per far vedere anche i ciechi... Io chiamo il cristianesimo unica grande maledizione, unica grande intima perversione, unico grande istinto di vendetta, per il quale nessun mezzo ò abbastanza velenoso, occulto, sotterraneo, piccino - io lo chiamo unico imperituro marchio d'abominio dell'umanità ... E noi computiamo il tempo a partire dal dies nefastus con cui questa calamità  principiò - dal primo giorno del cristianesimo! -Perchè non piuttosto dal suo ultimo! - Da oggi! - Trasvalutazione di tutti i valori! LEGGE CONTRO IL CRISTIANESIMO Data nel dì della salute, nel primo giorno dell'anno uno (- il 30 settembre 1888 della falsa cronologia) Guerra mortale contro il vizio: il vizio ò il Cristianesimo Prima proposizione. - Viziosa ò ogni specie di contronatura. La più viziosa specie d'uomo ò il prete; egli insegna la contronatura. Contro il prete non si hanno motivi, si ha la prigione. Seconda proposizione. - Partecipare ad un ufficio divino ò un attentato alla pubblica moralità . Si deve essere più severi contro i protestanti che contro i cattolici, più severi contro i protestanti liberati che contro quelli di stretta osservanza. Il delittuoso dell'esser cristiani cresce vieppiù ci si avvicini alla scienza. Il criminale dei criminali ò quindi il filosofo. Terza proposizione. - Il luogo esecrando in cui il cristianesimo ha covato le sue uova di basilisco sia distrutto pietra su pietra e sia il terrore di tutta la posterità  quale luogo abominevole della terra. Su di esso si allevino serpenti velenosi. Quarta proposizione. - La predicazione della castità  ò istigazione pubblica alla contronatura. Ogni disprezzo della vita sessuale, ogni contaminazione della medesima mediante la nozione di "impurità " ò vero e proprio peccato contro il sacro spirito della vita. Quinta proposizione. - Chi mangia alla stessa tavola di un prete sia proscritto: con ciò egli si scomunica dalla retta società . Il prete ò il nostro Ciandala - lo si deve mettere al bando, affamare, menare in ogni specie di deserto. Sesta proposizione. Si chiami la storia "sacra" col nome che merita in quanto storia maledetta; le parole "Dio", "salvatore", "redentore", "santo" siano usate come oltraggi, come epiteti da criminali. Settima proposizione. Il resto ò conseguenza.