Filosofia del 1800

  • Materia: Filosofia del 1800
  • Visto: 3495
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita e filosofia di Robert Owen

Pensiero e vita del filosofo Robert Owen.

Robert Owen (1771-1858) esordì come operaio in un cotonificio. A vent'anni era direttore di una filanda a Manchester. A trenta era comproprietario di una fabbrica tessile a New Lanark e la trasformò in un luogo di produzione modello. A cinquanta riuscì a far passare una legge per la limitazione del lavoro di donne e bambini. A sessanta presiedette il congresso di fondazione della prima unione sindacale generale del mondo. Per tutta la vita si dedicò allo sviluppo del movimento cooperativo operaio. Catalogare Owen tra gli utopisti ò certamente una forzatura, ma ò certo che egli fu l'ultimo ad inseguire un modello sociale basato sull'idea e sulla morale. Negli Stati Uniti fondò una comunità  basata sulla produzione e sul consumo sociale (New Harmony, 1826). La caratteristica principale dell'utopismo di Owen fu la prassi. Prima organizzò gli uomini, poi ne trasse degli insegnamenti e volle dare al tutto una veste di teoria sociale. Egli immaginò che qualcosa si poteva e si doveva fare per superare i problemi della società  capitalistica. Cercò di mettere insieme delle forze reali che potessero giungere a risultati pratici. Fornì la prova, evidentemente non da solo ma con l'aiuto di elementi presenti nella società  inglese dell'epoca, che la società  capitalistica poteva essere superata. La sua sconfitta fu infatti dovuta esclusivamente a tre elementi: all'immaturità  della situazione; alla lotta che la società  borghese condusse contro di lui; all'impossibilità  di legare il movimento sindacale ad un movimento politico rivoluzionario. Owen fu sempre contrario allo scontro di classe pur essendone un prodotto. Quel che ci interessa di Owen ò che egli non riesce più a costruire un modello esclusivamente mentale, mentre la critica alla società  non gli permette di rimanere al livello della satira. L'Inghilterra della sua epoca esigeva l'azione, mentre nella Germania era in gestazione la teoria e in Francia la politica. Owen capisce benissimo che col plusvalore estorto agli operai si potrebbero superare i problemi dell'indigenza di tutta la popolazione. Sa che ò possibile un aumento programmato della produzione agricola e industriale tramite l'utilizzo generalizzato delle macchine. Sa che produzione controllata significa abbondanza e lo sa perchè lo ha provato dirigendo una fabbrica di 2. 500 operai e offrendo per la prima volta alle loro famiglie un'assistenza sociale. La potenzialità  liberatoria che Bacone vedeva nella scienza e nella produzione sociale ancora a venire, per Owen era cosa che si toccava con mano, già  realizzata. Occorreva soltanto risolvere il problema della distribuzione dei prodotti e dell'anarchia produttiva. Non sarebbe potuta esistere New Lanark se non fosse stato già  sviluppato il lavoro sociale. E la fondazione delle Trade Unions era una conseguenza. Da questo punto di vista la cosa più interessante non fu la realizzazione di New Lanark e di New Harmony ma il loro fallimento. Le prime espressioni della lotta di classe avevano mostrato che la realizzazione delle istanze socialistiche non poteva passare attraverso modelli. Per quanto essi fossero concreti invece che immaginari, erano pur sempre modelli e non potevano rappresentare isole di un nuovo ordine sociale in un mare capitalistico proprio mentre i movimenti proletari abbandonavano il luddismo e le primitive forme per diventare movimenti di massa, anche politici, come il cartismo. Era materialmente inevitabile, per un personaggio coerente come Owen, passare dal fallimento dell'esperienza produttiva e sociale alla lotta di classe e alla fondazione del sindacato generale. Non ci interessa in questo momento sindacare sulla concezione di Owen che vedeva il sindacato come elemento di trasformazione graduale della società . L'importante ò annotare come in ogni rivoluzione venga sconfitto l'elemento costruttivo e prenda il sopravvento