Terza Prova - Filosofia

  • Materia: Terza Prova - Filosofia
  • Visto: 2062
  • Data: 28/05/2012
  • Di: Redazione StudentVille.it

Vivere in società significa condurre necessariamente un’esistenza alienata? Commentate questa frase e argomentato il vostro giudizio facendo ricorso a

rispondi in 20 righe

Nella storia della filosofia, il tema dell’alienazione è congiunto a quello dell’esistenzialismo. Ciò che si mette in risalto è il rapporto tra l’individuo e la società e, in particolare, tra l’essenza umana e il mondo esterno. A tal proposito, si considerano due approcci contemporanei, ma differenti e contrastanti. Uno è quello espresso dalla filosofia di Soren Kierkeegard (1813-1855) e l’altro dalla filosofia di Karl Marx (1818-1883). Secondo Kierkeegard, l’esistenza umana è alienata perché priva di una vera libertà di scelta, compensata solo da una possibile vita religiosa e dal rapporto con Dio. L’angoscia che deriva dall’impossibilità di raggiungere il completo soddisfacimento dei bisogni esistenziali porta l’uomo a fare un salto psicologico al di là della normale esistenza quotidiana. L’eccezionalità dell’individuo, in questo modo, è recuperata nella dimensione della fede. Secondo Marx, invece, l’esistenza umana è alienata perché proiettata in oggetti esterni. Nel modo di produzione capitalistico, ad esempio, il lavoro umano è oggettivato nel suo prodotto, che diventa merce di scambio. Nella società borghese, al contempo, si riproduce anche una dinamica di estraniazione tra l’individuo e lo Stato, tra l’essenza umana e le leggi. Il capovolgimento di questa relazione, però, non è la rivalsa individuale o la chiusura, ma l’emancipazione collettiva. Come si nota, dunque, Kierkegaard propone un movimento “in verticale”, mentre Marx “in orizzontale”.

Tags: