Terza Prova - Biologia

  • Materia: Terza Prova - Biologia
  • Visto: 1595
  • Data: 30/04/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

La comparsa del genere Homo nel continente africano

L’evoluzione di quali fattori anatomici ha accompagnato la comparsa del genere Homo nel continente africano?

Nel continente africano in aree comprese tra l'Africa orientale e il sud Africa circa 1 o 2  milioni di anni fa, si stabilì l’homo ergaster dal greco "lavoratore". La corporatura e le proporzioni erano simili alle nostre.

Con cervello tra 800 e 900 cm cubici, presentava arcate sovraorbitarie molto accentuate, piedi lunghi, struttura massiccia. L’homo ergaster assieme alle altre due varianti Homo erectus e Homo heidelbergensis, fu il primo ominide in grado di articolare il linguaggio. Ergaster conosceva l'arte di accendere il fuoco, come la conosceva Homo erectus.

In Africa Orientale furono ritrovati i resti dell’homo erectus risalente a circa 1,8 milioni di anni fa, un ominide  con cervello che andava dagli 800 ai 100 cm cubici presentava ossa robuste, cranio lungo e piatto e fronte sfuggente, lavorava le pietre come l’homo ergaster.