quello distruttivo. Così dev'essere, anche se agli uomini piacerebbe di più assumere atteggiamenti costruttivi e quindi conservatori. Ma come avviene la distruzione rivoluzionaria che ò nello stesso tempo costruzione? Il pensiero Owen era convinto che "l’uomo ò un prodotto dell’ambiente e che mutando l’ambiente si può mutare anche l’uomo"; assertore della possibilità  di una più equa gestione dell’industria, egli partì come operaio in gioventù, poi divenne direttore di una filanda e, infine, fu imprenditore. Trasformò il suo cotonificio di New Lanarck in un’azienda modello, pagando – grazie alla maggiore efficienza tecnica – salari di gran lunga superiori alla media, risanando l’ambiente morale degradato della fabbrica e migliorando le condizioni generali di vita. Si trattava di un’utopia che diventava realtà . Tentò anche di fondare una comunità  socialista negli Stati Uniti, New Harmony, ma essa fallì miseramente, anche perchè – come ò noto – negli Stati Uniti il socialismo e il comunismo non riuscirono mai ad attecchire, a scalzare il mito della possibilità  di arricchirsi lavorando onestamente. Owen rientra nella schiera di quei socialisti che Marx etichetta come "utopisti", ossia quei socialisti che a tavolino fanno progetti di società  migliori (appunto utopiche) e poi le presentano ai governanti o agli industriali affinchò essi le realizzano; per Marx si tratta di utopia, di un qualcosa di inattuabile, poichè ò impossibile convincere chi ò al potere: secondo Marx, al contrario, non occorrono utopie da inseguire; bisogna, piuttosto, che la classe operaia imbracci i fucili e abbatta violentemente la classe nemica, che la sfrutta e la tiene schiava. Marx, però, guarda con simpatia ai socialisti utopisti e riconosce che se essi non sono arrivati a teorizzare la rivoluzione, ciò ò accaduto perchè ai loro tempi la classe operaia non era ancora "in sè e per sè", ossia non si era ancora completamente formata e non aveva ancora piena coscienza di sè e dei suoi diritti. Il caso di Owen, però, ò diverso, tende a sfuggire dall’utopia e a riversarsi sulla realtà , ad un miglioramento reale delle condizioni operaie: egli riesce a dimostrare che, in qualche modo, ò possibile gestire il profitto eliminando gli aspetti più barbarici e duri nei confronti degli operai. Riguardo alla struttura della società  Owen era contrario all’istituto del matrimonio e alla vita familiare, scostandosi nettamente anche su questo punto dalle idee di Fourier. A ogni coppia convivente, nelle sue comunità , era consentito di allevare un massimo di due figli, fino all’età  di tre anni. Dopo tale età  i bambini sarebbero stati trasferiti in dormitori comuni, assieme a coloro che, pur non avendo ancora questa età , erano nati in un nucleo familiare che già  comprendeva due figli. A parte l’aspetto paradossale di questo progetto, in esso ò da vedersi la superiorità  che Owen attribuiva a una vita pienamente comunitaria. Sul piano pratico egli dovette subire delle profonde delusioni, che pero’ non incisero sul suo ottimismo circa la bontà  intrinseca del sistema. Un primo fallimento di "villaggio della cooperazione" si registro’ negli Stati Uniti, a New Harmony, nell’Indiana, dove egli si era recato nel 1824 per realizzare i suoi progetti. Anche un secondo tentativo non ebbe sorte migliore. Gli scritti di Robert Owen contengono, sotto questo profilo, spunti interessanti che hanno attinenza, direttamente o indirettamente, con il problema della divisione del lavoro. Natura umana e condizionamenti sociali L'idea centrale di Owen ò che "ò possibile plasmare una comunità , o anche il mondo intero, in mille modi diversi, dal migliore al peggiore, dal più ignorante al più illuminato, mediante l'uso di certi mezzi; questi mezzi in buona misura ricadono sotto il dominio, e il controllo di coloro che hanno una influenza sulle relazioni tra gli uomini". [1813, Robert Owen] Owen ritiene infatti che "l'uomo ò il prodotto delle circostanze, e che egli in realtà  ò, in ogni momento della sua esistenza, esattamente quale lo hanno reso