Filosofia del 1900

  • Materia: Filosofia del 1900
  • Visto: 3155
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

L'egemonia della classe operaia

Il ruolo della classe operaia.

La forte accentuazione della componente umanistico-'prassistica' della realtà  sociale ha sollecitato Gramsci a rivedere alcuni concetti centrali del marxismo, soprattutto nell' ambito della teoria socio politica. Di particolare rilievo ò la sua presa di posizione dinanzi alla questione della natura della sovrastruttura e del suo rapporto con la struttura. Gli stessi Marx ed Engels erano parsi in più occasioni ambigui nell' interpretazione di tale questione. Successivamente, una parte cospicua del marxismo ufficiale aveva inclinato a privilegiare la struttura (economica) e a considerare la sovrastruttura (politica, istituzionale, culturale) una mera conseguenza o proiezione della prima. Ora, tra i marxisti primo-novecenteschi Gramsci ò uno di coloro che modifica questa posizione nel modo più radicale. Per lui la sovrastruttura ò una dimensione legata si a precise premesse di carattere socio-economiche: ma ò dotata anche di una sua precisa e irriducibile specificità , che reclama un tipo di analisi e di intervento appropriato a tale specificità . Questa concezione della sovrastruttura ò la premessa di un' altra importante innovazione introdotta da Gramsci nella concezione marxista: quella relativa al concetto di società  civile. Anche a proposito di tale fondamentale 'figura' dell' intera tradizione dialettica il marxismo tra Otto e Novecento era parso poco propenso a fornire un' immagine in qualche modo autonoma. Per Lenin e per altri teorici marxisti la società  civile costituiva puramente la sfera dei rapporti materiali dell' esistenza associata: essa veniva collegata cioò alla dimensione strutturale. Per Gramsci, invece, la società  civile ò da riferire essenzialmente alla sovrastruttura. Essa comprende per lui un ricco complesso di istituzioni e di funzioni sociali: la chiesa, i partiti, i sindacati, la stampa, i centri produttori di idee e ideologie. Ora tale complesso, se indubbiamente dipende da una determinata situazione socio-economica, altrettanto indubbiamente opera in un modo articolato, molteplice, che non consente di appiattirne entro schemi semplicistici la sua fisionomia e la sua azione. Con particolare riferimento alla realtà  politico-sociale d' occidente ciò significa che non si può ridurre la società  civile a mera proiezione meccanica e passiva del sistema capitalistico. In effetti, secondo Gramsci alcune delle sue componenti contengono tendenze e tensioni conflittuali nei confronti delle strutture socio-economiche dominanti: di quì la necessità  di un'analisi capace di cogliere le potenzialità  di sviluppo critiche della società  civile. Tale concezione ha anche importanti implicazioni pratiche. Essa sollecita infatti a prestare molta attenzione alle possibilità  di azione trasformatrice su istituzioni e modalità  di vita che un certo marxismo tendeva (perchò "sovrastrutturali") a trascurare. L'iniziativa politica si viene così articolando per Gramsci in direzioni che investono i più diversi aspetti e livelli della convivenza sociale. A questo proposito egli ha lasciato in eredità  tutta una serie di indicazioni sulle quali il pensiero marxista successivo ò tornato spesso ad interrogarsi. Sempre nell'ambito della teoria politica ò da sottolineare l'interpretazione per molti versi innovatrice che Gramsci dà , da un lato, della dialettica tra le classi, dall'altro delle funzioni e modalità  d'azione del partito rivoluzionario. Estremizzando alcune tesi di Marx ed Engels, un certo marxismo aveva innegabilmente semplificato oltre il lecito il tema della lotta di classe, riportandola ad un puro e semplice scontro frontale tra capitalisti e lavoratori. Ora Gramsci, pur senza contestare la concezione marxista della dinamica fondamentale del capitalismo (crescente concentrazione del capitale, crescente impoverimento del proletariato, conflitto finale tra i due), ridisegna tale quadro in modo più sottile. Anzitutto, egli tende a non ridurre la competizione sociale alla meccanica contrapposizione tra le due forze; in secondo luogo prospetta interessanti strategie di alleanza tra diversi ceti e forze sociali; in terzo luogo sembra ammettere processi di trasformazione socialista del mondo capitalistico diversi da quelli teorizzati dal marxismo tradizionale. Sotto questo profilo, particolarmente rilevante appare la preferenza accordata alla nuova nozione di " egemonia " rispetto a quella di "dittatura" del proletariato. L' "egemonia" di cui Gramsci parla a più riprese sembra infatti alludere non solo a un meccanismo più articolato e meno violento di transizione al socialismo, ma anche a un processo in cui le altre forze e ideali hanno la possibilità  di cooperare col proletariato alla costruzione di una società  più giusta e libera. Ma non basta. A proposito del ruolo privilegiato della classe operaia, Gramsci sottolinea ch'esso non ò esclusivamente il prodotto necessario di una certa condizione economico-sociale. O, almeno, ò indispensabile che la classe operaia sappia divenire quella che Gramsci definisce la "classe dirigente". Classe dirigente non ò agli occhi di Gramsci la stessa cosa che "classe dominante": la prima espressione implica la duplice capacità  del proletariato organizzato di elaborare una linea d'azione adeguata ai tempi e alle circostanze, e di conquistare autorità  e seguito entro il sistema politico-sociale. La principale verifica della capacità  dirigenziale della classe operaia ò l'acquisizione del " consenso ", un'altra originale nozione teorica del pensiero gramsciano. Il consenso ò il riconoscimento della validità  della prospettiva e della strategia elaborate dal partito rivoluzionario da parte di altre organizzazioni politiche e di ampi gruppi sociali. Esso deve essere ottenuto non solo in sede strettamente politica, ma anche nell'ambito della società  civile, attraverso un'opera di persuasione che sappia influenzare le varie componenti e istituzioni di quest'ultima. Dal punto di vista politico, ò necessario che il consenso sia conseguito a livello di massa, con particolare riferimento ai ceti sfruttati e subalterni. Su un altro versante il consenso può e deve essere ricercato anche presso la borghesia, o almeno presso le sue file socialmente e ideologicamente più avanzate. Su questo piano, in ideale rapporto col concetto di consenso sta l'altra e non meno nuova nozione gramsciana di " blocco storico ": un'espressione con la quale Gramsci indica la possibilità /necessità  di istituire un'alleanza (per più versi inter- o meta-classista) tra tutte le forze politico-sociali interessate alla modernizzazione e all'innovazione in senso democratico (e, in seconda approssimazione, socialista) del paese.