Temi e Saggi

  • Materia: Temi e Saggi
  • Visto: 3379
  • Data: 01/12/2011
  • Di: Redazione StudentVille.it

Fantasia e racconto fantastico

La fantasia è un aspetto ormai presente nella vita degli individui che si “aggrappano” all’irrealtà per trovare conforto e riparo in un luogo ben diverso dalla realtà che ci circonda, che il più delle volte non è come la vorremmo.

La fantasia è un aspetto ormai presente nella vita degli individui che si “aggrappano” all’irrealtà per trovare conforto e riparo in un luogo ben diverso dalla realtà che ci circonda, che il più delle volte non è come la vorremmo. L’abbandono all’immaginazione è il tema che ha portato alla nascita della letteratura fantastica, caratterizzata da diversi autori che le hanno conferito delle particolari sfaccettature artistiche. Non sempre questo genere letterario coinvolge un gran numero di appassionati che provano piacere nel leggere un racconto irrazionale, sono spesso individui che in qualche modo identificano le proprie paure e preoccupazioni con quelle dei protagonisti delle storie, coinvolti in situazioni che non accadono frequentemente nella vita quotidiana; il fatto che questi avvenimenti capitino raramente nelle esistenze dei personaggi, suscita nel lettore forte interesse per quello che sarà lo scioglimento finale del racconto. La letteratura fantastica possiede un’innumerevole schiera di scrittori che ci intrappolano nella loro ragnatela di fantasia; alcuni tra i più grandi autori sono: Poe, Mauppassant, Pirandello, Lavecraft, … ne “Il ritratto ovale” di Poe, il protagonista si trova innanzi a un quadro che ha catturato la vita e l’anima della sua modella, il racconto è diviso da due voci narranti: la prima parte della storia viene descritta in prima persona, mentre la seconda parte in terza. L’ambiente, particolarmente suggestivo, rimanda a sensazioni paurose e spettrali, nonostante tutto, questo testo potrebbe mancare di credibilità poiché il protagonista si trova in preda al delirio. Ne “L’estraneo” di Lovecraft, il soggetto del racconto si trova a esplorare un’ala sconosciuta del castello in cui vive. La vicenda è dominata dalla suspense presente dall’inizio alla fine della storia e il narratore è esterno alla vicenda. Il punto principale di questo racconto è la scalata verso l’ignoto, rappresentata dal fatto che il protagonista attraversa ciò che non conosce per scoprire una nuova dimensione. Kafka, nel suo racconto “Durante la costruzione della muraglia cinese” fa trasparire il suo pessimismo. Questo racconto porta in se una grande metafora. L’uomo deve vivere i suoi limiti, evidenziati dalla costruzione parziale, e non provare a interpretare il disegno divino, perché non sarebbe in grado di comprenderlo fino in fondo. Nei racconti sopra citati si possono individuare tutte le particolari caratteristiche proprie del genere fantastico, cioè quello che il lettore cerca di scorgere tra le righe: un ambiente con un alto contenuto emotivo, delle vicende surreali che coinvolgono l’equilibrio spirituale del protagonista, e le metafore tra le righe del testo.