Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 2750
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita e filosofia di Alex De Tocqueville

Pensiero e vita del filosofo Alex De Tocqueville.

"Vedo chiaramente nell'eguaglianza due tendenze: una che porta la mente umana verso nuove conquiste e l'altra che la ridurrebbe volentieri a non pensare più. Se in luogo di tutte le varie potenze che impedirono o ritardarono lo slancio della ragione umana, i popoli democratici sostituissero il potere assoluto della maggioranza, il male non avrebbe fatto che cambiare carattere. Gli uomini non avrebbero solo scoperto, cosa invece difficile, un nuovo aspetto della servitù… Per me, quando sento la mano del potere appesantirsi sulla mia fronte, poco m'importa di sapere chi mi opprime, e non sono maggiormente disposto a infilare la testa sotto il giogo solo perchè un milione di braccia me lo porge". Sono parole di Alexis Clèrel de Tocqueville (1805-1859), il saggista francese che conquistò la fama con due opere che, ciascuna nel suo genere, sono rimaste esemplari: "La democrazia in America", scritta fra il 1832 e il 1840 e tuttora fondamentale per la comprensione dell'ideologia e della vita sociale degli Stati Uniti, e "L'antico regime e la Rivoluzione", il volume pubblicato nel 1856, che trasformò radicalmente i criteri interpretativi della Rivoluzione francese. Diverse per il soggetto, le due opere principali di Tocqueville sono legate fra loro dalla visione politica dell'autore, che fu un liberale incline alla democrazia e, nello stesso tempo, un critico acuto e profondo dei mali di questa. Il problema dell'equilibrio fra la libertà  individuale e il potere democratico (lo Stato di massa, si direbbe oggi), che egli studiò negli Stati Uniti e vide formarsi nell'Europa del suo tempo, ò ora il problema di tutto il mondo occidentale. In Italia sono stati tradotti recentemente due libri che hanno acuito nuovamente l'interesse per questo genio della storiografia e della sociologia politica, seppure quest'ultima, ai suoi tempi, non esistesse ancora come scienza a se stante. Sono gli Scritti, note e discorsi politici 1839-1852 (Bollati Boringhieri, con un saggio di Umberto Coldagelli); e la biografia scritta da Andrè Jardin, Alexis de Tocqueville (Jaca Book). Si ò così riacceso il dibattito: quasi tutti ormai si dichiarano liberal-democratici e Tocqueville sembra essere il loro antesignano o, meglio, un liberale portato all'estensione dei principi liberali a tutti, quindi incline alla democrazia; ma, nello stesso tempo, Tocqueville ò un critico acuto e preveggente dei mali democratici. Il brano riportato in principio d'articolo de La democrazia in America mette a fuoco la posizione di Tocqueville di fronte all'eguaglianza. Questo aristocratico era convinto, a differenza di tanti borghesi liberali, che la Rivoluzione avesse abbattuto il principio della libertà  come privilegio di un'altra classe, ma per sancire il diritto di tutti alla stessa dignità  umana. Lo Stato non era più concepibile senza libertà  nè la libertà  senza l'eguaglianza. Ma Tocqueville era troppo intelligente per credere all'eguaglianza come realtà  di fatto e non come ideale morale e come condizione giuridica; e se comprese che il garantismo oligarchico non esauriva le immense possibilità  del liberismo, comprese pure che l'ideale democratico della sovranità  conteneva il pericolo della dittatura della maggioranza o, peggio, di una tirannia in nome del popolo, purchè questo delegasse il potere, o se lo lasciasse strappare. Andando in America nel 1831, Tocqueville ci vide qualcosa di più che l'America stessa, ci vide l'immagine della democrazia quale si stava formando anche in Europa. Negli Stati Uniti, insieme agli aspetti positivi della democrazia, notò anche, già  operanti, i difetti dell'eguaglianza e della sovranità  popolare. Il diritto della maggioranza a governare, egli scrive, le dà  "un immenso potere di fatto e un potere d'opinione e nulla più, delle contee e degli Stati, dall'indipendenza della magistratura e dalla sua altrettanto grande mobilità " i cui effetti negativi sono l'instabilità  governativa, l'onnipotenza dei governi, la scarsa garanzia contro gli abusi (perchè l'opinione pubblica forma la maggioranza, il corpo legislativo la rappresenta e il potere esecutivo ne ò lo strumento); e anche l'amore per il benessere, l'accentramento del potere, il conformismo: "Non conosco un paese dove regni meno l'indipendenza di spirito e meno autentica libertà  di discussione che in America… Il padrone non vi dice più: "pensate come me o morrete"; ma dice: "siete libero di non pensare come me; la vostra