Storia Moderna

  • Materia: Storia Moderna
  • Visto: 9297
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La Prima Rivoluzione Industriale

I caratteri principali della prima rivoluzione industriale in Europa.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Nel Medioevo le grandi aree tessili si concentravano soprattutto nell'area delle Fiandre e dell'Italia centro-settentrionale (Toscana e Lombardia). Tuttavia, nel corso del 1400, la crisi che investì il vecchio sistema delle CORPORAZIONI, che garantivano una limitata concorrenza e fornivano manodopera e prodotti altamente qualificati, portò i mercanti-imprenditori a trovare conveniente spostare il centro dei loro interessi verso quei villaggi in cui più deboli erano i poteri corporativi. Fu così che Tournai, Valenciennes o Hondschoote da semplici villaggi divennero medie cittadine impegnate nella produzione tessile.

La manifattura tessile fiamminga venne orientata verso prodotti leggeri ed a buon mercato. In quest'ambito si fece largo il cosiddetto lavoro a domicilio che veniva svolto direttamente a casa propria da quello che era un vero e proprio proletariato, che per un salario bassissimo accettava spesso di occupare i tempi morti dell'anno per compiere lavori meno qualificati, come la tessitura.

Anche in Inghilterra il Cinquecento fu secolo di grande sviluppo dell'industria tessile con il sistema del «domestic system» (LAVORO A DOMICILIO). L'ottima lana inglese veniva utilizzata soprattutto a livello nazionale; le Fiandre infatti si servivano, per la maggior parte, delle lane provenienti dalla Spagna. Tuttavia ciò non precluse alle esportazioni inglesi di poter contare su un'ascesa costante sul continente europeo, tanto che all'inizio del '600 gli ottimi tessuti inglesi, così vari nelle gamme e nei prezzi, entrarono nel Mediterraneo facendo una seria concorrenza ai prodotti italiani. La crescente domanda di lana spiega la tendenza all'ampliamento dei prati per il pascolo ovino e la recinzione di quelle terre su cui si sperimentavano le colture foraggere intensive.

All'inizio del 1500 Firenze conservava un posto di rilievo nella produzioni tessile europea; si può dire che tutta l'Italia centro-settentrionale poteva vantare un volume di affari complessivo superiore a quello inglese. I centri tessili italiani furono però danneggiati dalla guerra che oppose la Spagna di Carlo V alla Francia di Francesco I. Tuttavia già nel 1550/1560 la Toscana e la Lombardia avevano recuperato le loro precedenti posizioni. La Lombardia e soprattutto Firenze rimanevano fedeli al prodotto di alta qualità ed alto prezzo. In Italia il lavoro a domicilio non prese piede e così non si stabilirono, come successe altrove, forti rapporti economici fra città e campagne. Lo sviluppo della produzione tessile fu dovuto in larga misura al settore della SETA; conseguentemente il mercato della lana subì una grossa contrazione.

Le industrie tessili nell'Europa del '500 costituivano una parte rilevante dell'attività manifatturiera, ma non si possono trascurare anche altre attività quali quelle legate all'edilizia, all'arredamento, all'abbigliamento, agli eserciti ed agli armamenti. Sempre più imponente divenne la produzione di libri stampati. Ma l'Europa cinquecentesca era anche mondo di grandi flotte lanciate per tutti i mari del globo, e quindi un mondo divoratore di materiali da costruzione.

Il ferro era presente negli attrezzi agricoli, per la produzione di oggetti comuni quali chiodi, coltelli, catene ecc., ma ancora maggiore importanza aveva il legno specie per il settore manifatturiero. Alla sua innegabile valenza come materia prima si accompagnava il suo uguale predominio come materia combustibile. Un suo sostituto era il cosiddetto carbone minerale, già noto prima del 1500, che si raccoglieva in superficie e scavando pozzi non troppo profondi. I limiti del suo utilizzo massiccio erano però le sue alte proprietà inquinanti ed i danni alle produzioni industriali con i gas emessi durante la combustione e con l'eccessivo calore.

I costi del carbone erano però assai più bassi di quelli della legna e così gli inglesi decisero di adattarsi ai suoi inconvenienti, preferendo produrre a basso costo per un mercato ampio, piuttosto che continuare a pagare una buona qualità cui si poteva rinunciare, Fu così che l'Inghilterra, con 150 anni d'anticipo, si preparò alla vera e propria rivoluzione industriale.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file