Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 4354
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita e filosofia di Fries

Pensiero e vita del filosofo Fries.

Jakob Friedrich Fries (1773-1844) insegnò a Heidelberg e a Jena. Tra le sue opere più famose ed importanti meritano di essere menzionate: Sistema di filosofia come scienza evidente (1804), Nuova critica della ragione (1807), Sistema di Logica (1811), Manuale di antropologia psichica (1820), Politica, o dottrina filosofica dello Stato (1848, postuma). Fries si propone di opporsi all'idealismosviluppando il pensiero di Kant in direzione diversa e quasi antitetica da quella seguita da Fichte, Schelling ed Hegel, sebbene anche il suo tentativo anti- idealistico non sia del tutto fedele all'insegnamento kantiano. Kant aveva insistito a più riprese sul fatto che la filosofia trascendentale, in quanto analisi delle forme a priori della conoscenza, non aveva nulla a che vedere con una semplice descrizione empirica, e quindi a posteriori, dei meccanismi psicologici dell'uomo. Contraddicendo apertamente questa prescrizione, Fries risolve invece la sua indagine sulle forme della conoscenza in un empirismo psicologistico. La sua " scienza dell'esperienza psicologica " intende infatti fornire, attraverso lo strumento dell' auto-osservazione introspettiva, un'analisi completa dell'esperienza interiore del soggetto, mettendo in evidenza le forme mediante le quali la conoscenza si sviluppa a livello empirico. La filosofia si risolve così nella psicologia, che Fries definisce " antropologia psichica ". Il metodo psicologico ò dunque fondato sul principio dell'evidenza, ovvero sul presupposto che tanto i meccanismi psicologici che presiedono alla conoscenza quanto i risultati dei processi conoscitivi siano immediatamente evidenti all'auto-osservazione. Il problema kantiano della validità  oggettiva della conoscenza, fondata su strutture trascendentali irriducibili a meccanismi psicologici, ò un problema irresolubile per l'uomo. L'unico criterio di verità  della conoscenza ò l' autofiducia della ragione, che per Fries non ò soltanto un principio, ma un fatto: in base ad essa, la ragione ò certa di rappresentare gli oggetti e la loro esistenza così come sono. L'ambito della conoscenza, però, si estende (come per Kant) solamente entro i limiti della rappresentazione fenomenica: le essenze ultime delle cose non sono logicamente conoscibili e cadono nel dominio della fede. Solamente con un atto di fede sono attingibili anche le verità  eterne, ossia le idee dell'assoluto, della libertà  e dell'eternità , che stanno alla base della vita religiosa degli uomini. Proprio a scusa di questo riferimento alla fede come mezzo per afferrare la realtà  assoluta, Fries (accanto a Jacobi e a Schelling, che non vengono tuttavia espressamente nominati) ò oggetto della sarcastica critica all'intuizionismo che Hegel conduce nella Prefazione alla Fenomenologia dello spirito (1807). Importante ò anche il pensiero etico e politico elaborato da Fries: esso ò fondato sul principio (pur esso di derivazione kantiana) del valore assoluto della dignità  umana: ogni uomo deve sempre e comunque essere considerato come "fine", cioò come un valore in sè, mai solamente come "mezzo". Il principio del valore assoluto della dignità  umana ò alla base di tutti i doveri morali e politici: la stessa costituzione dello Stato deve essere finalizzata esclusivamente alla sua promozione. Fries raccomanda, come concreti strumenti politici per la realizzazione della dignità  umana, l'uguaglianza e la libertà  dei cittadini. In virtù di queste sue dottrine marcatamente liberali, Fries venne sospeso dall'insegnamento dalle autorità  della Prussia.