Terza Prova - Filosofia

  • Materia: Terza Prova - Filosofia
  • Visto: 1674
  • Data: 17/11/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Cosa è per Marx l’alienazione?

Cosa è per Marx l’alienazione?

Marx delinea il concetto di alienazione rifacendosi a Feuerbach il quale aveva identificato tale concetto con l'uomo religioso, l'uomo scisso, ossia sottomesso ad una potenza esterna da lui stesso posta che lo estranea dalla propria realtà. Così, M intende per alienazione la situazione storica dell'operaio inserito nella società capitalistica a causa della proprietà privata. La scissione di tale individuo è riferita a ben quattro aspetti. Il lavoratore è alienato rispetto al prodotto della sua attività in quanto egli produce un oggetto che non gli appartiene e rispetto alla sua stessa attività che ha la forma di un lavoro costrittivo in cui egli è solo uno strumento di fini estranei. Inoltre il lavoratore è alienato rispetto al suo stesso genere umano perché gli viene impedita l'unica condizione in grado di innalzarlo sugli animali, cioè quella di un lavoro libero e creativo, ed infine rispetto al prossimo perché il rapporto negativo con il capitalista lo porta ad avere un rapporto conflittuale con l'umanità in genere. La dis-alienazione può avvenire secondo il filosofo solo con il superamento della proprietà privata e con l'avvento del comunismo.