Filosofia del 1900

  • Materia: Filosofia del 1900
  • Visto: 5906
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

René Le Senne

Pensiero e vita.

Vita Renè Le Senne nasce a Elbeuf (Francia) nel 1882. Dopo la laurea in filosofia ottiene la cattedra alla Sorbona. Assieme a L. Lavelle ò uno dei massimi rappresentanti dello spiritualismo francese tra le due guerre. Le diverse espressioni della filosofia dell’esistenza, che interessano l’Europa nel corso degli anni venti e trenta, trovano favorevole accoglienza in Francia. Da un lato la tradizione dello spiritualismo ottocentesco, rinnovata agli albori del nuovo secolo dalla filosofia di Bergson, offre un terreno particolarmente propizio a una filosofia che accentua il lato personale della meditazione filosofica. Dall’altro l’ inedita apertura dei filosofi francesi al mondo culturale tedesco fornisce l’occasione per la penetrazione in Francia delle varie correnti della filosofia della vita (Lebensphilosophie), della tenomenologia e della filosofia dell’esistenza. E’ soprattutto con la nascita parallela della rivista "Recherches philosophiques", fondata da Alexandre Koyrè nel 1932, e della collana Philosophie de l‘Esprit, fondata da Renè Le Senne nel 1934, che si possono individuare due correnti esistenzialiste, che si ò soliti distinguere in una di "sinistra" e in una di "destra". La corrente "di destra" dell’esistenzialismo francese, ha in Renè Le Senne (1882-1954) uno dei suoi maggiori rappresentanti. Essa si ricollega più direttamente allo spiritualismo e assume un atteggiamento meno polemico nei riguardi della tradizione, in particolare dell’idealismo. Il programma della Philosophie de l ‘Esprit, la collana di testi filosofici che darà  voce a questa tendenza spiritualistica, ò stato redatto con l’intento di richiamare l’uomo al senso della sua esistenza e di recuperare, nell’indagine filosofica, il valore dell’impegno e della serietà  metafisica di chi, riflettendo su di sè e sul rapporto che lo unisce alla realtà , ricerca anche la propria salvezza. Essi si richiamano, in polemica con l’intellettualismo e il positivismo, all’idealismo di Hamelin e allo spiritualismo di Maine de Biran, ricongiungendosi per loro tramite alla linea principale della filosofia francese di Cartesio e Malebranche. Professore alla Sorbona, esponente dello spiritualismo assiologico, Le Senne ò noto soprattutto per il suo Trattato di caratterologia. E’ considerato il fondatore della caratterologia, ossia della branca della psicologia che ha per oggetto lo studio del carattere. Muore a Parigi nel 1954. Opere >> Introduzione alla filosofia (1925) >> Il dovere (1930) >> Ostacolo e valore [1934], Morcelliana, Brescia, 1950 >> Trattato di morale generale (1942) >> Trattato di caratterologia [1945], SEI, Torino, 1960 >> Il destino personale (1951) >> La scoperta di Dio (pubblicato postumo, nel 1955) Il pensiero e la Caratteriologia I concetti cardinali della filosofia ideo/esistenziale di Le Senne sono quelli di ostacolo e di frattura, che sono assunti dal filosofo francese come simboli della condizione esistenziale propria dell'uomo. Questi temi sono affrontati soprattutto nell'opera "Ostacolo e valore". L'essenza dell'uomo consiste nella consapevolezza della sua azione: l'uomo ò infatti innanzitutto azione. Ma questa ò resa possibile dalla consapevolezza della resistenza opposta dalla realtà : quest'ultima si pone infatti come ostacolo all'agire umano. Ne segue dunque che il limite ò la condizione necessaria dell'esistenza: ma la coscienza di questo limite, lungi dal produrre disperazione o angoscia (come avviene in certo esistenzialismo), deve diventare occasione per scoprire valori assoluti e trascendenti. L'uomo, di fatto, partecipa di questi valori: ma ne diventa consapevole solo nella misura in cui fa esperienza degli ostacoli concreti, i quali gli permettono di avvertire la frattura tra la realtà  esistenziale e il mondo dei valori. In questa prospettiva, per Le Senne la possibilità  dello scacco di fronte all'esistenza si converte in un'apertura verso la realtà  dell'Assoluto (apertura che, in verità , rievoca la concezione di Jaspers). Contro le idee diffuse che il carattere ò troppo individuale e troppo insondabile, la caratterologia si propone come obiettivo l’applicazione di regole, metodi e mezzi oggettivi di indagine. Essa, preso atto della grande variabilità  degli individui, cerca di stabilirne le costanti generali. La caratterologia di Le Senne ò una tipologia psicologica e in quanto tale nella sua impostazione e nel suo orientamento ignora qualsiasi riferimento biotipologico e psichiatrico. Per questo resta al di fuori degli indirizzi statistici e matematici delle moderne teorie sulla costituzione e sul temperamento e dagli indirizzi psichiatrici che utilizzano prevalentemente metodi clinici. Le Senne propone una caratterologia sulla base di precedenti lavori di Heymans (1) seguendo lo spirito del