Prima Prova 2004

  • Materia: Prima Prova 2004
  • Visto: 25595
  • Data: 08/12/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

L’indispensabile sentimento dell’amicizia

Saggio breve sull'amicizia, un traccia svolta cui ispirarsi per lo svolgimento di un compito a casa o in occasione della prima prova di maturitĂ .

L'indispensabile sentimento dell'amicizia 

Tema svolto sull'amicizia, argomento di riflessione e motivo di ispirazione poetica nella letteratura e nell'arte.

Svolgimento

L’amicizia è un sentimento che sta alla base dei rapporti umani. Infatti, come afferma Cicerone nel De amicitia, «la vita non è vita senza amicizia» e senza di essa l’uomo non è libero. Per natura si sfugge l’isolamento e la vita è più bella se si ha un amico con cui condividere le proprie emozioni. Non avrebbe senso salire in cielo e ammirare le bellezze del creato se poi non si avesse nessuno a cui comunicare questa bella esperienza.
Secondo me, il valore che Cicerone attribuisce all’amicizia è quello più vero. Infatti un uomo senza amici è un uomo solo e vive in una perenne disperazione perché non ha nessuno con cui condividere le proprie angosce e paure. L’amico, quindi, diventa un  sostegno dolce e caro perché, con la sua presenza e i suoi consigli, dà sollievo nei momenti più difficili della vita. Proprio come succede a Renzo, uno dei protagonisti de I promessi sposi di Alessandro Manzoni. Renzo, dopo due anni, ritrova un amico che aveva perso di vista. I due si scoprono essere più amici di prima e iniziano a raccontarsi le loro vicende sia belle che brutte. Alla fine, l’amico dice a Renzo che alcuni avvenimenti sono brutti a sentirsi e avrebbero tolto l’allegria per tutta la vita. Diventano, però, più sopportabili se se ne parla con un amico fidato.
Il vero amico, dunque, non è quello che prende parte solo alle gioie dell’altro, ma colui che garantisce la sua presenza anche nei momenti di dolore. Nel passo Vita dei campi della novella Rosso Malpelo, Verga presenta il protagonista mentre cerca di alleviare le pene del malato amico Ranocchio con dei beni materiali. L’amicizia viene qui esaltata come un sentimento privo di qualunque accezione economica. Malpelo, infatti, non è ricco, ma spende comunque una parte della sua misera paga settimanale di minatore per comprargli del vino e della minestra. Inoltre, per coprirlo meglio e farlo riscaldare, gli dà anche i suoi pantaloni quasi nuovi, quelli che erano appartenuti una volta al suo defunto padre, e lo assiste durante la notte.
L’amicizia è un sentimento che nasce naturalmente senza aver bisogno di tempi stabiliti. Uhlman, ne L’amico ritrovato, racconta che il protagonista non ricorda quando e come Konradin sia diventato suo amico. Tra loro era nato un sentimento di amicizia così forte che il protagonista si dichiara addirittura anche disposto a morire per Konradin.
L’amicizia, dunque, è un sentimento vero, leale e duraturo. Oggi, purtroppo, sembra non essere così in quanto ognuno cerca di sfruttare l’altro, anche gli amici più veri, per il proprio tornaconto. Secondo me, ognuno dovrebbe ricordarsi che non è bello vivere da soli e che la propria vita diventa più facile se si ha qualcuno con cui condividerla. Infatti come ci si sente meglio dopo aver sfogato e raccontato i propri problemi a un amico! Oppure quanto diventa più grande una gioia se condivisa con qualcuno che ci sta accanto! È, dunque, vero il famoso detto che “chi trova un amico trova un tesoro”.

Stefania Annunziata


Non perderti le nostre raccolte di tracce svolte per trarre spunto e ispirazione: