Storia Moderna

  • Materia: Storia Moderna
  • Visto: 22001
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

La Seconda Rivoluzione Industriale

1850-1870: le fasi e le novitĂ  della Seconda Rivoluzione Industriale.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Durante il periodo che va dal 1850 al 1870 lo sviluppo industriale fu un fenomeno generalizzato a livello europeo. Questo periodo passa sotto il nome di SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. Il settore trainante fu quello dei trasporti: furono costruite in tutto il continente 75.000 km. di strade ferrate e ciò permise di raggiungere nuovi mercati per la vendita dei prodotti industriali ed agricoli, ma anche di alimentare una continua domanda di ferro e carbone (quest'ultimo veniva utilizzato sia come fonte energetica per azionare le locomotive sia come elemento essenziale per il funzionamento delle macchine a vapore industriali).

Parallelamente si svilupparono anche i trasporti via mare. L'industrializzazione appare così un meccanismo propulsore che permise l'allargarsi dei mercati, la crescita del commercio internazionale dei beni di consumo e lo sviluppo dell'industria siderurgica e meccanica per la costruzione di ferrovie e navi. Tuttavia lo scambio di beni di consumo non ebbe un ruolo trainante nell'economia europea a causa degli scarsi redditi dei ceti popolari.

Oltre all'industria anche l'agricoltura conobbe un intenso sviluppo basato principalmente sull'aumento della domanda di prodotti alimentari, causata dall'aumento demografico e sul potenziamento della produttività dei terreni, grazie soprattutto ad attrezzi sempre più efficienti ed a miglioramenti dei sistemi di rotazione.

La prima conseguenza visibile di queste trasformazioni furono massicce migrazioni di contadini dalle campagne verso le città, che si trovarono ben presto ad avere cospicue quantità di forza-lavoro. Nacque in questo periodo un mutamento della divisione internazionale del lavoro per cui i Paesi europei maggiormente industrializzati scambiarono i propri manufatti e le tecnologie coi prodotti agricoli dei Paesi meno sviluppati.

La prima fase dell'industrializzazione si autofinanziò, ma a lungo andare divenne sempre più onerosa, cosicché, nella seconda metà del 1800, cominciarono a sorgere nuovi tipi di banche e di società, come le S.p.A., con lo scopo di raccogliere capitali da investire poi nello sviluppo industriale. In particolare, in Francia fu creato il «CRÉDIT MOBILIER» che basò la propria attività sul risparmio di massa, da investire nell'industria.

In Germania invece si crearono molte piccole banche con lo scopo di intervenire nei settori più bisognosi di capitali.

In Inghilterra invece industria e banca rimasero separate.

A tutto questo va aggiunto che, oltre a questi scopi, le banche europee si riservarono anche quello di emettere moneta. Nel campo giuridico rivestirono un ruolo importantissimo le S.p.A.: infatti attraverso l'emissione di azioni esse permettevano di rastrellare risparmi. Si cominciarono ad emettere anche le obbligazioni.

Per quanto riguarda l'organizzazione del lavoro si cominciò a fare sempre più massicciamente ricorso alla sua DIVISIONE ed alla sua PARCELLIZZAZIONE.

La SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE riguardò più Paesi della PRIMA, si diffuse in Europa ma soprattutto toccò gli Stati Uniti. In questo periodo si nota la continua ricerca di terre dalle quali ricavare materie prime e che richiedessero prodotti finiti nostrani: è questo il fenomeno del Neocolonialismo.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file