Greco

  • Materia: Greco
  • Visto: 18775
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La poesia epica

La poesia epica nell'antica Grecia: Iliade ed Odissea

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
Poesia Epica: Iliade ed Odissea Le letterature classiche e moderne hanno ripreso così spesso la figura di Odisseo (o Ulisse, alla latina), che del personaggio si potrebbe tracciare una storia lunga e varia. Si vedrebbe innanzi tutto che le interpretazioni di Odisseo sono molte: troviamo in lui il campione della menzogna e della generosità, della fedeltà agli affetti domestici e dello spirito irrequieto di avventura, della prudenza e della temerità. Tutte queste possibilità sono proprio suggerite dall'Odissea, il cui protagonista pensa sempre alla casa ma va in cerca di guai, è molto cauto ma si caccia senza ragione nella grotta del Ciclope e vorrebbe affrontare Scilla con la spada in pugno, mescola la schiettezza alla falsità più raffinata. Gli eroi epici sono tutti così. Essi non nascono nella mente del poeta con un carattere individuale definito, al contrario, il poeta epico conosce temi e storie differenti che possono essere secondariamente raggruppati attorno al nome di uno qualsiasi degli eroi già noti. Ogni storia, prima di essere attribuita a un personaggio determinato, ha un suo antico intreccio che viene ripetuto con gli stessi gesti e con la stesse battute del dialogo. Anche Odisseo è nato così, e dunque ripete atti e discorsi già appartenuti ad altri. La storia dell'Odissea è poi tanto complessa, cioè è derivata dalla confluenza di fonti così diverse, che è fuori luogo cercare nella figura del protagonista un'unità psicologica e morale alla quale il poeta non pensava affatto. Il poeta epico non inventa liberamente i suoi caratteri, egli tiene nella memoria un repertorio di temi fissati fin nella forma linguistica, e su quelli lavora. Nei due poemi omerici scelta e combinazione sono operate in modo diverso. Nell'Iliade c'è un episodio di guerra in cui agiscono parecchi grandi guerrieri della leggenda che si succedono sulla scena nell'intrecciarsi di due temi principali: l'ira di Achille e la guerra di Troia. A lettura finita ci ricordiamo le situazioni, ma nessuno sforzo d'immagine ci permette di astrarre da esse i personaggi come caratteri individuali che si distinguano fra loro altrimenti che per maggiore o minore forza fisica. I tipi umani sono così indifferenziati e vaghi che non potremmo mai caratterizzare una persona conosciuta dicendo che è un Achille o un Diomede. L'Odissea annuncia fin dal primo verso che l'unita è data dal protagonista: non si ha più un episodio con tanti personaggi, ma un personaggio che passa attraverso tante avventure. Nella guerra più eroi venivano a confronto e si alternavano sullo stesso terreno, e in ciascuno di essi si riusciva a vedere impersonata con varia intensità e con certe sfumature l'unica qualità comune della virtù militare. Qui invece Odisseo è solo tra figure umane e sovrumane troppo diverse da lui e fra loro. Fra ninfe e mostri, pretendenti e mendicanti, egli obbedisce ogni volta alle circostanze così come volevano la vecchie storie “preomeriche”. Odisseo è “polùtlas”, un termine che poteva essere inteso come “molto audace” o “molto paziente”, “che ha molto vantaggio”; potremmo dire che Odisseo è “capace di tutto”. Nel ciclo epico troiano si raccontava che gli achei, durante il ritorno in patria, erano cacciati dagli dèi in molte disavventure. Odisseo rimpatriava per ultimo, tanto tardi che persino la moglie cominciava a disperare di rivederlo ed era assediata da numerosi pretendenti. Ma fra la partenza da Troia e il ritorno c'era uno spazio abbondante di tempo che poteva essere riempito con le peripezie più varie. Bastava attingerle ai repertori esistenti e adattarle alla storia di Odisseo. Si può dire che l'Odissea è in complesso posteriore di decenni all'Iliade e fu composta fra l'VIII e il VII secolo a.C. a quell'epoca non esisteva il nostro concetto dell'originalità poetica, che si rivela anche nella scelta della singola parola, né quello della proprietà letteraria. I poeti riprendevano dalla tradizione orale formule e versi interi o gruppi di (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file