Letteratura Latina

  • Materia: Letteratura Latina
  • Visto: 132
  • Data: 30/04/2016
  • Di: Angela Ardizzone

La togata e l'atellana

Le forme teatrali a Roma tra il II e il I secolo a.C.: la togata e l'atellana.

LA TOGATA E L'ATELLANA: LA NASCITA DELLA TOGATA. Tra il II e il I secolo a.C. a Roma, insieme alla palliata d imitazione greca, fiorisce la togata, la commedia ambientata in Italia. La sua caratteristica è la presenza di personagg romani, caratterizzati da una certa gravitas, una severitas che la collocava la tra tragedia e la commedia. Essa fu dunque sentenziosa e moraleggiante, anche se non possiamo aggiungere nient'altro data la scarsità dei frammenti che ci sono pervenuti. 
 

TOGATA: GLI SCRITTORI DI TOGATE. Ricordiamo 3 scrittori di togate: 

  • Titinio, di cui possediamo 180 versi e 15 titoli, molti dei quali sono appellativi di donne. Ciò potrebbe farci pensare ad uno studio approfondito sul carattere delle donne.
  • Lucio Afranio, l più grande autore di togate, molto lodato per le sue rappresentazioni di vita quotidiana. Fu vicino alle commedie di Menandro e Terenzio anche trattando argomenti italici. Di lui abbiamo circa 400 versi e 44 titoli (Abducta, Cinerarius, Simulans, Sorores, ecc...). Dai frammenti emerge una predilezione verso il mondo familiare e il tono raccolto e pensoso. 
  • T. Quinzio Atta fu anche egli esperto nel rappresentare tipi femminili. Di lui possediamo pochi frammenti e 12 titoli (Aedilicia, Nurus, Sucrus ecc...)
     

LA NASCITA DELL'ATELLANA. Durante l'età di Slla prese autonoma forma letteraria l'atellana, di cui ci rimangono pochissimi frammenti. Si trattava di teatro di gusto popolare, fondato su piccole scene della vita di ogni giorno, con una sapidità che spesso diventava sconcezza. Si tratta di una manifestazione della comicità italica tipica, in cui abbiamo la presenza di maschere tradizionali come Bucco, Maccus e Pappus. Dai frammenti desumiamo anche il gusto del ritrarre scene di vta campagnola. Tra i principali autori di atellane abbiamo:

  • Lucio Pomponio, di Bologna, ci rimangono 200 versi e 70 titoli: Asina, Bucco adoptatus, Maccus, Rustcus, Verres salvos ecc... 
  • Novio, di cui possediamo circa 100 versi e 44 titoli: Duo Donnesi, Ficitor, Maccus copo, Zona, Vrgo praegnans