Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 5299
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita e filosofia di Fourier

Pensiero e vita del filosofo Fourier.

Anche Charles Fourier (1772-1837), insieme a Saint Simon e a Owen, è uno dei cosiddetti "socialisti utopistici", come li definì Marx, per contrapporli al suo "socialismo scientifico"; i socialisti utopistici, infatti, non prevedevano il raggiungimento dei loro obiettivi sociali con la rivoluzione (come sosterrà  invece il socialismo scientifico di Marx), bensì progettavano a tavolino delle società  utopiche e le presentavano ai ceti dominanti, sperando che essi volessero metterle in atto: ovviamente si tratta solo di un'utopia, in quanto le classi dominanti non concederanno mai quanto richiesto da questi socialisti; tuttavia il motivo per cui questo socialisti non penseranno ad un'azione rivoluzionaria, come farà  invece Marx, è piuttosto semplice: a quei tempi stava appena nascendo e non aveva ancora preso piena coscienza di sò l'attore principale della rivoluzione prevista da Marx: il proletariato. L'obiettivo perseguito da Charles Fourier è la riorganizzazione della società  su nuove basi; queste nuove basi però non devono essere date dalla scienza, come riteneva Saint-Simon, quanto nelle passioni umane. Nato a Besancon nel 1772, rimasto presto orfano, per sopravvivere fu costretto ad impiegarsi in banca e in seguito a fare il commesso viaggiatore, l'agente di borsa e il dipendente di una ditta americana. Nel 1808 pubblicò anonima la Teoria dei quattro movimenti, che passò pressochò inosservata, e solamente nel 1822 fece comparire un secondo scritto, il Trattato dell'associazione domestica agricola, che nel 1842 sarà  riedito con altri scritti sotto il titolo complessivo Teoria dell'unità  universale. Nel 1825 intorno a Fourier si costituì un primo nucleo di seguaci, il più noto dei quali è Victor Considèrant; l'anno seguente Fourier si stabilì definitivamente a Parigi e nel 1829 pubblicò Il nuovo mondo industriale e socioetario, o invenzione del procedimento d'industria attraente e naturale distribuita in serie passionali. Nel 1832-1834 il movimento fourierista fece apparire la rivista "Il Falansterio o la riforma industriale", poi continuata con "La Falange" (1836-1840), il cui motto era " riforma sociale senza rivoluzione ". I seguaci di Fourier tentarono l'esperimento di organizzare un falansterio, ma esso fallì anche per mancanza di mezzi e Fourier, sempre più in disaccordo con essi, lo sconfessò. Il ragionamento di Fourier parte dalla constatazione che la società  del suo tempo è un mondo capovolto; infatti in essa l'ordine naturale delle cose è rovesciato, visto che vi regnano la miseria e la frode. Fourier ne trova la conferma evidente nel fatto che in un ristorante a Parigi una mela vale cento volte più che in Normandia. Rispetto a questa degenerazione prodotta dalla civiltà , la natura rappresenta, come già  era avvenuto in Rousseau, il polo positivo, ma per Fourier ciò significa che sono buone tutte le passioni e le inclinazioni proprie della natura umana: esse devono pertanto essere assecondate e soddisfatte, mentre finora sono state considerate cattive e quindi da reprimere. Ma se le passioni non possono essere mutate, perchò sono quelle che sono, può essere mutato il loro orientamento, in modo da farne nascere l' armonia generale dell'umanità . Il meccanismo che consente di raggiungere questo obiettivo è ravvisato da Fourier nella legge dell'attrazione universale, scoperta nel secolo precedente da Newton: il problema è ora di estendere questa legge all'intero mondo umano. Le passioni fondamentali sono l'amore per la ricchezza e l'amore per i piaceri; non a caso sono esse le passioni finora regolarmente represse dalla società . Se si desidera raggiungere un'organizzazione armonica della società , bisogna allora far leva su queste due passioni, anzichò reprimerle. Si tratta quindi di modificare le sfere del lavoro e dei rapporti sessuali, pertinenti ad esse. A parere di Fourier infatti sarà  possibile aumentare la produttività  del lavoro tramite l' attrazione passionale, ossia l'impulso naturale tendente al piacere dei sensi nonostante l'opposizione dei doveri e dei pregiudizi. Il lavoro dovrà  dunque essere suddiviso in funzioni differenti esercitate da individui differenti secondo i loro gusti, ossia le loro attrazioni passionali, e si dovranno formare gruppi in cui le passioni individuali siano armonizzate tra loro, in modo da evitare ogni conflitto e favorire al tempo stesso l'emulazione e la cooperazione. Le serie passionali così armonizzate troveranno applicazione nelle funzioni industriali, cioò nel lavoro domestico, agricolo, manufatturiero, commerciale, nonchò nell'insegnamento e nello studio. La passione più importante è il bisogno di varietà : saranno quindi necessari turni brevi di lavoro, per evitare che si cada nella noia, frequenti passaggi all'esercizio di funzioni differenti e mobilità  da un gruppo all'altro; in tal modo, diversamente da quanto avviene nell'industria attuale, dove la varietà  è repressa e il lavoro è uniforme, potrà  costituirsi un' industria attraente, capace di garantire il massimo della produttività . Su questa base si formeranno le falangi, ovvero gruppi di circa 1800 persone di entrambi i sessi, le quali vivono in falansteri economicamente e socialmente autosufficienti, anche se collegati tra loro: questi falansteri sono contemporaneamente abitazioni collettive, luoghi di lavoro e divertimento, circondati da aree coltivabili e foreste. In tal modo, l'utopia di Fourier arriva ad immaginare nuove forme di architettura e di urbanistica. Inoltre nei falansteri potrà  trovare finalmente compimento la liberazione sessuale, sinora repressa attraverso l'affermazione del predominio maschile sulla donna e l'istituzione della famiglia monogamica: anche sul piano sessuale la regola sarà  offerta dalla legge dell'attrazione, e si dovranno seguire le passioni: saranno dunque ammessi rapporti omosessuali. Fourier diede un'esposizione articolata delle sue tesi su quest'ultima questione in un'opera, rimasta inedita fino al 1967, intitolata Il nuovo mondo amoroso. L'idea generale che serpeggia nel pensiero di Fourier e che ne fonda l'adesione al socialismo (utopistico) è quella secondo la quale l'uguaglianza giuridica (data dal liberalismo) e quella politica (data dalla democrazia) non sono garantite se non è garantita anche l'uguaglianza sociale. E accanto all'uguaglianza sociale auspicata da Fourier troviamo uno spiccato spirito libertario: Fourier è convinto che ognuno debba gestire più liberamente la propria vita. Per quel che riguarda il lavoro, Fourier lo considera non come una condanna, bensì come un valore: tuttavia eseguire per un'intera vita lo stesso lavoro sarebbe tedioso, e quindi il pensatore francese prospetta un'alternanza dei lavori tra gli uomini: il lavoro deve infatti sempre essere un piacere, mai un peso e cambiare di continuo lavoro può essere un modo divertente di lavorare. Questo atteggiamento fourieriano lo si può evincere quando egli propone di usare per fare gli scavi i bambini: essi infatti si divertono sempre a scavare e a sguazzare nel fango e svolgendo tale lavoro potrebbero divertirsi essendo utili.