Storia Moderna

  • Materia: Storia Moderna
  • Visto: 13888
  • Data: 2004
  • Di: Redazione StudentVille.it

Lineamenti storici tra il 1400 e il 1500

Gli eventi principali avvenuti tra il 1400 e il 1500.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file

Verso la metà del '300 le strutture demografiche ed economiche del mondo comunale italiano vennero investite da una grave crisi che ne rivelò tutta la debolezza: l'espansione produttiva e commerciale del secolo precedente si arrestò, molte banche fallirono (Bardi e Peruzzi), la popolazione malnutrita e mal curata venne falcidiata dalla peste (nel 1348 - Boccaccio) città e campagne si spopolarono. La tendenza espansiva del periodo precedente subì una brusca inversione: la produzione di beni di consumo diminuì, il commercio internazionale interessò nuovamente beni di lusso, i capitali, anziché nel commercio, vennero reinvestiti nell'acquisto di terre (RIFEUDALIZZAZIONE). Si registrò un cambiamento profondo nella mentalità del borghese e del ricco cittadino: allo spirito imprenditoriale che aveva accompagnato le attività mercantili e finanziarie, si andava sostituendo la ricerca di investimenti poco rischiosi che assicuravano una rendita più che un profitto.

Parlando di rifeudalizzazione si intende la rivalutazione di una serie di fenomeni tipicamente feudali: la terra era gestita senza spirito imprenditoriale. I vincoli giuridici che legavano i contadini alla terra erano stati in linea di massima spezzati; però, seppure non servo della gleba, il contadino, spesso indebitato, dipende pesantemente dal nuovo signore agrario.

La crisi ebbe ripercussioni sociali e politiche: da un lato il malcontento urbano e contadino esplose in tutta l'Europa in una serie di rivolte e tumulti; dall'altra l'oligarchia urbana si strinse intorno al suo potere ed al suo privilegio. La società urbana divenne fortemente gerarchica ed il potere urbano subì una concentrazione nella mani di pochi: si ha la trasformazione delle strutture repubblicane del Comune in quelle monarchiche della Signoria e del Principato. Il Signore dapprima esercita il potere rispettando sul piano formale le costituzioni repubblicane; poi afferma con decisione il principio monarchico e dinastico, sollecitando l'investitura imperiale.

L'Italia tornò a riempirsi di duchi e di conti e la ragione di questo va cercata nelle condizioni reali delle città italiane, nella stanchezza per le lotte politiche e sociali, nel bisogno di ordine interno e di capacità espansiva verso l'esterno per avere mercati più vasti e sicuri. La successiva trasformazione fu la costituzione di un sistema di stati regionali: Milano, Venezia, Firenze, Napoli e Roma.

A Milano con i VISCONTI abbiamo la Signoria più forte ed intraprendente. Con GianGaleazzo, i Visconti sfiorarono un successo strepitoso: la formazione di uno stato vasto e potente, esteso a gran parte dell'Italia centro-settentrionale, capace, forse, di aggregare a sé territori ancor più vasti e di porsi come nucleo di uno stato nazionale. Il progetto fallì a causa della morte di GianGaleazzo, con conseguenze per la storia futura della penisola.

Altre aree non furono mai interessate al fenomeno signorile; Venezia, per esempio, rimase per secoli attaccata alla propria costituzione oligarchica, mentre la Toscana e soprattutto Firenze resistette più a lungo. Le strutture repubblicane a Firenze sopravvissero per molto tempo fino ad identificarsi idealmente con la città (tra il '300 ed il '400 il conflitto Firenze-Milano aveva anche il valore ideale di scontro fra repubblica e principato).

Questo periodo storico, per le sue caratteristiche peculiari, si identifica con la corrente dell'UMANESIMO.

Appunto completo all'interno del file da scaricare.

Scarica il file