le circostanze in cui si ò venuto a trovare, combinate con le sue qualità  naturali". [1820, Robert Owen] Nonostante questa possibilità  di formare per il meglio il carattere degli individui e, attraverso ciò, promuovere il benessere di tutti, Owen ha davanti a sè lo spettacolo di abbrutimento della classe operaia, lo sfruttamento delle donne e dei bambini nelle fabbriche, in sostanza il disfacimento morale e fisico dei lavoratori. "Nelle nostre fabbriche, che sono tutte più o meno nocive per la salute, si fanno lavorare bambini piccolissimi. Li si condanna a una routine di interminabile e invariabile lavoro al chiuso, in una età  in cui il loro tempo dovrebbe essere diviso esclusivamente tra salubri esercizi all'aria aperta ed educazione scolastica. In tal modo... si blocca e si paralizza la loro forza intellettuale, come pure quella fisica, invece di permettere il corretto e naturale sviluppo, mentre ogni cosa intorno a loro cospira a rendere depravato e pericoloso il loro carattere morale". [1818, Robert Owen] L'educazione Per risolvere questa situazione, apportatrice e perpetuatrice di guasti e malessere, Owen propone di estendere a tutti, attraverso un piano nazionale, le pratiche educative che egli, assieme ad altri, aveva promosso nella Contea di Lanark. L'educazione ò esplicitamente vista da Owen come mezzo per il superamento delle barriere di classe: "con una giudiziosa educazione i bambini di qualsiasi classe possono divenire in breve tempo uomini appartenenti a qualsiasi altra classe". [1813, Robert Owen] Produttività  dell'istruzione Ma per fare accettare le sue proposte anche alla classe industriale a cui egli appartiene, Owen deve basarsi non su criteri umanitari, ma su parametri di profitto: e di produttività . Rivolgendosi ai sovrintendenti delle industrie e a tutti coloro che danno lavoro, egli fa vedere l'importanza, di tener conto anche delle macchine viventi che "possono essere facilmente addestrate e dirette in modo da produrre un notevole aumento dei guadagni pecuniari". [1813, Robert Owen] Riferendosi all'esperienza di New Lanark, Owen dice: "Ho investito molto tempo e capitale in miglioramenti del capitale vivente; e risulta che il tempo e il denaro cosi impiegati nell'industria di New Lanark, anche ora che questi miglioramenti sono ancora in fase di attuazione e che non si può ottenere che la meta dei loro effetti benefici, rendono più del 50% e in breve produrranno profitti pari al 100% del capitale originariamente investito". [1813, Robert Owen] Ecco allora che già  incomincia a incrinarsi un mito consistente nel credere che vi sia una correlazione positiva tra spossessamento delle facoltà  intellettuali e rendimento produttivo. I rischi dell'istruzione per le classi dominanti Ma che cosa è che cozza contro questo progetto socialmente vantaggioso per la generalità  delle persone? Il motivo lo si può ricavare dallo stesso Owen, estendendo ad altri soggetti le critiche che egli rivolge alla chiesa: "I dignitari della Chiesa e i loro fedeli hanno capito che, a meno che non sia posto sotto il controllo diretto e sotto l'amministrazione di persone appartenenti alla Chiesa, un sistema nazionale per l'educazione dei poveri minerebbe rapidamente alla radice non solo i loro errori ma anche quelli di ogni altra istituzione ecclesiastica". [1813, Robert Owen] E, si può aggiungere, svelerebbe anche gli errori delle attuali leggi che sono state "poste dai potenti per accrescere la propria autorità , mantenendo gli inferiori in uno stato di soggezione al proprio potere". [1836-1844, Robert Owen] Ed e ancor più facile rendersi conto della giustificata presenza di questi timori nella classe dominante, esaminando più dettagliatamente lo schema di analisi e le proposte di Owen. La divisione del lavoro "Nel sistema attuale si ha tra le classi lavoratrici la divisione più minuta tra forza mentale e lavoro manuale; gli interessi privati sono sempre in contrasto con il bene pubblico, e in ogni nazione agli uomini si insegna di proposito fin dall'infanzia a credere che il loro benessere