Geografia

  • Materia: Geografia
  • Visto: 471
  • Data: 28/11/2015
  • Di: Angela Ardizzone

Le regioni climatiche del mondo: caratteristiche

Le regioni climatiche del mondo. Quali sono le zone climatiche del mondo e le loro caratteristiche.

LE REGIONI CLIMATICHE DEL MONDO: CARATTERISTICHE DELLE FASCE CLIMATICHE. Una regione climatica è una vasta area geografica, che si estende su uno o più continenti, caratterizzata da un particolare clima. Il clima è la risultante delle variazioni delle condizioni dell’atmosfera che sono provocate essenzialmente da tre fattori: radiazione solare, moti del pianeta, forma e struttura della superficie terrestre. La temperatura, l’umidità e la pressione atmosferica, i venti e le precipitazioni sono detti fattori climatici. Ci sono moltissime situazioni climatiche sulla Terra che si possono classificare ad esempio in base alle diverse condizioni di irradiazione dovute al fatto che l'asse terrestre è inclinato e la Terra compie un leggero movimento ondulatorio chiamato precessione. Le tre zone climatiche sono quindi composte da cinque zone distinte delimitate da 4 paralleli.

Fasce climatiche della terra. Zona tropicale ed equatoriale. La zona tropicale ed equatoriale è compresa tra il Tropico del Cancro a Nord ed il Tropico del Capricorno a Sud. E’ caratterizzata da un clima caldo e piovosità abbondante. Vi si distinguono varie zone a seconda dell’umidità:

  • regioni umide: presentano le foreste pluviali sfavorevoli all’insediamento umano
  • regioni aride: clima continentale con gli altipiani caratterizzati dalla savana, con temperature medie annue che variano tra  21 e 28 0C e precipitazioni comprese tra 250 e 600 mm. Le piogge sono limitate ad un periodo relativamente breve; il suolo è sempre acido e povero di nutrienti
  • regioni desertiche: estrema aridità, che permane durante tutto l’anno.

Regioni climatiche del mondo. Zone temperate. La zona temperata è suddivisa in due zone: la prima compresa tra il Circolo polare artico (Boreale) ed il Tropico del Cancro; la seconda compresa tra il Tropico del Capricorno ed il Circolo polare antartico (Australe) . È caratterizzata da una netta suddivisione delle quattro stagioni ed una durata del dì e della notte variabile durante l'arco dell'anno. Qui i raggi solari  giungono obliqui. Tra le due zone si distinguono vari climi.

Zone climatiche. Il clima mediterraneo. Il clima mediterraneo è mite, con estati aride. Le temperature medie annue sono comprese tra i 14 e i 18 0C; gli inverni sono relativamente miti, le temperature al di sotto dello zero sono rare e nessun mese ha temperatura media al di sotto del punto di congelamento. La piovosità è in generale abbondante, ma variabile entro limiti abbastanza ampi.

Il clima oceanico. Per clima oceanico s’intende un clima caratterizzato da elevata umidità e piogge abbondanti; tale clima si ha soprattutto in aree continentali influenzate da correnti oceaniche.

Il clima montano. Le temperature che caratterizzano il clima montano vanno tra i 15 °C e i -8 °C con inverni rigidi, estati fresche e forti escursioni termiche diurne. Le precipitazioni sono abbondanti durante tutto l’anno.

Il clima continentale fresco. È caratterizzato da inverni freddi ed estati calde con temperature tra i -6 °C e i 25 °C con piogge frequenti tutto l’anno. Il paesaggio presenta boschi di aghifoglie e latifoglie e la steppa.

Il clima continentale freddo. Le temperature sono comprese tra i -10 °C e i 20 °C e presenta inverni rigidi ed estati fresche con precipitazioni concentrate nel periodo estivo. Sono frequenti foreste di conifere, querce, faggi e betulle.

Zone polari. La zona glaciale è suddivisa in due zone: la prima sopra il Circolo Polare Artico; la seconda sotto il Circolo Polare Antartico. È caratterizzata da un clima molto rigido e dalla presenza di ghiacci perenni a tutte le quote (tranne dove il clima troppo secco non impedisce le precipitazioni). Il Sole non tramonta mai per 6 mesi consecutivi, mentre nei successivi 6 non sorge mai poiché i raggi solari vi giungono con una forte inclinazione, di conseguenza in certi periodi le due zone non vengono illuminate da essi.

La zona artica. Va dal Circolo polare artico al Polo nord. È una zona caratterizzata da ghiacci perenni e assenza di vegetazione. Caratterizzata da freddo e gelo con scarse precipitazioni e tutte nevose. Il paesaggio è dato dalla tundra, una formazione di erbe di piccole dimensioni, muschi e licheni e dalla taiga, foreste di conifere, più a Sud.

La zona antartica. Va dal Circolo polare antartico al Polo sud. È un vero e proprio continente creato dalle colate glaciali che si riversano in mare. Ha un clima nivale, con basse temperature durante tutto l’anno e scarse precipitazioni ed è quasi totalmente coperto dalla calotta glaciale. Nelle poche aree non coperte dal ghiaccio, le condizioni di vita sono abbastanza simili a quelle delle parti più fredde della tundra.