Storia Moderna

  • Materia: Storia Moderna
  • Visto: 10344
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La politica interna dopo il 1848

Come organizzarono la politica interna le grandi potenze europee dopo il 1848.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

FRANCIA 

Il Secondo Impero imposto ai Francesi dopo il colpo di stato da Napoleone III si configurò come un regime profondamente autoritario e conservatore. La classe che maggiormente si riconosceva in questo nuovo sistema politico fu la borghesia industriale e finanziaria. 

La politica imperiale di Napoleone III, oltre a reprimere sistematicamente ogni spinta democratica e popolare, favorì lo sviluppo industriale e gli interessi di questo nuovo ceto di uomini d'affari.

L'appoggio della Chiesa, che conservava la sua base di consenso nelle campagne, garantì al Secondo Impero l'adesione delle masse contadine.
Dopo il 1860, però, crebbe l'opposizione democratica che obbligò l'imperatore ad avviare una serie di riforme. Esse favorirono innanzitutto il proletariato urbano, cresciuto enormemente di numero, il cui appoggio era indispensabile per la stabilità del regime.
 

Napoleone III avviò una politica estera espansionistica volta a fare della Francia la potenza egemone a livello continentale. Questa politica si rivelò piena di contraddizioni che alienarono all'imperatore l'appoggio della Chiesa e suscitarono l'opposizione della Prussia, la cui forza militare travolse infine l'impero francese: il 01 settembre 1870, a SEDAN, le truppe francesi vennero sbaragliate da quelle prussiane e lo stesso Napoleone III fu fatto prigioniero. Tre giorni dopo, per iniziativa dei liberali moderati, l'Impero venne dichiarato decaduto e fu proclamata la Repubblica.

GERMANIA

Per quanto riguarda gli Stati Tedeschi il processo di unificazione fu preceduto da un periodo di forte progresso economico, che determinò la quasi estraneità della borghesia tedesca al processo di realizzazione dello STATO UNITARIO : le caste militari e l'aristocrazia fondiaria (JUNKERS) non lasciarono spazio politico ai nuovi ceti imprenditoriali ed alle iniziative dei movimenti democratici. L'unità della Germania fu costruita dall'alto in un rapido processo di conquista militare degli Stati Tedeschi ad opera di Otto von Bismark e del sovrano di Prussia, Guglielmo I. 


INGHILTERRA

L'Inghilterra durante il lunghissimo regno di Vittoria I, raggiunse 2 primati: l'essere col suo impero coloniale «padrona del mondo» e con il suo sistema industriale la «fabbrica del mondo». Questi due primati erano strettamente collegati: le ingenti ricchezze accumulate nell'industrializzazione vennero investite nella formazione dell'immenso impero coloniale, che a sua volta consentì un'ulteriore prosperità economica della madre patria.

Sul piano politico la Corona ed i Governi britannici seguirono un duplice orientamento:

1) garantire l'equilibrio fra gli Stati Europei e favorire l'affermazione delle spinte nazionalistiche;

2) evitare le spinte delle classi lavoratrici con una politica riformatrice.

Essere la nazione più ricca del mondo rese possibile tutto ciò: le risorse erano tali da garantire un relativo benessere delle classi lavoratrici. La strategia riformistica venne abbandonata nella QUESTIONE IRLANDESE nella quale si manifestavano un conflitto d'interessi e radicali spinte autonomistiche dell'Irlanda; prevalsero, quindi, gli orientamenti conservatori: il liberale William Gladstone non ebbe più l'appoggio inglese ed il suo posto fu preso dal conservatore Benjamin Disraeli, intransigente avversario dell'autonomismo irlandese.

AUSTRIA e RUSSIA

Nei Balcani Russia ed Austria erano le 2 potenze dominatrici subito dopo il 1814/1815. Dopo mezzo secolo questo potere era venuto meno; del resto il cuore dell'Europa si era spostato verso Parigi, Berlino e Londra.

L'Austria aveva perduto i domini italiani ed il controllo degli Stati Tedeschi, che subivano l'attrazione della Prussia.

La Russia aveva visto bloccate le proprie mire espansionistiche verso i Balcani e ciò l'aveva confinata al ruolo di Stato periferico, incapace di influenzare la politica mondiale.

Simili processi erano dovuti al fatto che Austria e Russia erano state toccate solo marginalmente dal fenomeno dell'industrializzazione: le loro economie erano sostanzialmente arretrate. All'arretratezza economica corrispondeva quella del sistema politico. La Russia quindi non fu in grado di inserirsi nella penisola balcanica, in quanto incapace di fronteggiare la Francia e l'Inghilterra che si allearono con l'Impero Turco, invadendo il Mar Nero e ponendo d'assedio Sebastopoli, la più importante piazzaforte russa in Crimea.

La guerra di Crimea, alla quale partecipò un contingente militare piemontese inviato dal governo sabaudo per un sottile disegno di politica estera di Camillo Benso conte di Cavour, dopo lunghi combattimenti ebbe termine nel 1856 con la totale sconfitta dei russi. Fu così che le grandi potenze si riunirono in congresso a Parigi per trattare le condizioni di pace.

STATI UNITI

Durante la prima metà del 1800 gli USA erano diventati una nuova potenza industriale. Sfruttando le enormi risorse di materie prime e la conquista di nuove terre, mano a mano che la «frontiera» si spostava prima verso il WEST poi verso gli Stati del NORD-EST, aumentava anche la produzione manifatturiera. Negli Stati del SUD prevaleva invece un'economia agraria più arretrata, basata su latifondi schiavisti specializzati nella produzione di cotone. Pertanto i contrasti fra NORD industriale e SUD agrario divennero insanabili.

Il conflitto esplose quando venne eletto presidente degli Stati Uniti Abramo Lincoln, noto antischiavista. Dopo 4 anni di scontri che costarono più di mezzo milione di morti, i nordisti ebbero il sopravvento costringendo i sudisti alla resa il 09 aprile 1865. La guerra di secessione portò alla definitiva egemonia degli Stati industriali all'interno della Confederazione e la liberazione degli schiavi contribuì alla creazione di un'enorme massa di forza-lavoro disponibile ad essere assorbita nell'industria, che da allora conobbe un'ulteriore espansione.

Gli schiavi negri furono costretti o a continuare a servire i vecchi padroni oppure ad ammucchiarsi nei sobborghi delle grandi città del NORD: da schiavi contadini ad operai il passo fu breve e, come diceva un vecchio canto popolare, «andarono a lavorare per 5 $ da Mr. Ford».

I conflitti fra NORD e SUD furono duri a morire: 5 giorni dopo la fine della guerra, Lincoln, che aveva abolito 2 anni prima la schiavitù, fu assassinato da un fanatico sudista.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file