Storia Moderna

  • Materia: Storia Moderna
  • Visto: 8779
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La crisi della fine del XIX secolo

I problemi in Italia alla fine del XIX secolo.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Durante il governo di Di Rudinì destò scalpore l'articolo di Sonnino "Torniamo allo statuto", che diceva di dar meno importanza al Parlamento, e che il governo era responsabile solo nei riguardi del sovrano, non del parlamento.

Un altro problema era la necessità dei cattolici a partecipare alla vita politica italiana.
Tra il 1897-1898 scoppiarono a Milano rivolte per il prezzo del pane: Di Rudinì mando il generale Bava Beccaris, che le represse nel sangue, e che fu addirittura insignito di medaglia. Fu scandalo e Di Rudinì si dimise.

Salì così al potere Pelloux che abolì le leggi di Crispi (libertà di stampa, associazione, pensiero). Ma in parlamento le leggi liberticide non passarono grazie all'ostruzionismo dell'opposizione, la quale si prese il consenso dell'opinione pubblica. Nelle elezioni del 1900 vista la sconfitta Pelloux si dimise e sale Saracco.

Nel frattempo venne ucciso il re Umberto I dall'anarchico Bresci che voleva vendicare i morti di Milano. Sale al trono Vittorio Emanuele III. A Genova viene sciolta la camera del lavoro, ma Saracco revoca lo scioglimento e si dimette. Il re affida il governo a Zanardelli che prende con sé Giolitti.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file