ò incompatibile con il benessere e la prosperità  di altre nazioni". [1813, Robert Owen] "Sarà  ora chiaro comunque che questa minuta divisione del lavoro e divisione di interessi non rappresenta altro che termini diversi per indicare povertà , ignoranza, sprechi di ogni genere, un conflitto universale all'interno della società , crimine, miseria e una grande debolezza fisica e mentale". [1813, Robert Owen] Studio e lavoro "Per evitare questi mali... ogni bambino riceverà  fin dai suoi primi anni di vita una educazione generale che lo preparerà  ad adempiere agli scopi propri della società ". "Istruzione ed educazione vanno concepite come intimamente connesse con le occupazioni offerte dalla comunità ". [1813, Robert Owen] L'elemento caratterizzante i criteri socio-pedagogici di Owen ò appunto questa stretta. compenetrazione tra momento educativo e realtà  esterna, tra studio e lavoro. I bambini dai 5 ai l0 anni "acquisteranno pratica secondo le loro forze e attitudini in qualcuna delle più facili operazioni degli affari della vita; operazioni che possano procurare loro molta più gioia e contentezza di quanta può derivare dagli inutili giocattoli del vecchio mondo". [1836-1844, Robert Owen] In seguito, crescendo, dovranno acquistare "la conoscenza teorica e pratica delle arti più progredite e più utili alla vita". [1836-1844, Robert Owen] Attraverso le varie fasi dell'educazione corrispondenti alle differenti età  della vita, si dovrà  arrivare a far si che uomini e donne siano "addestrati ed educati a sapere che cos'ò la società , qual ò il modo migliore per produrre, conservare e distribuire la ricchezza". [1836-1844, Robert Owen] Inoltre "ò necessario che sappiano anche come unire queste varie parti nelle dovute proporzioni in modo da formare un nucleo scientifico di società ". "E tutti saranno perciò uguali per educazione e condizione e nessuna distinzione artificiale, tranne quella dell'età , sorgerà  mai fra loro". [1836-1844, Robert Owen] La nuova società  àˆ solo così che si può attuare il rovesciamento della vecchia società  e far si che "tutte le vecchie cose spariscano e tutto si rinnovi". [1836-1844, Robert Owen] Allora, "al posto del malaticcio fabbricante di punte di spillo o di capocchie di chiodo, che come un ebete guarda il suolo o si guarda intorno, senza capire e senza riflettere razionalmente, sorgerebbe una classe lavoratrice piena di attività  e di conoscenze utili, di abitudini, di informazioni, modi e tendenze che porrebbero anche chi ò ultimo nella scala sociale molto al di sopra dei privilegiati di qualsiasi classe formatasi nelle circostanze offerte da società  del passato e da quella attuale". [1813, Robert Owen] Secondo Owen, devono essere portati a conoscenza di tutti i principi "resi semplici, adeguati a tutte le capacità  mentali, di organizzazione dell'economia e della società , per cui la stessa categoria di persone che può essere istruita per mandare avanti una qualunque delle cose complicate della vita può facilmente acquisire quella competenza che gli permetta di prendere parte all'amministrazione e alla sovrintendenza di queste nuove aziende". [1813, Robert Owen] In questo modo tutti, secondo uno svolgimento che ò rapportato unicamente all'età , saranno via via governati e governanti. Owen dunque concepisce una società  che supera fin dall'infanzia le barriere tra manualità  e intellettualità , e si struttura in classi di età  a cui corrispondono occupazioni differenti svolte via via da tutti gli individui nel corso della loro esistenza. Ma ciò che ò importante cogliere, concludendo questa rapida analisi dello schema oweniano, e il posto centrale che egli assegna all'istruzione per la formazione di un "Nuovo Mondo". Istruzione che da una parte ò ricchezza produttiva nel senso più lato nel termine (abilità  materiale e intellettuale, scoperte scientifiche, ecc. ); dall'altra ò condizione indispensabile per il superamento dell'antitesi tra lavoro manuale e lavoro intellettuale in quanto universalizza le capacità  di comprensione del processo direttivo.