Filosofia del 1900

  • Materia: Filosofia del 1900
  • Visto: 2837
  • Data: 12/07/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vita

Vita e opere.

Nato d Ales, presso Oristano, nel 1891, Antonio Gramsci studiò lettere e filosofia all' università  di Torino. Non conseguì però la laurea perchò assorbito dall' impegno politico cui si era dedicato appena giunto nel capoluogo piemontese. Esponente del movimento socialista torinese, seguì con profonda simpatia le vicende della rivoluzione di ottobre e l' azione di Lenin e del partito bolscevico. Nel 1919 fondò a Torino "Ordine Nuovo", una delle più importanti riviste politiche dell' immediato dopoguerra. In essa egli sostenne in più modi una linea di sinistra radicale, riprendendo tra l' altro varie idee sia leniniste che democratico -"consiliari". Nel 1921, al celebre Congresso di Livorno, fu uno dei promotori della scissione del Partito socialista e della successiva fondazione del "Partito comunista d' Italia" (PCI). Subito dopo compì, a Mosca e a Vienna, un' importante esperienza di dirigente politico in seno all' Internazionale Comunista. Eletto deputato al Parlamento nel 1924, nello stesso anno divenne segretario del Partito comunista e fondò il giornale "L' Unità " (il cui significativo sottotitolo era "Quotidiano degli operai e dei contadini"). Ma poco tempo dopo, nel 1926, fu arrestato dalla polizia (sebbene godesse dell'immunità  parlamentare) e successivamente (1928) condannato dal tribunale speciale fascista a vent' anni di reclusione. La morte lo colse prematuramente nel 1937. Durante la prigionia, Gramsci riuscì a completare i propri studi e a partecipare in qualche modo al vivace dibattito sviluppatosi negli anni '30 all' interno del movimento comunista. Manifestò, in particolare, profonde riserve sulle posizioni dell' Internazionale Comunista, che sosteneva l' imminenza della caduta dei regimi capitalistici ed autoritari (a cominciare dal fascismo) e condannava duramente la condotta delle socialdemocrazie europee, accusate di "socialfascismo". Gramsci respinse radicalmente tali valutazioni, e alla prospettiva di uno scontro rivoluzionario a breve termine col capitalismo contrappose una linea molto più articolata (la cosiddetta "guerra di posizione"), aperta all' accettazione di fasi e modalità  di lotta democratica considerate ineludibili. A fianco della riflessione immediatamente politica Gramsci non trascurò un impegno di carattere più teorico. Ottenuta una certa serie di libri e riviste grazie all' aiuto di alcuni amici, egli seppe anzi realizzare studi e indagini di grande rilievo. I cosiddetti Quaderni del carcere sono l' ammirevole frutto di questo lavoro, portato avanti in condizioni psicologiche e pratiche assai difficili. In essi Gramsci condensa sotto forma di appunti, pagine sparse e talora veri e propri saggi una ricerca intellettuale riguardante, con uguale passione e competenza, ambiti culturali diversi: la storia (soprattutto la storia dell' Italia moderna e contemporanea), la filosofia (soprattutto la filosofia idealista e marxista), la teoria politica (con particolare riferimento ai problemi connessi alla rivoluzione socialista), la critica letteraria e della cultura. I temi principali sui quali conviene qui fermare brevemente l' attenzione sono i seguenti: a) l' interpretazione del risorgimento e della prospettiva di una rivoluzione socialista in Italia; b) interpretazione del marxismo teorico nel contesto della tradizione filosofica otto-novecentesca; c) la riflessione sulla società  contemporanea e sui modi e gli strumenti di una sua trasformazione in direzione democratico-socialista.