Filosofia del 1900

  • Materia: Filosofia del 1900
  • Visto: 3983
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Umberto Galimberti

Pensiero e vita del filosofo.

Nato a Monza nel 1942, Umberto Galimberti ò stato dal 1976 professore incaricato di Antropologia Culturale e dal 1983 professore associato di Filosofia della Storia. Dal 1999 ò professore ordinario all’università  Ca’ Foscari di Venezia, titolare della cattedra di Filosofia della Storia. Nelle sue opere più importanti come Heidegger, Jaspers e il tramonto dell'Occidente (1975), Psichiatria e Fenomenologia (1979), Il corpo (1983), La terra senza il male. Jung dall'inconscio al simbolo (1984), Gli equivoci dell’anima (1987) e Psiche e techne. L'uomo nell'età  della tecnica (1999), Galimberti indaga il rapporto che effettivamente sussiste tra l’uomo e la società  della tecnica. Memore della lezione di Emanuele Severino (di cui ò stato allievo) e di Heidegger, Galimberti sostiene che nelle condizioni attuali l’uomo non ò più al centro dell’universo come intendeva l’età  umanistica: tutti i concetti chiave della filosofia (individuo, identità , libertà , salvezza, verità , senso, scopo, natura, etica, politica, religione, storia) dovranno essere riconsiderati in funzione della società  tecnologica attuale. Al centro del discorso filosofico di Galimberti c’ò la tecnica, che secondo il filosofo ò il tratto comune e caratteristico dell’occidente. La tecnica ò il luogo della razionalità  assoluta, in cui non c’ò spazio per le passioni o le pulsioni, ò quindi il luogo specifico in cui la funzionalità  e l’organizzazione guidano l’azione. Noi continuiamo a pensare la tecnica come uno strumento a nostra disposizione, mentre la tecnica ò diventata l’ambiente che ci circonda e ci costituisce secondo quelle regole di razionalità  (burocrazia, efficienza, organizzazione) che non esitano a subordinare le esigenze proprie dell’uomo alle esigenze specifiche dell’apparato tecnico. Tuttavia ancora non ci rendiamo conto che il rapporto uomo-tecnica si sia capovolto, e per questo ci comportiamo ancora come l’uomo pre-tecnologico che agiva in vista di scopi iscritti in un orizzonte di senso, con un bagaglio di idee e un corredo di sentimenti in cui si riconosceva. Ma la tecnica non tende a uno scopo, non promuove un senso, non apre scenari di salvezza, non redime, non svela verità : la tecnica funziona e basta. Il punto cruciale sta nel fatto che tutto ciò che finora ci ha guidato nella storia (sensazioni, percezioni, sentimenti) risulta inadeguato nel nuovo scenario. Come "analfabeti emotivi" assistiamo all'irrazionalità  che scaturisce dalla perfetta razionalità  dell'organizzazione tecnica, priva ormai di qualunque senso riconoscibile. Non abbiamo i mezzi intellettuali per comprendere la nostra posizione nel cosmo, per questo motivo ci adattiamo sempre di più all’apparato e ci adagiamo sulle comodità  che la tecnica ci offre. Ciò di cui necessitiamo ò un ampliamento psichico capace di compensare la nostra attuale inadeguatezza. Inadeguato non ò solo il nostro modo di pensare, inadeguata ò anche l’etica tradizionale (cristiana e kantiana in particolare): le diverse etiche classiche, infatti, ponevano l’uomo al centro dell’azione, per cui Kant dice di non trattare l’uomo come mezzo ma sempre come fine. Ma oggi questo ò smentito dai fatti dell’apparato, infatti l’uomo (per usare un’ espressione di Heidegger) ò la materia prima più importante, ò ciò di cui la tecnica si serve per funzionare. La scienza, da quando ò al servizio della tecnica e del suo procedere, non ò più al servizio dell’uomo, piuttosto ò l’uomo al servizio della tecno-scienza e non solo come funzionario dell’apparato tecnico come gli esponenti