Temi Svolti per la Maturità

  • Materia: Temi Svolti per la Maturità
  • Visto: 33094
  • Data: 26/01/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Tema storico sulla seconda guerra mondiale

L'Italia entrava in guerra nel giugno 1940, un anno dopo le altre potenze europee. Analizzando la delicata situazione internazionale protrattasi per diversi anni immediatamente precedenti alla guerra, esaminare i motivi che indussero il governo fascista prima alla scelta della neutralitĂ  nei confronti del conflitto, e successivamente all'ingresso in guerra a fianco della Germania.

Lo scoppio della seconda guerra mondiale, con l’aggressione della Germania nazista ai danni della Polonia, nel settembre del 1939, arriva al culmine di almeno cinque anni di tensioni internazionali, che hanno costituito la causa prima del più grande conflitto che il pianeta abbia mai conosciuto.
L’equilibrio fragile e forzato, scaturito dai patti imposti - più che concordati - alle potenze sconfitte al termine della prima guerra mondiale; l’ascesa delle destre reazionarie ai vertici di importanti stati europei, a cominciare da Italia e Germania; il desiderio di rivincita e di espansione di quest’ultima, parallelamente alla riluttanza da parte dei grandi stati democratici europei (Francia e Inghilterra) a stipulare patti con l’Urss, costituirono i motivi principali delle tensioni cominciate già all’inizio degli anni Trenta. Era il 1932, per esempio, quando l’Italia di Mussolini appoggiò le rivendicazioni austriache e ungheresi ai danni la cosiddetta Piccola Intesa (Cecoslovacchia, Iugoslavia e Romania), inimicandosi in questo modo la Francia, alleata di queste ultime.
Il percorso che portò nel giugno del 1940 l’Italia in guerra, in ogni caso, è un percorso abbastanza contraddittorio, costituito da un quasi perenne appoggio all’aggressiva politica estera tedesca, ma allo stesso tempo da piccoli passi e apparenti ripensamenti, che almeno da un punto di vista di facciata, e almeno fino al 1938, tentavano di evitare una definitiva rottura nei rapporti internazionali, soprattutto con la Francia. A creare per la prima volta dei problemi seri tra l’Italia e le potenze che erano uscite vincitrici dal primo conflitto mondiale, in realtà, fu l’intervento fascista in Etiopia nell’ottobre del 1935. Le sanzioni economiche che furono imposte all’Italia, però, furono piuttosto blande, e nel maggio del ’36 Mussolini poté annunciare in pompa magna la rinascita dell’Impero italico, (che comprendeva anche le antiche colonie di Eritrea e Somalia), nella denominazione di “Impero dell’Africa Orientale Italiana”.
In maniera parallela alle difficoltà che andavano nascendo nei rapporti con Francia e Inghilterra, Mussolini rafforzò i propri legami con la Germania di Hitler: pochi mesi dopo la proclamazione dell’Impero, infatti, l’Italia siglò con lo stato nazista prima l’alleanza nota come Patto Roma-Berlino, e poi contribuì a estendere questa stessa alleanza al Giappone. Va detto, però, che come l’Italia non aveva intenzione di rompere con Francia e Inghilterra, anche queste ultime provarono fino all’ultimo istante utile a salvare i rapporti con la Germania, per non doversi trovare nelle condizioni di sottoscrivere delle alleanze con l’altra grande potenza est-europea, quell’Unione sovietica che incarnava per le democrazie continentali il pericolo comunista. Francia e Inghilterra, per esempio, non fecero certo la voce grossa per provare a impedire l’invasione dell’Austria da parte della Germania nel marzo del ’38, decidendo di intervenire soltanto quando nei piani di Hitler si palesò la possibilità di annettere anche la Cecoslovacchia. A quel punto, fu proprio Mussolini a mostrare un atteggiamento di equilibrio e di mediazione, che in realtà si poneva a netto favore della diplomazia tedesca e di conseguenza dell’intervento in Cecoslovacchia. La conferenza internazionale a Monaco, con cui il duce provò a mediare tra Germania e l’accoppiata anglo-francese fu un fallimento, ma Mussolini riuscì a conservare ancora per qualche tempo una posizione di apparente neutralità, che gli sarebbe stata necessaria in seguito, per organizzare il proprio schieramento.
Proprio mentre Hitler invadeva la Cecoslovacchia, d’altronde, l’Itaila occupava l’Albania, e cosa ancor più importante, stipulava con la Germania il Patto d’acciaio, che implicava l’intervento militare di una delle due parti nel caso in cui “l’altra si trovasse implicata in operazioni belliche con una o più potenze”. L’accordo, come si può notare, non dettava alcuna condizione riguardo un intervento soltanto a scopo difensivo, e di conseguenza rappresentava un innegabile volontà da parte di entrambe le potenze, ad essere una al fianco dell’altra in una guerra ormai pronta a scoppiare. Se questo non avvenne, nel settembre del ’39, quando Francia e Inghilterra decisero di opporsi all’avanzata tedesca in Polonia, non fu per un desiderio o una scelta di neutralità dell’Italia nei confronti del conflitto che coinvolgeva l’alleato germanico, ma per una necessità materiale, quale quella di organizzare in maniera adeguata (sia dal punto di vista militare che industriale) l’ingresso del paese in un conflitto che si prospettava dall’incerta durata. La propaganda fascista, infatti, aveva nel corso degli ultimi mesi fatto largo uso di un linguaggio e di una spavalderia militare tutt’altro che corrispondente alle reali potenzialità dell’esercito italiano, a cominciare dal celebre richiamo agli “otto milioni di baionette” pronte a scendere sul campo di battaglia. Soltanto il 10 giugno del 1940, però, Mussolini - forte anche delle vittorie del suo alleato in Francia - decise di inoltrare le dichiarazioni di guerra agli ambasciatori di Francia e Inghilterra. Il duce, infatti, era convinto che una volta piegata definitivamente l’esercito transalpino, anche l’Inghilterra avrebbe cercato un compromesso per chiudere in breve tempo il conflitto. Il tempo “guadagnato” sugli alleati, però, nel tentativo di organizzare militarmente il paese, si rivelò tutt’altro che prezioso, tanto che nella prima offensiva italiana (sulle Alpi, contro la Francia) il conflitto presentò un esito disastroso, quale seicento morti, tremila feriti e più di duemila “congelati”. Quest’ultimo dato, in particolare, è utile per dare l’idea di come nonostante l’attesa, l’Italia si sia lanciata in maniera assolutamente inadeguata in un conflitto di portata mondiale, destinato a proseguire per ulteriori cinque anni dal momento del suo ingresso in guerra.