Prima Prova 2002

  • Materia: Prima Prova 2002
  • Visto: 41072
  • Data: 18/12/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Internet, uno strumento di evoluzione

Maturità 2002. Tipologia B – ambito tecnico-scientifico: Conoscenza, lavoro e commercio nell’era di internet. TITOLO: Internet, uno strumento di evoluzione. DESTINAZIONE: rivista scolastica

Stiamo attraversando un’epoca di grande progresso, soprattutto dal punto di vista scientifico ed elettronico. Si pensi come i computer stiano influenzando sempre di più la nostra vita quotidiana. Sta cadendo in disuso l’abitudine di fare la fila agli sportelli di poste e uffici. Ora, infatti, è possibile fare tutto stando comodamente seduti su una poltrona da casa: si possono pagare le bollette, richiedere certificati, mandare lettere, leggere giornali e addirittura fare la spesa. Basta semplicemente avere un computer e una connessione internet.
Internet, dal punto di vista dell’informazione, permette di leggere le notizie in tempo reale. I siti dei più importanti quotidiani, infatti, vengono aggiornati più volte nell’arco della giornata, con lo scopo, appunto, di rendere un servizio migliore tenendo costantemente aggiornati i lettori. Ma quanta strada si è fatta per raggiungere questo successo? Dapprima era molto difficile anche comunicare a distanza con persone che vivevano oltreoceano. Come afferma il giornalista Pace in un articolo pubblicato da La Repubblica il 12 dicembre 2001, è stato grazie a Marconi che si è avviato lo sviluppo della comunicazione a distanza. Egli, infatti, fu il primo a far arrivare una lettera (la “s” dell’alfabeto morse) dalle coste dell’Europa, in Cornovaglia, fino in Canada utilizzando semplicemente un filo appeso a un aquilone. Marconi, dunque, è stato l’inventore della radiotelegrafia. E da allora sono stati fatti passi avanti: l’invenzione del telefono, del telefono cellulare e, infine, del computer e di internet. Il computer, quindi, sta lentamente prendendo il posto dei quotidiani. Con un semplice click, infatti, è possibile leggere in tempo reale notizie provenienti da ogni parte del mondo.
L’uso di internet non si limita soltanto alle informazioni. Esso è utile anche per chi è in cerca di lavoro. Infatti, come viene affermato nel Supplemento a panorama del 15 novembre 2001, gli annunci non si pubblicano più solo sui giornali o sulle bacheche, ma anche su internet. Stando davanti al pc, l’utente può iscriversi a siti di lavoro, inserire il proprio curriculum, specificare il settore lavorativo di interesse e leggere gli annunci pubblicati dalle aziende rispondendo ad essi inviando semplicemente una mail. Gli annunci su internet permettono una risposta veloce e, dunque, sono «uno strumento rapido per far incontrare la domanda con l’offerta». I siti di ricerca del personale oggi sono diffusi in tutto il mondo e costituiscono un ottimo strumento per chi vuole lavorare subito.
Navigando in rete è possibile anche fare la spesa e comprare ogni tipo di oggetto. Come affermato da Grando in Commercio elettronico e progettazione logistica. Una relazione sottovalutata, il commercio on line si sta sviluppando sempre più e prevede molteplici attività, come consegna di contenuti digitali, trasferimenti elettronici di fondi, scambi commerciali elettronici…
Non c’è dubbio, dunque, sul fatto che internet abbia rivoluzionato la nostra vita in ogni suo aspetto. Hobsbawn, in Intervista sul nuovo secolo, afferma che il computer influenza anche il mercato finanziario internazionale. Nell’angusto mondo di scambi, vendite e offerte, è,  infatti, possibile anche per un semplice cittadino accedere a questo tipo di mercato, in quanto il computer è un mezzo utilizzabile anche da gente comune.
Insomma, viviamo in un’epoca fortemente influenzata dall’uso di internet. Come ogni invenzione, anche essa ha i suoi lati oscuri: in rete si possono nascondere pirati informatici, pedofili, sfruttatori e persone pericolose per la nostra incolumità. Sicuramente, negli anni futuri, internet renderà la nostra vita ancora più semplice. Poniamo, però, attenzione all’uso di questa nuova tecnologia facendone un corretto utilizzo.

Stefania Annunziata