della Scola di Francoforte andavano segnalando sin dagli anni '50, ma come materia prima. L’etica, di fronte alla tecnica, diventa pat-etica, perchè come fa a impedire alla tecnica che può di non fare ciò che può? E l’etica, nell’età  della tecnica, celebra tutta la sua impotenza. Infatti, finora abbiamo elaborato delle etiche in grado di regolare esclusivamente i rapporti tra gli uomini. Queste etiche, religiose o laiche che fossero, controllavano solo le intenzioni degli uomini, non gli effetti delle loro azioni, perchè i limiti della tecnica a disposizione non lasciava intravedere effetti catastrofici. Anche l’etica della responsabilità  che affiancò l’etica dell’intenzione (Kant) ha, oggi i suoi limiti. A formularla fu Max Weber (poi la riprese Jonas nel suo celebre teso Il principio di responsabilità ) che però la limitò al controllo degli effetti "quando questi sono prevedibili". Sennonchè ò proprio della scienza e della tecnica produrre effetti "imprevedibili". E allora anche l’etica della responsabilità  ò costretta a gettare la spugna. Oggi siamo senza un’etica che sia efficace per controllare lo sviluppo della tecnica che, come ò noto, non tende ad altro scopo che non sia il proprio potenziamento. La tecnica, infatti, non ha fini da realizzare, ma solo risultati su cui procedere, risultati che non nascono da scopi che ci si ò prefissi, ma che scaturiscono dalle risultanze delle sue procedure. Per Galimberti viviamo in una società  al servizio dell’apparato tecnologico e non abbiamo i mezzi per contrastarlo, soprattutto perchè abbiamo la stessa etica di cent’anni fa: cioò un’etica che regola il comportamento dell’uomo tra gli uomini. Tuttavia quello che oggi serve ò una morale che tenga conto anche della natura, dell’aria, dell’acqua, degli animali e di tutto ciò che ò natura. Riprendendo importanti autori come Marx, Heidegger, Jaspers, Marcuse, Freud, Severino e Anders e coinvolgendo discipline quali l’antropologia filosofica e la psicologia, Galimberti sostiene che oggi l’uomo occidentale dipende completamente dall’apparato tecnico, ò un uomo-protesi come sosteneva già  Freud, e questa dipendenza non sembra potersi spezzare. Tutto rientra nel sistema tecnico, qualsiasi azione o gesto quotidiano l’uomo compie ha bisogno del sostegno di questo apparato. Ormai viviamo nel paradosso, infatti se l’uomo vuole salvare se steso e il pineta dalle conseguenze del predominio della tecnica (inquinamento, terrorismo, povertà , etc. ) lo può fare solo con l’aiuto della tecnica: progettando depuratori per le fabbriche, cibi confezionati, grattacieli antiaerei e così via. Il circolo ò vizioso e uscirne, se non impossibile, sembra improbabile, visto soprattutto la tendenza delle società  occidentali. Una speranza sarebbe quella di riuscire a mantenere le differenze tra scienza e tecnica; se riusciamo a salvaguardare una differenza tra il pensare e il fare, la scienza potrebbe diventare l´etica della tecnica. La tecnica procede la sua corsa sulla base del "si fa tutto ciò che si può fare". La scienza, che ò il luogo pensante, potrebbe diventare, invece, il luogo etico della tecnica. In questo senso va recuperato il valore umanistico della scienza: la scienza al servizio dell’umanità  e non al servizio della tecnica. La scienza potrebbe diventare il luogo eminente del pensiero che pone un limite. Perchè la scienza ha un´attenzione umanistica. Promuove un agire in vista di scopi. Mentre la tecnica ò un fare senza scopi, ò solo un fare prodotti. Il valore più profondo del pensiero di Galimberti consiste, appunto, nel tentativo di fondare una nuova filosofia dell'azione che ci consenta, se non di dominare la tecnica, almeno di evitare di essere da questa dominati.