Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 4236
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Schopenhauer: Il Mondo

Riassunto dell'opera "Il Mondo" di Schopenhauer.

Primo libro del Mondo come volontà  e rappresentazione Gnoseologia. Schopenhauer aveva definito nella Quadruplice che le categorie kantiane potevano essere ridotte alla sola causalità , unita alle forme di spazio e tempo. La gnoseologia esposta nel Mondo riprende i concetti di fenomeno e noumeno. Ma per Kant il rapporto fra fenomeno e noumeno ò adeguato, in quanto il fenomeno ò il reale modo di conoscere il noumeno; al contrario, per Schopenhauer il rapporto ò inadeguato, in quanto il fenomeno ò pura apparenza. Infatti, La Volontà , che determina tutto il mondo, non vuole altro che realizzarsi, in qualsiasi forma essa possa farlo; un modo ò anche attraverso l'uomo, entità  superiore che permette forme di realizzazione superiori, più ardite; la capacità  conoscitiva dell'uomo serve all'uomo per muoversi nel mondo, ma alla Volontà  serve che l'uomo possa muoversi per realizzarsi di più. Alla Volontà  non interessa il fatto che l'uomo conosca in sè e per sè, ma gli interessa perchè essa si possa realizzare meglio. Dunque, i fenomeni non hanno un valore in sè, ma solo in rapporto all'uomo come mezzo della Volontà . Per Schopenhauer il fenomeno ò apparenza, il velo di Maya, mentre il noumeno ò la realtà  vera sottostante e nascosta. Il mondo in quanto fenomeno lo conosciamo come rappresentazione, che ò composta da un soggetto rappresentante ed un oggetto rappresentato. Il soggetto conosce con le forme a priori che però distorcono la sua visione, e dunque la vita ò sogno. Secondo libro del Mondo come volontà  e rappresentazione Mondo come volontà  e come rappresentazione. Se il soggetto conoscente guarda all'esterno, non vede che il mondo come rappresentazione, e si ferma all'aspetto fenomenico; ma c'ò un modo per raggiungere l'ambito noumenico dell'essere, ed ò il guardare in sè stessi. Visto che non ò possibile raggiungere il noumeno degli oggetti, ma lo stesso soggetto ò un noumeno, guardando in sè lo si può trovare. L'analisi del proprio corpo ò illuminante: il corpo può essere visto come fenomeno, ma anche come manifestazione di un'altra realtà : la volontà . Il corpo ò oggettivazione della volontà , dunque il noumeno dell'uomo ò la volontà . Guardando in sè, si scopre un'altra dimensione dell'uomo e del mondo: la volontà . Il mondo come rappresentazione ha come principio l'Io penso, come volontà  l'Io voglio. Caratteri, assolutezza ed oggettivazioni della volontà . La scienza non può arrivare a spiegare le forze naturali, e questo lo può fare la metafisica, che sarà  empirica e procederà  per analogia. La Volontà  ò presente in tutto il mondo, con gradi di coscienza diversi, fino all'uomo in cui ò autocoscienza. la Volontà  nel resto ò inconscia, ò un impulso di energia, ò unica (non soggetta alle categorie di spazio e tempo, essendo un noumeno), eterna, incausata, senza scopo. La Volontà  dapprima si oggettiva nelle idee, archetipi a cui si rifà  per determinarsi nelle cose; fra idea e fenomeno sta la legge naturale (esplicazione necessaria della forza in relazione ad una situazione empirica). Dietro al fenomeno c'ò la forza irrazionale che non vuole che affermarsi in qualsiasi modo. Terzo libro del Mondo come volontà  e rappresentazione Caratteri di metafisica ed etica. Se la volontà  ò il principio del mondo, la metafisica si identifica con l'etica, il piano teoretico porta al piano pratico immediatamente. L'etica come la metafisica dev'essere descrittiva. Per capire il comportamento della volontà  bisogna definire la libertà  della volontà . Rapporto di volontà  ed intelletto. La volontà , che ò in genere inconscia, nell'uomo produce il fenomeno coscienza, divisibile in intelletto (capacità  di intuire il nesso causale) e ragione (capacità  di pensare in modo astratto); quindi l'intelletto ò al servizio della volontà , non viceversa, e il comportamento morale non sarà  sottomesso all'intelletto ma alla volontà  stessa. Estetica. L'intelletto si pone allo stesso livello della volontà  nell'esperienza estetica. L'arte ò una forma di conoscenza: attraverso essa, visto che si guarda la bello disinteressato, cioò che non ha alcuna utilità  nel mondo fenomenico, si attraversa il mondo fenomenico per mirare le idee della volontà , le oggettivazioni pure. Come l'oggetto