movimento caratterologico francese fine ottocento, cioò solo in modo psicologico ed empirico. Inoltre la caratterologia di Le Senne si ò tenuta costantemente al di fuori dei metodi e dei concetti della psicologia ufficiale e non ha fatto uso di un metodo scientifico. “Non meraviglia pertanto se dagli psicologi e dagli ambienti qualificati essa non sia considerata” (2). Nonostante questo essa rimane un buon strumento di lavoro. Vari studiosi, tra cui Caille, Rivòre e Vels, l’hanno proposta in campo grafologico e la pratica ne mostra l’utilità . Attualmente in Italia ò il prof. Bornoroni che ne ha scoperto l’utilità  nel campo della medicina olistica (3). Oggi sono stati fatti importanti studi di riferimento tra questa caratterologia, la biotipologia di Ippocrate e la tipologia junghiana ed ò proprio questo che la rende più applicabile. La caratterologia di Le Senne prende in considerazione solo quattro fattori del carattere umano: l'emotività , l'attività  e la risonanza delle emozioni e l’ampiezza di campo di coscienza. L'emotività  viene definita come "quel tratto generale della nostra vita mentale per cui nessun avvenimento da noi subito come contenuto d'una percezione o d'un pensiero può prodursi senza commuoverci in qualche misura e cioò, senza provocare nella nostra vita organica e psichica un turbamento più o meno forte". (4) L'attività  ò la tendenza all'azione che parte dal soggetto stesso. Gli avvenimenti esterni non costituiscono che "delle occasioni, dei pretesti, se non ci fossero, egli le cercherebbe, li provocherebbe, poichè vive per agire". (5) L'inattivo agisce soltanto sotto la spinta di una necessità ; l'attivo agisce per un bisogno interno. La proprietà  dell'attività  si rivela molto bene dal comportamento di fronte agli ostacoli; per l'attivo "il sorgere di un ostacolo rafforza l'azione da lui compiuta proprio nella direzione che l'ostacolo vieta" (6); per l'inattivo le difficoltà  costituiscono un motivo di scoraggiamento e di ritiro. La risonanza viene definita come la persistenza degli effetti prodotti da un determinato evento dopo che esso ò passato. In base a questa proprietà , si possono dividere gli individui in primari (quando l'influenza di una data esperienza non si prolunga molto nel tempo dopo che essa ò passata) e secondari (se le esperienze passate continuano a influenzare il presente anche dopo il loro termine). Si può dire che il primario "vive nel presente, si rinnova con esso", mentre il secondario "smorza il presente [... ] opponendo alle circostanze attuali la ripercussione d'una moltitudine di impressioni passate". (7) L’ampiezza ò il grado di consapevolezza che la coscienza ha di sè. Indirettamente può anche essere definita come la quantità  di immagini, di rappresentazioni, di emozioni e di sensazioni che la mente riesce a tenere presenti simultaneamente e in maniera integrata. In base alle diverse combinazioni di queste proprietà , Le Senne distingue 8 caratteri fondamentali: - Nervoso (E. nA. P. ) - Sentimentale (E. nA. S. ) - Collerico (E. A. P. ) - Passionale (E. A. S. ) - Sanguigno (nE. A. P. ) - Flemmatico (nE. A. S. ) - Amorfo (nE. nA. P. ) - Flemmatico (nE. nA. S. ) Gli otto tipi di carattere secondo Le Senne non sono altro che una combinazione dei biotipi di Ippocrate e dei tipi junghiani come segue: a) il Nervoso e il Sentimentale di Le Senne hanno in comune il tipo nervoso di Ippocrate e l’intuizione di Jung; b) il Collerico e il Passionato di Le Senne hanno in comune il sanguigno - nervoso di Ippocrate e il sentimento di Jung; c) Il Sanguigno e il Flemmatico di Le Senne hanno per base il sanguigno - linfatico di Ippocrate e il pensiero di Jung; d) l'Amorfo e l'Apatico di Le Senne hanno in comune il linfatico di Ippocrate e la sensazione di Jung (8) L'approccio di Le Senne si ò rivelato particolarmente adatto alle applicazioni grafologiche, per la sua immediata comprensibilità . Oggi ò tra le tipologie più usate, specialmente dai grafologi francesi e spagnoli. Bibliografia Italiana G. Magnani, Itinerario al valore in Renè Le Senne, Pontificia Università  Gregoriana, Roma, 1971 E. Cetineo, Renè Le Senne: idealismo personalistico e metafisica axiologica, Palumbo, Palermo, 1952 A. Guzzo - G. Clava - C. Rosso - M. Ghio, Renè Le Senne, Edizioni di "Filosofia", Torino, 1951 Andrea Le Gall, Caratterologia dei fanciulli e degli adolescenti, SEI, Torino Basato sulla caratterologia di Renè Le Senne. Note (1) G. Heymans (1875 – 1930), psicologo olandese e professore all’Università  di Grononga. (2) N. Galli, La caratterologia di G. Heymans e R. Le Senne, o. c., p. 237. (3) C. Bornoroni, Manuale di farmacologia omeopatica, Ipsa editore, Palermo 1994. (4) Le Senne, Trattato di caratterologia, SEI, Torino, 1960, pag. 55. (5) Le Senne, Op. cit., pag. 67 (6) Le Senne, Ivi (7) Le Senne, Op. cit., pag. 77 (8) N. Palaferri, Tipologia umana. Caratteriologia e grafologia, Libreria "G. Moretti", Urbino, 1999, p. 105