Terza Prova - Filosofia

  • Materia: Terza Prova - Filosofia
  • Visto: 1518
  • Data: 17/11/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Quale funzione attribuisce Freud all’Io in quell’organizzazione spaziale dell’apparato psichico definita comunemente “seconda topica”?

Quale funzione attribuisce Freud all’Io in quell’organizzazione spaziale dell’apparato psichico definita comunemente “seconda topica”?

La “seconda topica” è un luogo, o regno, della psiche umana. Al suo interno, Sigmund Freud (1856-1939) individua tre elementi: l’Es (o Id), l’Io ed il Superio (o Superego). L’Es rappresenta le pulsioni e le energie caotiche, mentre il Superio le strutture sociali dominanti e i doveri morali. L’Io funge da intermediario e da terreno di confine, e questa collocazione non agevola la sua espressione, anzi la incastra tra l’irrazionalità e la convenzionalità. L’ Io rappresenta la personalità cosciente lacerata dal conflitto psichico: è servitore di due padroni, o tre se si considera anche il mondo esterno alle cui norme è collegato tramite il Superio. La sua funzione di collegamento, mediazione e organizzazione è precaria e schiacciata dagli altri elementi della psiche e, perciò, degenera spesso in angoscia: reale, morale e nevrotica. Nel tentativo di ubbidire al “principio di realtà” della morale e della civiltà e, al contempo, al “principio di piacere” della passione pulsionale e della somaticità, è immerso in una lotta continuativa che sfocia spesso nel senso di colpa.