della rappresentazione diventa l'idea, così il soggetto, da soggetto immerso in un ambiente fenomenico, si eleva ad universale e in un ambito noumenico. L'arte non ò uno schermo alla volontà  come gli altri fenomeni, ma uno specchio della volontà , che appare come idea, o nella musica, come sè stessa. Con l'arte ci si libera dal dominio della volontà . Quarto libro del Mondo come volontà  e rappresentazione Libertà  e liberazione. L'etica ò possibile solo se esiste la libertà ; per Schopenhauer la libertà  ò assenza di necessità , e questo lo si ha quando l'intelletto, l'uomo si eleva dal mondo fenomenico al mondo noumenico, in cui non vige il determinismo imposto dalla volontà . Quindi l'etica ò il processo di liberazione dell'uomo dal dominio della volontà . Un primo momento di liberazione ò durante l'esperienza estetica, in cui l'uomo, posto alla pari della volontà , ò nel mondo noumenico. Ma solo l'etica permette una permanenza stabile in tale ambito. Scelta di carattere intelligibile. L'azione ò sicuramente determinata dal carattere empirico dell'individuo, in quanto si dà  nel mondo fenomenico; ma l'uomo ha la possibilità  di scegliere il proprio carattere intelligibile, di scegliere il proprio comportamento etico una volta per tutte. Per liberarsi dal dominio della volontà , o ci si pone al suo stesso livello, ci si identifica con essa, e si afferma la vita e la volontà , cosicchè si posa stare nell'ambito noumenico dove non esiste la necessità , o si nega la volontà , poichè la volontà  non ò altro che dolore. L'uomo può quindi scegliere la direzione del proprio comportamento, alla quale adeguerà  le sue proprie azioni. Fonti dell'etica e sue caratteristiche. L'etica non nasce da un imperativo categorico dettato dalla ragione, ma da un sentimento di compassione, dal patire le sofferenze altrui come proprie; non appena si sente la sofferenza altrui (non basta sapere che c'ò), si sente l'unità  noumenica della realtà . La morale ha come virtù la giustizia che ò un freno all'egoismo, ed ò una virtù negativa ("non fare il male"), mentre la carità  ò positiva ("allevia il male"). Con la pietà  si vince l'egoismo, ma non ci si libera totalmente della vita e dunque della volontà . Ascesi. La morale della compassione porta all'ascetismo, un insieme di pratiche che mortificano la volontà , che fanno capire come la volontà  sia causa di sofferenza e sia l'essenza del mondo, cosa che fa desiderare la mortificazione della volontà . La voluntas, quando si autoriconosce, ha coscienza di sè, tende a farsi noluntas, a negarsi, e l'asceta tende a quello che, per persone normali, parrebbe il nulla, ma in verità  ò il tutto, mentre nulla ò il mondo fenomenico. l'asceta nega la volontà , non vuole il nulla, ma vuole trasformare la volontà  in non-volontà . Pessimismo Dolore, piacere, noia. Volontà  ò desiderare, e si desidera quello che non si ha; quindi volere ò soffrire, alla base della volontà  c'ò la sofferenza, e la volontà  provoca la sofferenza; se si appaga un desiderio, altri rimangono inappagati, e inoltre la fine del desiderio appagandolo, non dà  la felicità , ma la mancanza di dolore, cessazione del dolore. Quindi non esiste il piacere ma la cessazione del dolore, e il piacere esiste se c'ò il dolore, mentre il dolore non presuppone il piacere per necessità . Quando non c'ò più desiderio subentra la noia; la noia ò l'assenza di tensione, e come assenza alla fine dà  dolore. Pessimismo cosmico. Il dolore nell'universo si dà  per la mancanza e per la sopraffazione nei confronti degli altri; il dolore ò di tutti, ma l'uomo soffre di più perchè ne ò più cosciente. Eros. L'eros ò tanto forte perchè ò uno strumento della volontà  per giungere alla riproduzione; quindi l'uomo, credendo di fare una cosa umana che lo realizza, ò strumento della volontà ; l'amore ò sentito come un peccato poichè produce altri individui destinati a soffrire. Critiche Alla filosofia di Stato. Chi ò pagato non può pensare liberamente. All'ottimismo cosmico. Il mondo non ò un organismo perfetto governato dall'assoluto, ma un'esplosione di forze irrazionali. All'ottimismo sociale. Naturalmente, i rapporti fra gli uomini sarebbero di sopraffazione; gli uomini vivono insieme per limitare il bellum omnium contra omnes. All'ottimismo storico. La storia non ò scienza, poichè cataloga gli individui, non usa concetti; studiando l'uomo, si capisce che questo non muta essenzialmente.