vita, i vostri beni, tutto vi resterà , ma da questo istante siete uno straniero fra noi". Dalla visione dell'America contemporanea dedusse un'agghiacciante ed esatta previsione del mondo futuro: "Se cerco di immaginare il dispotismo moderno, vedo una folla smisurata di esseri simili ed eguali che volteggiano su se stessi per procurarsi piccoli e meschini piaceri di cui si pasce la loro anima… Al di sopra di questa folla, vedo innalzarsi un immenso potere tutelare, che si occupa da solo di assicurare ai sudditi il benessere e di vegliare sulle loro sorti. àˆ assoluto, minuzioso, metodico, previdente, e persino mite. Assomiglierebbe alla potestà  paterna, se avesse per scopo, come quella, di preparare gli uomini alla virilità . Ma, al contrario, non cerca che di tenerli in un'infanzia perpetua. Lavora volentieri alla felicità  dei cittadini ma vuole esserne l'unico agente, l'unico arbitro. Provvede alla loro sicurezza, ai loro bisogni, facilita i loro piaceri, dirige gli affari, le industrie, regola le successioni, divide le eredità : non toglierebbe forse loro anche la forza di vivere e di pensare? ". Triste e veritiera profezia: l'Europa del Novecento ha conosciuto e conosce queste tirannie, e anche i paesi che si credono liberi ogni giorno sprofondano sempre più nelle sabbie mobili, stranamente allettevoli, del paternalismo autoritario che nasce dalla stessa democrazia. Come non pensare, oggi, ai meschini piaceri della Tv e del fanatismo sportivo? Nell'America del suo tempo, Tocqueville vide che le garanzie contro la "tirannia della maggioranza" erano costituite da diversi fattori. Innanzi tutto, la tradizione protestante-puritana dava all'individuo la certezza del suo valore assoluto come persona, dotata di diritti inalienabili e fonte di ogni rapporto sociale. Questa consapevolezza individualistica era aiutata dal decentramento amministrativo dal moltiplicarsi delle autorità  e delle associazioni locali, dall'autonomia dei municautorità  sul potere politico: un'autorità  costituita dal diritto di dichiarare incostituzionali le leggi, dalla diffusione dello spirito giuridico, dovuta anche all'istituto della giuria estesa agli affari penali, e della giuria estesa agli affari civili, e dalla libertà  di stampa, giudicata "infinitamente preziosa". Ma soprattutto l'esperienza americana l'aveva convinto, contro la tesi dell'Illuminismo, della stretta dipendenza del concetto di libertà  dalla "rivoluzione cristiana": "Dubito che l'uomo - scriveva Tocqueville - possa sopportare insieme una completa indipendenza religiosa e una libertà  politica senza limiti; sono anzi portato a pensare che, se non ha fede, sia condannato a servire e, se ò libero, non possa non credere". Per queste ragioni, l'America presentò a Tocqueville un equilibrio fra la fonte democratica del potere e il suo esercizio liberale, un equilibrio che egli intuì mancante all'Europa, anche per effetto della Rivoluzione francese. Si rivolse quindi allo studio di questa, ed ebbe la conferma di ciò che aveva scritto nell'"Introduzione" e La democrazia in America: la tendenza all'eguaglianza delle condizioni si era manifestata in Europa, e specialmente in Francia, già  nel Medio Evo ed era progredita in modo formidabile negli ultimi tempi della monarchia francese. Così, sviluppando ne L'antico regime e la Rivoluzione i concetti espressi in uno studio pubblicato su una rivista inglese nel 1836, Tocqueville, contro tutti gli storici del suo tempo, quali che fossero le loro tendenze, mise in luce per la prima volta che la Rivoluzione non era stata una "catastrofe" radicalmente innovatrice che, operando un capovolgimento del mondo, avesse creato una realtà  totalmente nuova: la Rivoluzione fu il logico proseguimento di un'evoluzione in corso da secoli, che tendeva a sostituire uno Stato fondato sull'eguaglianza e amministrato con uniformità  dal centro a uno Stato fondato sul privilegio e la cui amministrazione era frazionata fra i feudatari, l'anzianità , la forza, gli stessi successi che la tendenza egualitaria e accentratrice aveva conseguito prima dell'89 spiegano perchè questa tendenza prevalesse, durante e dopo la Rivoluzione, sull'orientamento liberale, più recente e meno diffuso. Quindi, anche in Francia, anche in Europa, il problema della democrazia ò lo stesso che in America: La sopravvivenza della sua forma liberale ò connessa più con l'educazione alla libertà  e con le garanzie per l'autonomia dell'individuo che con la difesa della mera eguaglianza. àˆ facile essere eguali nella servitù, più difficile, ma necessario, essere liberi nell'eguaglianza. Sui due volumi sulla "Democrazia in America" gli studiosi