Grandi matematici

  • Materia: Grandi matematici
  • Visto: 7030
  • Data: 2005
  • Di: Redazione StudentVille.it

Carl Friedrich Gauss

Breve biografia e opere principali di Gauss

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Carl Friedrich Gauss (1777-1855)

Nato e vissuto in Germania, da una famiglia operaia, Gauss fu forse il più grande matematico di tutti i tempi. Dimostrò sin da bambino capacità eccezionali, imparando a leggere e far di conto da solo, all'età di tre anni ed a scuola stupì più volte i suoi insegnanti per le sue intuizioni e per il suo talento.

Pubblicò uno dei suoi primi lavori, sull'uso del metodo dei minimi quadrati in statistica, che non aveva ancora compiuto i diciotto anni. Arrivato all'università di Gottingen potè esplicare pienamente le sue doti, dando contributi in tutti i campi della matematica e in molti rami di altre discipline. Una preziosissima fonte di informazioni è stata il suo diario, dove Gauss annotava diligentemente le sue scoperte, centoquarantasei risultati suddivisi in diciannove pagine, un vero concentrato di alta matematica.

Il primo di questi risultati, del 1796, riguarda la geometria: la prima costruzione con riga e compasso del poligono regolare di diciassette lati. Poco dopo dette una dimostrazione del teorema fondamentale dell'algebra, cioè la possibilità di trovare n soluzioni, nel campo complesso, di una equazione di grado n.

Sempre per i numeri complessi adottò una rappresentazione, con vettori nel piano cartesiano, che sarebbe presto divenuta universale. La sua opera più famosa si intitola 'Disquisitiones arithmeticae'  e tratta principalmente dell'algebra delle congruenze, facente parte della teoria dei numeri. Grande fama gli diede la sua previsone della comparsa dell'asteroide Cerere, nel 1801, che gli valse la nomina a direttore dell'Osservatorio di Gottingen.

Gauss diede anche importanti contributi nella teoria delle funzioni ellittiche e nella teoria delle funzioni analitiche. Assai importanti furono i suoi lavori pionieristici sulle geometrie non euclidee, che vennero poi portate a compimento da altri autori in quella che oggi chiamiamo geometria differenziale. In fisica si occupò di meccanica, magnetismo, acustica, ottica, astronomia, collaborando inoltre alla costruzione del primo telegrafo. Quando morì aveva raggiunto una meritata fama ed aveva ricevuto, dai suoi contemporanei, i più grandi onori.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file