Storia

  • Materia: Storia
  • Visto: 9017
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Risanamento economico

I provvedimenti fascisti per risanare l'economia italiana.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Generalità

Il Fascismo fu un movimento politico sorto in Italia, fondato il 23 marzo 1919, in Milano, da Benito Mussolini. Organizzato con lo scopo di combattere sul terreno ideologico l'organizzazione democratica dello Stato parlamentare, non fu ritenuta adatta ai tempi. Il movimento ebbe dapprima scarso successo, ma gli errori del socialismo e le violenze degli attivisti,conosciute come squadre rosse, determinarono nel Paese e specialmente nei ceti borghesi, uno stato di terrore di fronte alla minaccia comunista. Mussolini seppe sfruttare tale stato d'animo, tanto più facilmente quanto più i vari Ministeri che si succedettero si dimostrarono incapaci a tenere alto il prestigio dello stato.

Le forze capitaliste finanziarono il movimento che organizzò le squadre di azione per fronteggiare i disordini promossi dai socialisti e dai capi delle organizzazioni operaie; tra gli uomini politici liberali e cattolici si fecero sempre più numerosi e simpatizzanti per il fascismo, e cosi anche tra i combattenti.

Nelle elezioni del 1921 il fascismo conquistava trentaquattro seggi; nell'ottobre del 1922 Mussolini tentava la scalata al potere e su nomina del Re e dei capi dei partiti politici otteneva l'incarico di costituire un Ministero di concentrazione, cui parteciparono i popolari i liberali e alcuni indipendenti anche in rappresentanza delle forze combattentistiche. Fu illusione di molti che, secondo le promesse, il Mussolini avrebbe ristabilito l'ordine, disciolte le proprie squadre, posto fine alle violenze private e governando democraticamente, tanto che il Parlamento, confortato dalla stampa e dalla pubblica opinione, concesse al Governo i pieni poteri per due semestri successivi.

Nelle elezioni del 6 aprile 1924, svoltesi secondo un progetto proposto e presentato dall'Acerbo al Parlamento che lo approvò, usci vittoriosa la lista del Blocco Nazionale che oltre ai fascisti comprendeva quasi tutti i liberali e parecchi cattolici. Forte della maggioranza assicuratasi, benché dopo l'uccisione del deputato socialista Giacomo Matteotti (10 giugno 1924) l'opinione pubblica si volgesse per qualche tempo contro il fascismo, al Mussolini fu facile trasformare il suo Governo in dittatura, il che avvenne con parvenze legalitarie mediante le leggi. Accettata passivamente dalla maggior parte dagli Italiani, avversata da pochi spiriti liberi e dai comunisti, confortata dal consenso spesso entusiastico ed ammirativo di Governi, di uomini politici e ceti dominanti stranieri, la dittatura fascista sfociò nel suo massimo splendore nella seconda guerra mondiale, che il popolo italiano subì impreparato e renitente, ma contro gli inutili lutti della quale cominciò a reagire soltanto quando le sconfitte militari patite su tutti i fronti, le città indiscriminatamente bombardate, il territorio metropolitano invaso (1943), fecero cadere anche le più tenaci illusioni.

Mussolini, abbandonato dalla pubblica opinione, posto in minoranza da un voto dal Gran consiglio del fascismo, poté essere rimosso dalla sua carica dal Re che chiamò il Badoglio a formare un nuovo Ministero (25 luglio). Dopo l'armistizio (8 settembre 1943), invasa gran parte d'Italia dai Tedeschi, Mussolini fu liberato dalla prigionia e messo a capo di un nuovo partito fascista e del governo illegale della repubblica sociale italiana creata dai Tedeschi, rovesciata dalle truppe italiane e alleate nell'aprile 1945.

Politica del Duce

Con l'avvento del regime al potere si restringeva la libertà di azione e di espressione, ma in compenso iniziò una politica economica che portò l'Italia ad una grande ripresa. Grazie alle numerose bonifiche dopo il 1924 crebbero a dismisura le esportazioni di manufatti, si trattava infatti di accrescere la produzione agricola mediante nuovi macchinari e nuove superfici coltivabili; queste operazioni portarono ad una diminuzione della disoccupazione nella campagne con un accrescimento di manodopera.

Nel 1926 ci fù la svolta del fascismo verso la dittatura, venne ridotta ancora la libertà di stampa, gran parte dei poteri furono accentrati nelle mani del duce e il parlamento si vide tolta la funzione legislativa rimanendo solo come organo di controllo ed infime fù messo al bando il partito comunista.

Sempre nel 1926 Mussolini decise la rivalutazione a quota 90 lire nei confronti della sterlina, ciò portò l'Italia ad effettuare una politica di protezionismo economico, cioè diminueno le esportazioni si cercava di far scendere l'inflazione. La rivalutazione dell lira non ebbe però gli effetti previsti, infatti con la diminuzione di esportazioni numerose aziende che basavano il proprio commercio al di fuori del nostro Paese dovettero chiudere, facendo così aumentare la disoccupazione e il malumore tra la gente.

Dal 1930 in Italia si manifestarono con chiarezza le ripercussioni della crisi mondiale e fino al 1934 l'economia dette ben pochi segni di ripresa, così nel 1935 il regime mise in atto un programma di rilancio economico, promuovendo la guerra d'Etiopia.La conquista dell'Etiopia fu portata a termine tra l'ottobre 1935 e maggio 1936 dal maresciallo Rodolfo Graziani, a capo di un imponente spiegamento di uomini e mezzi; la guerra allargò i confini del mercato nazionale in un epoca di rigido protezionismo e fece aumentare il consenso popolare che tra il 1930/34 si era abbassato a causa della disoccupazione e dei salari molto bassi.

La conquista dell'Etiopia portò una rottura del fascismo nei confronti della Società delle Nazioni (alla quale spettava il compito di far rispettare la pace) la quale inflisse sanzioni economiche contro l'Italia perché aveva aggredito uno stato membro, queste sanzioni ebbero scarso effetto perché l'Italia cercò aiuto dalla Germania ma questa mossa portò ad un isolamento del nostro paese il quale si trovò costretto ad allearsi con la Germania, e così, con l'asse Roma-Berlino stabilito nel 1936 e con il Patto d'Acciaio del 1939 si arrivò ad una fase fondata sulla costituzione di un blocco di stati fascisti che volevano imporre la loro egemonia su tutta Europa; ciò però fece saltare alcuni programmi di Mussolini che fino alla guerra di Etiopia l'Italia aveva avuto una politica estera autonoma.

Intanto in Germania, Hitler aveva attuato le leggi razziali che portarono ad una politica aggressiva del nazi-fascismo, e nel settembre del 1938 Germania, Italia, Francia e Gran Bretagna si ritrovarono a Monaco per discutere di questa politica; Hitler promettè di non far mutare la geografia europea, ma sei mesi dopo la Cecoslovacchia cadde sotto la Germania e nel settembre del 1939 Hitler occupò la Polonia, con il relativo scoppio della seconda guerra mondiale.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file