del più grande pensatore politico dell'800 (il giudizio ò di Aron) da tempo ritengono che si tratti di due opere sostanzialmente diverse: la prima dedicata alla felice congiunzione, oltre Atlantico, della democrazia con il liberalismo; la seconda ai pericoli che uno Stato sociale, caratterizzato dall'eguaglianza delle condizioni, comporta soprattutto sul piano culturale e antropologico. De Sanctis ò tra i pochi studiosi italiani che si siano cimentati nel compito di decifrare il mistero Tocqueville. Dietro la limpida scrittura dell'aristocratico francese, infatti, emergono ripensamenti e contraddizioni insiti nell'oggetto stesso della sua ricerca: la democrazia nei suoi rapporti con la rivoluzione, con la tradizione, con le istituzioni, con i costumi. "Soltanto in un'epoca in cui tutto vacilla", rileva De Sanctis, possiamo comprendere il pathos della democrazia del 1840, la sua prefigurazione di "una società  democratica in cui prevale una condizione umana atomizzata dall'"individualismo" ed estraniata dalla politica". Tocqueville nella Democrazia dei moderni non teme l'anarchia, le grandi passioni collettive, la tirannia della maggioranza ma, al contrario, l'apatia, l'irresponsabilità  individuale, la rinuncia alla politica e l'affidamento della res publica a un potere "onnisciente e dirigista". Di qui il drammatico appello a riscoprire l'arte difficile dell'associazione. Scrive de Tocqueville: " gli Americani di tutte le età , condizioni e tendenze si associano di continuo. Non soltanto possiedono associazioni commerciali e industriali, di cui tutti fanno parte, ne hanno anche di mille altre specie: religiose, morali, gravi e futili, generali e specifiche, vastissime e ristrette. Gli Americani si associano per fare feste, fondare seminari, costruire alberghi, innalzare chiese, diffondere libri, inviare missionari agli antipodi; creano in questo modo ospedali, prigioni, scuole. Dappertutto, ove alla testa di una nuova istituzione vedete, in Francia, il governo (... ), state sicuri di vedere negli Stati Uniti un'associazione ". Così de Tocqueville, ne "La democrazia in America", descrive il funzionamento, nella vita sociale, di quel principio che in seguito verrà  chiamato "principio di sussidiarietà ". De Tocqueville ripercorre il senso della nascita di una maggioranza: " la maggioranza ò come una giuria incaricata di rappresentare tutta la società  e applicare la giustizia che ò la società  ". E' molto significativo il richiamo costante al rapporto fra attività  di governo con un principio generale di giustizia: " esiste una legge generale che ò stata fatta, o perlomeno adottata, non solo dalla maggioranza di questo o di quel periodo, ma dalla maggioranza di tutti gli uomini. Questa legge ò la giustizia ". E l'appello a considerare " un potere sociale superiore ", che ò poi il potere sovrano del popolo. Il richiamo a questo principio fondamentale di ogni forma di governo si apre nella forma democratica a " qualche ostacolo che possa... dare il tempo per moderare " il potere della maggioranza. L'ostacolo o opposizione ò quindi strumento di "moderazione", ha uno scopo sociale pari a quello della stessa maggioranza, in sintesi deve specchiarsi anch'esso in quello spirito di giustizia che sovrasta e "governa" tutta la società . L'opposizione ò quindi un momento costruttivo della democrazia, perchè elimina ogni rischio di tirannide, ma proprio per questa funzione deve affiancare la maggioranza in una forma di garanzia, non di ostilità . Lo strapotere della maggioranza ò sempre pericoloso, ma altrettanto ò il non armonizzare elementi omogenei: " quando una società  giunge ad avere veramente un governo misto, vale a dire esattamente diviso fra principi contrari, essa entra in rivoluzione o si dissolve ". Il de Tocqueville non ci ha lasciato nessuna indicazione sull'eventualità  che sia l'opposizione a essere rappresentativa di una congerie di princìpi contrari e se, così mista, possa svolgere questo ruolo di garanzia della democrazia. E' certamente un tema su cui riflettere, soprattutto quando una società  sta percorrendo una via di mutamenti molto significativi che si propongono in tempi rapidi. Saggezza imporrebbe che le preoccupazioni espresse da de Tocqueville fossero presenti per raggiungere quell'equilibrio così sintetizzato per un buon governo: " un corpo legislativo composto in modo tale che esso rappresenti la maggioranza senza essere necessariamente schiavo delle sue passioni; un potere esecutivo che abbia una forza propria e un potere giudiziario, indipendente dagli altri due poteri; avrete allora un governo democratico, ma non vi sarà  più pericolo di tirannide ".