Storia

  • Materia: Storia
  • Visto: 13940
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Abstract - scaricare il file per l´appunto completo
La rivoluzione industriale Il '700 è il secolo delle rivoluzioni. Ci sarà la rivoluzione americana, la rivoluzione francese ed ora quella industriale. La crescita demografica in Europa subì delle oscillazioni piuttosto ampie a partire dal 1200. L'aumento della popolazione del XVIII secolo dipese dalla diminuzione della mortalità, grazie alla scomparsa della peste e di alcune altre malattie infettive favorite dalla scarsa alimentazione, dalle carestie, dall'uso di acqua infetta, dalle scarse pratiche igieniche (si trovò un vaccino per il vaiolo che cominciò a scomparire nei paesi più sviluppati). Un altro motivo della crescita demografica fu l'aumento della disponibilità di prodotti alimentari e la diffusione delle colture del mais e della patata e l'aumento della superficie coltivata. Il solo Paese che sembrò aver conosciuto una trasformazione più radicale nell'agricoltura, sia in termini tecnico-agronomici sia economico-sociali, fu l'Inghilterra. La RIVOLUZIONE INDUSTRIALE, quindi, inizia in Inghilterra e segna l'affermarsi del sistema economico-capitalistico e della classe borghese. La rivoluzione industriale fu preparata in Inghilterra dalle rivoluzioni politiche che permisero l'affermarsi dei ceti borghesi che fecero del Paese una grande potenza coloniale. La rivoluzione industriale ha la sua premessa tecnologica nell'introduzione di nuove macchine che moltiplicarono il rendimento del lavoro umano ed ha la premessa economica nel capitale che si accresce secondo la dinamica del profitto. Per il rinnovamento tecnologico, preannunciato dalle mirabili invenzioni del XVII secolo (microscopio, cannocchiale, barometro, termometro, orologio a pendolo), si deve ricordare quello applicato all'industria tessile (lana, seta e cotone) che aveva allora il primato industriale. La spoletta automatica aveva permesso il raddoppio della produttività dei telai; la filatrice meccanica (giannetta) ed il telaio ad acqua, che azionava il telaio con la forza idraulica, impressero alla lavorazione delle fibre tessili un possente incremento; ma il balzo decisivo fu compiuto con l'applicazione all'industria tessile della macchina a vapore trasformata, poi, in macchina motrice. Nacquero così i primi telai meccanici; ciò portò alla formazione dei primi complessi industriali, perché era necessario concentrare i telai e le macchine a vapore. Non meno importanti furono le innovazioni nel campo dell'industria siderurgica dove, al posto della legna, fu impiegato il carbone fossile. Si diffuse anche un nuovo processo nell'industria del ferro, un metodo di affinazione della ghisa. Altre invenzioni tecnologiche furono la calce idraulica (il futuro cemento) che rivoluzionò i sistemi dell'edilizia, la piallatrice e la perforatrice meccanica, la macchina per cucire e quella per scrivere, il gas illuminante, la fotografia. Importantissimi furono anche i nuovi ritrovati della scienza chimica che mutarono la tecnica della colorazione tessile. Tutte queste innovazioni costituiscono la risposta della tecnica alle nuove esigenze di mercato. In questo nuovo tipo di economia, fondata sul profitto, la produzione non mira più a soddisfare i bisogni, ma tende ad ACCUMULARE DENARO. Questo cessa così di essere il mezzo che facilita gli scambi e diventa il fine della produzione stessa, trasformandosi in strumento di potere, di egemonia sociale e politica. Karl Marx penetrò il meccanismo di questo processo indicando nelle fabbriche il luogo ove si realizza, a spese dell'operaio, tale «mostruosa» crescita del denaro. Infatti nel nuovo sistema di produzione, l'operaio viene retribuito solo per una minima parte della forza-lavoro da lui impiegata, quella che assicura la sua sopravvivenza; tutto il resto, cioè il plusvalore, serve all'accumulo del capitale. Un altro importante fenomeno è la rivoluzione dei mezzi di trasporto, iniziata con l'applicazione della macchina a vapore ai trasporti marittimi e terrestri. Nacque il primo battello a vapore (segue nel file da scaricare)

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file